Scheda n.244       -       Lugli0 2011        -      Riferimento n. 122

 

 

RAMARIA FORMOSA  (Pers. : Fr.) Quèlet

 

244. Ramaria formosa Foto S. Ascarelli
 clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Clavaria formosa Persoon. 

Volg.: Ditola velenosa, Manina tossica, Clavaria elegante.

 

Sistematica

Regno: Fungi,   Divisione: Basidiomycota,  Classe: Homobasidiomycetes,  Subclasse: Aphyllopho-romycetydeae, Ordine: Clavariales,  Famiglia: Ramariaceae,  Genere: Ramaria,  Specie: formosa. 

 

Etimologia

Ramaria  =  attinente a rametti vegetali o di corallo,

formosa = dalle belle forme (dall’aggettivo latino formosus)

 

Commestibilità

Velenosa. Produce intossicazioni di sindrome gastrointestinale (nausea, diarrea, cefalea, dolori addominali, disidratazione).

 

Descrizione

Alcune Ramarie come la R. aurea, la R. botrytis (v. scheda n. 26) e la R. largentii (v. scheda n. 171) sono considerate commestibili, anche se, per determinati soggetti, possono determinare effetti più o meno lassativi. Alla R. formosa viene invece riconosciuto un grado elevato di tossicità anche se non letale.

Trattasi di un basidiomicete di forma coralloide costituito da un tronco basale, grosso, robusto e sodo, bianco o soffuso di rosa, dal quale si diramano diverse ramificazioni con biforcazioni a “U”, cilindici e allungati, con colore rosa salmonato negli esemplari giovani e in seguito rosa ocracei. I numerosi ramuscoli apicali sono fragili, dentati, inizialmente giallo limone e successivamente giallo-brunastri per la sovrapposizione delle spore.

La carne è piuttosto compatta ma tendente a divenire molle, bianca, marmorizzata, virante al bruno vinoso allo sfregamento o alla rottura. Odore molto leggero. Sapore amarescente. Con soluzione all’anilina acquista, dopo circa dieci minuti, una colorazione grigio lilacina.

Spore 10 / 15 x 4 / 6 μm., cilindrico-elllissoidali, striate e fittamente verrucose, ialine. Sporata giallastra.

Comune da luglio a novembre, terricola, è presente in boschi di latifoglie, soprattutto sotto querce.

 

Possibilità di scambio.

Il carpoforo ancora giovane è facilmente identificabile per le sue tre tipiche colorazioni (bianca la base, rosa più o meno intenso nelle ramificazioni, gialli gli apici). E’ bene ricordare, tuttavia, che tutte le specie di Ramarie, in avanzato stato di maturazione, tendono ad assumere colorazioni simili e diventano difficilmente determinabili.

La specie più prossima può essere considerata la R. flavescens perché ha colori simili e cresce nel medesimo ambiente; ha tuttavia rami divaricati con selle miste a “U” e a “V” terminanti in apici giallo aranciato (come il colore dei grani del mais).

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 466;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 700;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 466;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  5, tav.  1087;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag.

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 710 n. 1015;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, pag. 315.

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 10, tav. .8;

Jacottet J.  : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 233 ;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 146;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 603;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 36, tav. 8;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 120, tav. 60 n. 1467;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 314, fig. 120/10, tav. 6;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 54 n. 85;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 332;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 198;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag.  328;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag. 172, tav. 77;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav.311;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 116;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 184, tav. 29;

Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 81;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 52;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 408,  tav. 746;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 50;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 333;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 484;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1983, collez. 2, tav. 89;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag.  150;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 216, foto 13;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 260;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 38 in nota;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 308;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  54;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 110;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag.  200;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 283;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 173;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 54;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag,  148, foto 175;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 146 n. 122;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 109;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 156;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 291;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 62, Iconografia n. 4;

Dickinson C. e Lucas J.  : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 157;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag.  170 in nota,  ill. n. 44  ;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 330;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  251;

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto  pag. 70;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 339;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 375, foto 174;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag.  940;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J.  : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 68;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 360, foto  467;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 48;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 289;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 208 n. 152;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 283;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 586;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 553;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 100;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 182;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 241;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 528 n. 1477;

Tiberi G. e Sperati G. :  I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 481.

 

(Sandro Ascarelli)