Scheda n. 243 - Luglio 2011 - Riferimento n. 1619

CHROOGOMPHUS RUTILUS (Sch. : FR.) O.K, Miller

 

243. Chroogomphus rutilus Foto S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus rutilus Schaeffer, Agaricus gomphus Persoon, Agaricus viscidus Linneo, , Agaricus lubricus Scopoli, Gomphydius viscidus Fries, Gomphydius viscidus var. rutilus Quèlet.

Volg. : Gonfidio viscido, chiodello

 

Etimologia

Chroogomphus = con il corpo a forma di chiodo (dal greco chròs = corpo e gomphus = chiodo)

rutilus = rutilante, del colore dell’oro rosso

Sistematica

Regno: Fungi; Divisione: Eumycota; Sottodivisione: Basidiomycota; Classe: Homobasidiomycetes; Sottoclasse: Agaricomycetidae; Ordine: Boletales; Famiglia: Gomphidiaceae; Genere: Croogomphus; Specie: rutilus.

Commestibilità

Discreto commestibile da consumare preferibilmente in un misto, con altri funghi. In cottura diviene nerastro.

 

Descrizione

Il genere Chroogomphus è stato recentemente creato da Rolf Singer per tener separate alcune specie (C. rutilus, C. helveticus, C. fulmineus) da altre tradizionalmente incluse nel genere Gomphydius. Rispetto a queste ultime, i Chroogomphus si presentano con un cappello più o meno umbonato, con la superficie pileica che, almeno a tempo asciutto, risulta fibrosa e fibrillosa, con le lamelle colorate ed infine con il micelio basale amiloide.

C. rutilus è conosciuto nei paesi anglosassoni con il termine “pin-spike” (chiodo dei pini) per evidenziare la circostanza che esso è simbionte esclusivo delle aghifoglie e, in particolare, di Pinus sylvestris e di Pinus nigra dove si produce abbondantemente anche perché nei rimboschimenti le radici delle giovane piante vengono micorrizzate con le spore di questo basidiomicete.

Il cappello può raggiungere dimensioni notevoli (anche di 13 / 15 cm.) e da conico-ottuso e poi convesso, tende a spianarsi pur conservando al centro un umbone più o meno acuto. Il margine, regolare e ondulato, tende a rimanere a lungo retroflesso. La superficie pileica è glutinosa e viscida con l’umidità, liscia, e brillante con il secco. Il colore è variabile: dal bruno rossiccio, al color laterizio, al rosso vinoso, talora con tonalità grigiastre o olivacee.

Le lamelle, da grigio vinoso a bruno olivastre e a bruno scuro, sono spaziate, ineguali, spesse, arcuate, abbondantemente decorrenti sul gambo.

Lo stipite può svilupparsi in altezza fino a circa 10 cm. ed è pieno, sodo, cilindrico, leggermente attenuato alla base, dello stesso colore del cappello, con un fugace residuo del velo al di sotto del quale si possono osservare bande più o meno fitte di piccole scaglie rosso-aranciate

La carne è fibrosa, generalmente soda e compatta nel gambo, di colore ocraceo o salmonato, con appariscente fiammatura giallo cromo alla base del gambo. Odore debole, fruttato; sapore gradevole ma un po’acidulo.

Spore lisce, sub fusiformi, 17 / 21 x 6 / 7 μm., giallo-brune al microscopio, sporata oliva bruno scura.

Molto comune ed abbondante nei boschi di aghifoglie, dalla tarda estate all’autunno, a tutte le altezza. Predilige suoli calcarei.

 

Possibilità di scambio.

Del C. rutilus si conoscono la var. fulmineus dai colori più rossi o aranciati, e la var. testaceus che ha una taglia più robusta ed un cappello semigloboso e meno viscido. Sono ambedue simbionti dei pini.

Anche C. helveticus ha lo stesso habitat ma differisce da C. rutilus perché ha una superficie pileica feltrata e color giallo arancio – albicocca ed una cortina meno fugace e più marcata.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 315;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 1138;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 112;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav. 673 ;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 8, tav. 3/2 n. 23;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 325 n. 1015;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, pag. 260;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1864;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 177, tav. 43;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 106;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 615, fig. 488;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 102, tav. 31, n. 864;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 349, ;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 182, n. 467;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto 249;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 192;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 154;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 268;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 2, pag. 154, tav. 173;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 234;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 157;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 45, fig. 42;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 81;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 81;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 650, foto 220;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 230;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 190;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 364;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 244, foto 215;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, tav. 17;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 197;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 191;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 442;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 72;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 207;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 50;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 130;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 107;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 165;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 54;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 274, tav.93;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 485 foto 727;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 616, tav. 482;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 418 n. 1618;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 515, tav. 161;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 203

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 351;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 136;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 91, Iconografia n. 88;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 192;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 152, tav. 14/16;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 352;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 233;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 37;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 817;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 587, foto 294;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 350;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 374;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 96 , foto 70;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 280;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 332;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 120;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 190 n. 133;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 165;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 374;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 189;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 346;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 500;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 84;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 79;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.516 n. 1445;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 201.

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 185;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 6, pag. 191, n. 621.

(Sandro Ascarelli)