Scheda n. 245     -      Luglio 2011      -      Riferimento n. 842 (in nota)

AMANITA FRANCHETII (Boud.) Fayod 1889


Amanita Franchetii 1GS.jpgFoto S. Ascarelli






clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Amanita aspera sensu auct. mult., non Persoon, Amanita aspera var. franchetii Boudier, 1881, Amanita queletii var. franchetii (Boud.) Bon 1985, Amanita queletii Bon & Dennis 1985, Amanita sublutescens Velenovsky 1920.

Volg. : Amanita a velo giallo

Etimologia

Amanita = da Amanos, monte tra la Cilicia e la Siria;
Franchetii = dedicato al botanico francese Adrien Renè Franchet (1834-1900).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Amanitales, Famiglia: Amanitaceae, Genere: Amanita, Subgenere: Lepidella, Sezione: Valida, Specie: franchetii.

Commestibilità

Non commestibile, potenzialmente tossico.

Descrizione

Fa parte della sezione Valida del Sottogenere Lepidella, insieme ad Amanita spissa. Un tempo era considerata una varietà di Amanita aspera, in seguito è stata sinonimizzata con la prima.

Il cappello misura 40-80mm di diametro, inizialmente convesso poi piano-convesso; superficie liscia, a margine, non striato, viscida a tempo umido, di colore giallastro, nocciola, bruno-grigio chiaro; ornamentata da residui di velo generale sotto forma di verruche più o meno appuntite, di colore bianco sporco o giallo pallido.

Le lamelle sono bianche, libere o attingenti, abbastanza fitte, quasi ventricose, fragili, con il filo pruinoso, frammiste a lamellule corte.

Il gambo misura 60-120x12-20 mm, di forma quasi cilindrica, robusto e slanciato, progressivamente allargato verso il basso, terminante alla base in un bulbo radicante che si insinua nel substrato, bianco, cosparso di fioccosità concolori, fugaci. Anello alto, ampio e spesso, di consistenza soffice, striato nella pagina superiore, di colore biancastro-giallo-bruno con il bordo merlettato. La volva, membranacea, spessa e inguainante la parte basale, è interamente dissociata in fiocchi concolori, all’esterno ocracea, biancastra all’interno.

La carne è soda nel cappello, fibrosetta nel gambo, gialla sotto la cuticola pileare, bianca altrove, odore irrilevante e sapore amarognolo piuttosto sgradevole.

Le spore, di 8-12 x 6-7 micron, di forma ellissoidale. Le spore in massa sono bianche.

È un fungo termofilo e cresce dall’estate all’autunno, soprattutto sotto latifoglie, isolato, ma anche a piccoli gruppi.

 

Possibilità di scambio

Potrebbe essere confusa con la più pericolosa Amanita pantherina che ha il bordo del cappello striato e volva circonciso-circellata e mantiene sempre le sue tonalità sul bruno-grigio o bruno-cioccolato. Si può confondere anche con Amanita spissa che è di dimensioni più grandi, col cappello grigio-ardesia o anche bruno (in tal caso ricordante la precedente) e le verruche decisamente bianche. Quest’ultima specie è commestibile.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag.18;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 19;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 303;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 17;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 70;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  3, tav.  10;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 282, tav. 80/3 n.933;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 104 n. 236;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 63;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. fig. 643;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 4, tav. 1 n.16;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.581;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav.21C;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n.388;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 13;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 48;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav..53;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 407;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 432;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 114;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 47;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 228;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 220;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 240;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 526, foto 145;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 16, foto 6;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, tav. 252;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 119;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 18;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 37, tav. 8;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 296;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 80;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 925. foto 1273;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 75, foto 11;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 276 n. 842;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 91, tav. 6A;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 26 in nota;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 194;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, foto 21C;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 236, Iconografia n. 388;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 165;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag.  278;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 408, foto 701;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.  128;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 229;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 148, foto  150;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 190;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 1;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 219 in nota;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 76 n. 19;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 80;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 128;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 40 n. 56;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 60;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 26;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 1, pag.29,  n.2.

Monografie:

Gilbert E.J. : Iconographia Mycologica – Amanitaceae, Comitato Onoranze Bresadoliane, Milano 1940, vol. XXVII, suppl. I, pagg. 353 e 356, tav. 41;

Merlo E.G. & Traverso M. : I nostri funghi: le Amanite, SAGEP, Genova 1983, pag. 112;

Foiera F., Lazzaroni E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Amanite, Ed agricole, Bologna, 1993, pag. 118, tav. 32;

Galli R. Le Amanite, Edinatura, Milano, 2001, pag. 144;

Neville P. – Poumarat S. : Amaniteae, Funghi Europei, vol.  9, Ed. Candusso, Alassio, 2004, pag. 742, ill. 127, foto81 A e B.

(Gianfranco Sperati)