Scheda n. 231 - Maggio 2011 . Riferimento n. 422

 

LEPISTA PANAEOLA (Fr.) P. Karsten

231. Lepista panaeolaFoto S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus calceus Fries, Agaricus luscinus Fries, Agaricus nimbatus Batsch, Secretan, Agaricus ectypus Secretan, Agaricus panaeolus Fries, Gyrophila panaeola Quàlet, Paxillus lepista Fries, Rhodopaxillus panaeolus R. Maire, Rhodopaxillus nimbatus (Batsch. : Secr.) Konrad & Maublanc, Tricholoma nimbatum Maire, Tricholoma panaeolus ss.Ricken, Tricholoma panaeolum subsp. calceolus (Fries) Starbäck, Clitocybe rickeni (Singer) Harmaja, Lepista luscina (Fr.) Singer, Lepista Rickenii Singer.

Volg. : Prugnolo autunnale

Etimologia

Lepista = nudo, pelato (dal greco lepistòs) quindi fungo privo di particolari ornamenti

panaeola = smagliante, picchiettato (dall’aggettivo greco panaìolus)

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomy-cetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricho-lomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Tribù: Lepisteae, Genere: Lepista, Specie: panaeola.

Commestibilità

Commestibile dopo cottura.

Descrizione

Questo fungo mi fu consigliato, tanti anni fa, da un amico di mio padre che lo chiamava prugnolo autunnale, perché credeva fosse la versione autunnale di Calocybe gambosa. Io lo mangiai e mi piacque e da allora lo raccolgo volentieri e lo ritengo più gustoso della versione…..primaverile! Naturalmente non ha niente di quest’ultima e ve ne do la descrizione qui di seguito.

È un fungo di medie dimensioni ed il cappello misura 60-130 mm di diametro, è emisferico nelle prime fasi di crescita poi diviene piano-convesso con leggera depressione centrale, ma spesso si presenta disteso e privo di depressione; il margine è involuto nei giovani esemplari poi disteso ed ondulato-lobato, raramente compaiono delle brevi striature; la superficie è liscia, glabra e pruinosa, di aspetto sericeo, brillante a tempo umido e decorata da fibrillature radiali innate e da guttule brunastre acquose; il colore varia dal beige al grigio-beige-rosato, punteggiato di grigio scuro verso il centro; margine di norma più chiaro.

Le lamelle sono fitte, da adnate a subdecorrenti, strette, con numerose lamellule frammiste e separabili “a pacchetto” dalla carne del cappello; la colorazione iniziale è crema chiaro poi grigiastro-rosa cupo nell’adulto.

Il gambo misura 45-100 x 10-25 mm ed è cilindroide, pieno nel giovane poi midolloso-stopposo; il colore va da biancastro a grigio-brunastro chiaro ed è percorso da fibrille longitudinali innate e concolori allo sfondo.

La carne è biancastra, tenera poi fibroso-spongiosa, con odore di farina un po’ rancida o vagamente un poco fruttato, sapore decisamente dolce.

Le spore misurano 5-7 x 3-4 micron e sono ellissoidali e di colore ocra-bruno-rosate in massa.

Vive dall’estate al tardo autunno, in zone erbose, come parchi e giardini, ma anche all’interno di boschi misti ove siano presenti radure erbose.

Possibilità di scambio

Confondibile con Calocybe georgii, ma come si è visto, oltre all’odore, al colore un po’ diverso ed all’assenza di guttule sul cappello, matura in primavera (vedi scheda 070). È privo di guttule anche l’apparentemente simile Clitocybe nebularis che, pur essendo consumato in molte parti d’Italia, è da considerarsi velenoso (vedi scheda 118).

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 87;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 182;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 249;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 59, tav. 45/15-18,

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 117;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 312 n- 1041, tav. 95/1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.238 n. 701;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 96, tav. pag. 57/C ;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 629;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 16, tav. 5 n. 117;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. .456, ;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag.226 n. 594;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 238A;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n.599;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav.83;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 2, pag. 84, tav.138;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 153;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 301;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 171;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 85;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 119;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 156;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 121;

Phillips Roger: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 113;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 629;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 216, foto 188;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 139;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 113;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 325, tav. 273;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 144;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 171;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 131;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 287;

Bozak Romano: Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 136; pag. 216.

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 482;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 674, tav. 930;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 88, foto 588;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 120, foto 54;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 200 n. 422;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 159;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 154;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 442;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 877, foto 599;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 625;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 160;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 212 , foto 245;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 143;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 203;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 173;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 112 n. 56 in nota;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 218;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 114;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 467;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.130;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 116;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 166;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 329;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 72, n.144.

Monografie:

Riva A. : Tricholoma, Ed. Biella G., Saronno, 1988, pag. 52;

(Gianfranco Sperati)