Scheda n. 241        -      Luglio 2011       -      Riferimento n. 387

 

 

TRICHOLOMA VIRGATUM  (Fr. : Fr.) P. Kummer

 

241. Tricholoma virgatum Foto S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Agaricus virgatus Fries, Gyrophila virgata Quèlet

Volg. :Tricoloma striato. 

 

Etimologia

Tricholoma =  con l’orlo peloso (dal greco thrix, thrikhòs = pelo, capello e lòma = orlo); 

virgatum  = con delle strisce, striato.

 

Sistematica

Regno: Fungi,  Divisione: Basidiomycota,  Classe: Homobasidiomycetes,  Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales,  Famiglia: Tricholomataceae,  Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Tribù: Tricholomateae. Sezione: Sericeocutis, Sottosezione: Virgatineae, Genere: Tricholoma,  Specie: virgatum.

 

Commestibilità

Tossico: è causa di sindrome pardinica o acroresinoide

 

Descrizione

La sottosezione Virgatineae comprende Tricolomi dal cappello sericeo, spesso con evidenti fibrille, con carne acre e/o amara.

Il T. virgatum ha un cappello abbastanza carnoso, conico o piano-convesso, munito, in maturità, di un evidente umbone acuto. La cuticola è grigio-argentea, con riflessi metallici, percorsa radialmente da fibrille più scure. Il margine è lobato e talvolta fessurato. Ha un diametro di circa 7 o 8 centimetri.

Le lamelle, mediamente fitte e sottili, si uniscono al gambo con un dentino (sono quindi smarginate), sinuose, di color grigio pallido e con il tagliente che, nel fungo adulto, può presentarsi punteggiato di nero.

Gambo centrale, alto circa 10 cm., sodo, pieno e carnoso, cilindrico o appena ingrossato alla base, sericeo, un poco pruinoso all’apice, grigiastro, con sfumature rosate alla base nella varietà roseipes.

La carne è compatta, biancastra tendente ad ingrigire verso il margine o ad ingiallire nella estremità inferiore. Odore debolmente farinoso (o terroso). Sapore amaro e piccante. Reazione verde azzurra al gayac, rossastra alla fenoanilina.

Al microscopio le spore, ialine e non amiloidi,  si presentano in forma semiglobosa, esternamente lisce e con poro germinativo ben evidente. La sporata è bianca. La misura delle spore è di 7 / 10 x 6 / 7 μm.

I basidiomi si producono, isolati o gregari, presso conifere di montagna, nella tarda estate o in autunno.

 

Possibilità di scambio.

Abbiamo già accennato sopra alla varietà roseipes, caratterizzata dalla sfumatura rosata alla base del gambo.

La colorazione grigiastra potrebbe indurre a confondere il T. virgatum con qualcuno dei basidiomi del gruppo che ruota intorno al T. terreum; questi ultimi se ne distinguono nettamente perché la superficie pileica è sempre feltrata.

Il gambo bianco e nudo, l’umbone acuto del cappello ed il sapore acre ed amarognolo servono a escludere la possibilità di scambiare il T. virgatum con altri Tricolomi di colore grigio come il T. sciodes che ha sfumature lilacine sul cappello, lamelle che assumono tonalità rosate ed è simbionte esclusivo del faggio, ed il T. portento sum che ha gambo e lamelle con sfumature gialline e odore e sapore farinosi.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 48;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 110;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 278;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresado-liane, Trento, 1982, vol.  3, tav.  89;

Ricken A. : Die Blatterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 303, n. 1006, tav. 93/2;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 228 n. 663;

Jacottet J.  : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 93;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 627;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 17, tav. 6 n. 131;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 469, tav. 31;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 84, n. 172;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 578;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 40;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 89;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 112;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 9, pag. 122, tav. 858;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 287;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 155;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 158;

Moser M.  : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 129;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 164;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 132;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 806,  foto 351;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 140;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 61

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 196;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1996, collez. 15, tav. 750;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 120;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 141;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 35;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 6. pag.  309, tav. 258;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 150, foto pag. 235 n. 142;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 152;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  189;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 328;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 70;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 765, foto 1062;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 192 n. 387;

Lange J.E.  : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 37, tav.  23;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 486;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 144;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 98 in nota;

Dickinson C. e Lucas J.  : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 263;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag.  140 in nota;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 67;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  60;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 426;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 882, foto 626;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.  57;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J.  : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 374;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag.344 , foto 442;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pagg. 43 e 126;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 199;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pagg. 167 e 168;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 52;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 254 n. 198;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 328;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 92;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.147;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 244;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.130 n. 291.

 

Monografie:

Riva A. : Tricholoma, Ed. Biella G., Saronno, 1988, pag. 251, tav. 28;

Bon M. : Les Tricholomes, Documents mycologique mèmoire hors sèrie n. 2,Association d’Ecologie et de Mycolojie, CRDP Amiens, 1991, pag. 57, tav. 1/E.

 

(Sandro Ascarelli)