Scheda n. 250 - Agosto 2011 - Riferimento _n. 993


HEBELOMA CRUSTULINIFORME (Bull. ex Fr.) Quèlet 1872

 

250. Hebeloma crustuliniformeFoto S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

 

Sinonimi

Agaricus crustuliniformis Bull., 1787, Hebelomatis crustuliniformis (Bull.) Earle 1906, Agaricus ossa J.F. Gmel. 1792.

Volg. : Ebeloma a crosta di pane

Etimologia

Hebeloma = con l'orlo peloso (dal greco hèbe = peluria della pubertà, e lomà = orlo),
crustuliniforme = a forma di piccola crosta di pane (dal latino crustuliniformis)



Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales,, Famiglia: Cortinariaceae, Tribù: Hebelomeae, Genere: Hebeloma, Sotto-Genere: Hebeloma, Sezione: Denudata, Sotto-Sezione: Crustuliniformia, Specie: crustuliniforme.



Commestibilità

Tossico. Provoca irritazioni gastrointestinali.


Descrizione

È uno di quei funghi molto comuni che ti fanno pensare “….se fosse buono da mangiare, avrei già riempito il cestino!”. Cresce in numerosi esemplari spesso in cerchi delle streghe che si notano facilmente, quando sono giovani, per il loro colore nocciola chiaro lucente che contrasta con l’erba o il sottobosco opaco. Ha uno sgradevole odore rafanoide .

Cappello diametro fino a 70 mm, prima convesso in seguito piano-convesso con largo e basso umbone, margine involuto nei giovani esemplari, poi intero; superficie pileica liscia e viscida all’inizio poi di aspetto glassato che tende a screpolarsi e a formare delle macchie ocra con il secco, di colore ocra più o meno carico, a volte fulvastro, più chiaro verso il bordo; margine involuto e pruinoso, biancastro, senza resti di velo.

Lamelle sub-ventricose, annesse, abbastanza fitte, intercalate da lamellule, di colore biancastro poi più scure, alla fine marrone per la maturazione delle spore, con filo lamellare discontinuo più chiaro, finemente crenulato, ricoperto da goccioline ialine nei giovani esemplari, che, a maturità, lasciano residui a forma di macchiette scure.

Gambo 40-80 x 10-15-(20) mm, cilindrico, diritto, o anche ricurvo in basso, base da claviforme a bulbosa, pieno, di colore biancastro, tendente a macchiarsi di ocraceo verso la base negli esemplari maturi; pruinoso, ornamentato da piccole fioccosità biancastre su tutta la sua lunghezza.
Carne soda nel giovane, bianca, ocracea negli esemplari maturi, soprattutto nella zona corticale dello stipite; odore rafanoide, sapore amaro.

Cresce nei boschi di latifoglie, sotto quercia e castagno, ma anche in parchi e giardini, o ai bordi di strade, nell’erba.

Spore 10-13 x 6-8 micron, amigdaliformi, alle volte con leggera papilla apicale,

Possibilità di scambio

Si può confondere con Hebeloma sinapizans (vedi scheda nº29), simile nell’aspetto esteriore, ma che presenta alla sezione una compenetrazione a punta della carne del cappello nella carne del gambo, a differenza di Hebeloma crustuliniforme, dove la carne si presenta uniforma. Spesso viene anche confuso con alcune specie dotate di lamelle lacrimanti. Fra queste H. leucosarx, frequente sotto Salix, con spore poco ornamentate, gialle al microscopio e H. colossus, con spore obovoidi o largamente amigdaliformi.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 249;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 799;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 92;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 115;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav. 714;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 108, tav. 32/2 n. 380;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.257 n. 769;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, pag. 173.

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1902;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 179, tav. pag. 185;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 57;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 633;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 106, tav. 33 n. 916;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 519, fig. 86/5;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 158 n. 390;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 63;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 136;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 48;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 250;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 136;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 356;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag.247;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 181 tav. 25;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1 pag. 442;

Dermek A.: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 213, pag. 288;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 339;

Kalmár-Huller: Gombák, Búvar Zsebkönyvek Móra Könyvkiado, Budapest, 1978, pag. 14-15, fig. 1;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 196;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 359;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 624, foto 259;

Phillips R: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 147;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 196;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 136;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 256;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 139;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 78, foto 63;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 136;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 177;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 147;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 125;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 64;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 228;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 298;

Bozak Romano: Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, pag. 150.

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 108;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 170;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 127;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag.274, tav. 94 e pag. 275 tav. 95;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 461;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 607, tav. 849;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 274, foto 374;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 237, foto 165;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 306 n. 993;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 433, tav. 119;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 207;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 279;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 257;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 181, Iconografia n. 281;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 194;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 136, tav. 6/15;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 187;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 67;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 646;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 590;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 158;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 287;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 5, pag. 110 , foto 105;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag 222;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 100;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 88;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 170;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 290;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 257;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 255;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 131;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.354 n. 977;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 157;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 5, pag. 172, n. 515.

(Gianfranco Sperati)