Scheda n. 232 - Giugno 2011 - Riferimento 1208

GYMNOPILUS PENETRANS (Fr. : Fr.) Murril

 

232. Gymnopilus penetransFoto di G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Agaricus hybridus Bull, Agaricus hybridus sensu Fries, Agaricus penetrans Fries, Flammula penetrans Quèlet, Flammula hybrida sensu auct., Fulvidula hybrida sensu auct., Fulvidula hybrida (Bull.) Singer, Phryophila penetrans Quèlet, Gymnopilus hybridus (Fr.) Singer. Gymnopilus hybridus (Bull.) Maire, Gymnopilus hybridus sensu auct., Dryophila penetrans (Fr.) Quél., Fulvidula penetrans (Fr.) Singer, Naucoria penetrans (Fr.) Henn

Volg.: Flammula penetrante

Etimologia

Gymnopilus = dal cappello glabro (dal greco gymnòs = nudo, glabro, e pìleos = cappello, berretto),

penetrans = che penetra, che si insinua (dal verbo latino pènetro) per il modo in cui lo stipite si innesta nel substrato.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Aphylloromyce-tydeae, Ordine: Cortinariales, Famiglia: Crepidotaceae, Genere: Gymnopilus, Specie: penetrans.

Commestibilità

Non commestibile..

 

Descrizione

Questi funghetti, di colore giallo fulvo o rosso ocra, si trovano in grande quantità, dalla fine dell’estate all’inizio dell’inverno, nei boschi di pino, fuoriuscenti dai residui legnosi caduti dai pini stessi.

Il cappello misura 25-60 mm di diametro ed è campanulato-convesso nei primi stadi poi diviene convesso-spianato con a volte un accenno ad umbone basso ed ottuso; la cuticola è asciutta, liscia o leggermente fibrillosa, di colore giallo cromo, giallo dorato, poi fulvo-rossastro, con il margine eccedente sempre più chiaro, di uniforme colore giallastro a tempo secco.

Le lamelle sono spaziate e diseguali, frammiste a numerose lamellule di diversa lunghezza, adnate al gambo o sinuato-subdecorrenti, quasi bianche all’inizio poi gialle, giallo-fulve, con macchiette rugginose in esemplari maturi.

Il gambo misura 30-60 x 4-6 mm, è cilindrico, quasi sempre ricurvo, all’inizio fibrilloso, a causa dei residui di un velo bianco, che non lascia anello, poi liscio e sericeo, a volte subradicante; la colorazione va dal giallo-ocraceo al brunastro ed è bianca tomentosa alla base.

La carne è esigua, fibrosa e tenace, bianco-crema nel cappello, giallo-ocra pallido nello stipite; l’odore è erbaceo e il sapore amaro.

Le spore misurano 7-9 x 4,5-5,5 micron e sono ellissoidali o subamigdaliformi, verrucose, di colore ruggine-giallastre in massa.

È un fungo saprofita lignicolo e vive su ceppaie marcescenti o residui legnosi di conifere, particolarmente su Pinus pinea; dal primo autunno al primissimo inverno.

 

Possibilità di scambio

Si può confondere con Gymnopilus sapineus, che ha il cappello fibrillo-squamoso, oppure con Gymnopilus picreus, che è più piccolo, con colori del cappello e del gambo sul fulvo-marrone-rossiccio e le lamelle più fitte e più gialle; inoltre vive sotto Pinus sylvestris.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 289;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 823;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 158;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav. 780;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 186 n. 629;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.321 n. 1002;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, pag. 2, pag. 179

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 109 n. 938;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 529, ;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 172 n. 431;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 3, tav. 211;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, foto 918;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 42 n. 152;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 111A;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 364;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 322, fig. 321

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1 pag. 561;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 345;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 366;

Roger Phillips: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 142;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 623, foto 301.

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 216;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 295;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 264;

Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983, pag. 195;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 143;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 226;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 58;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 244;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 301;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 107;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 168;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 129;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 995, tav. 1361A;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 586 n. 452;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 344 n. 1208;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 109;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 278;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 187;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 94;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 691;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 553, foto 534;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 761;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 292;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 5, pag. 138, foto 146;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 99;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 167;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 296;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 312;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 265;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 415 n. 144 in nota;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 78;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 302;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 233;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 5, pag. 155, n.508.

Monografie

Jean Holec: The genus Pholiota in central and western Europe, Verlag, 2001, pag. 199;

(Gianfranco Sperati)