Scheda n.009          - Ottobre 2008 -           Riferimenti n. 189

 



HYGROCYBE CONICA (Scop. : Fr.) Kummel




hygrocybe_conica_20120428_1852287921.jpg








foto di Sandro Ascarelli


clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Agaricus conicus Schaeffer 1774, Agaricus croceus Bulliard 1781, Agaricus hyacinthus Batsch 1783, Agaricus aurantius Bolton 1788, Agaricus tristis Persoon 1799, Hygrophorus conicus (Schaeff.) Fries 1836, Godfrinia conica (Schaeff.) Maire 1902, Hygrophorus tristis (Pers.) Bresadola 1928, Hygrocybe tristis (Pers.) F:H:Maller 1945, Hygrophorus olivaceoniger P.D.Orton 1960, Hygrocybe olivaceonigra (P.D,Ortona) M.Moser 1967, Hygrocybe chloroides (Malençon) Kovalenko 1989, Hygrocybe cinereifolia Courtecuisse & Priou 1992.



Etimologia


Hygrocybe = con la testa umida (dal greco “Hydros”, umido, e “Kybe”, testa, cappello),

conica = conica, a forma di cono.

 


Sistematica


Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Genere: Hygrocybe, Subgenere: Hygrocybe, Specie: conica.

 


Commestibilità.


Da non consumare perchè riferito come leggermente tossico e in grado di provocare irritazioni gastroenteriche.

 


Descrizione


Il Genere “Hygrophorus” (funghi terricoli, omogenei, leucosporei, caratterizzato da lamelle spaziate, grosse e cerose) è stato ulteriormente suddiviso in Genere “Hygrophorus”, Genere “Hygrocybe” e Genere Camarophyllus (o “Cuphophyllus”).

Le Hygrocybe sono quindi funghi che nascono sul terreno dove generalmente sono simbionti di essenze erbacee, hanno una trama cellulare del cappello indifferenziata da quella del gambo, posseggono lamelle grandi, elastiche, quasi cerose dalle quali si producono basidiospore bianche, sono privi di anello e di volva e per di più sono caratterizzati dall’avere colori molto vivi e smaglianti resi ancor più evidenti dalla consistenza acquosa della carne e dal rivestimento pileico un po’ vischioso.

Dalla particolare conformazione del cappello a cono ha origine la denominazione di specie. Hygrocybe conica ha un aspetto quasi lanceolato e il cappello può avere un diametro di 3 o 4 centimetri. La cuticola, sericea, fibrillosa ed asportabile è di un vivace ed appariscente color rosso, con sfumature aranciate o giallastre.

Le lamelle larghe, mediamente spaziate, dall’aspetto come di cera, sono intervallate da lamellule ed hanno dapprima una colorazione giallastra volgente poi all’olivastro.

Il gambo, cilindrico, può raggiungere un’altezza di 6 o 7 centimetri ed è abbastanza sottile. I suoi colori dono uguali a quelli dal cappello ma tendono a farsi biancastri verso la base. In maturità il gambo da farcito diviene cavo.

Carne acquosa, giallastra, priva di odori o sapori significativi.

L’intero fungo tende ad annerire.

Spore di 12 / 14 x 8 / 9 micron, lisce, portate da basidi biscorici o trisporici, bianche nella sporata.

Fungo abbastanza comune che può rinvenirsi, in estate e in autunno, sia in pianura che in montagna, nei luoghi erbosi, aperti e soleggiati.

 


Possibilità di scambio.


Molte Hygrocybi presentano somiglianza con la specie osservata. L’ Hygrocybe conica var. chloroides è di un bel colore giallo citrino. L’ Hygrocybe pseudoconica o nigrescens annerisce totalmente a cominciare dal gambo. Altre Hygrocybi come l’ H. spadicea o l’ H. punica hanno dimensioni maggiori e, soprattutto, non tendono ad annerire. Sono tutti funghi da non consumare.

 

 

Bibliografia


Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pl. 418;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol 1, pl. 348 e 349;

Quèlet L. : Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 254;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 19, tav. 8 fig. 4;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 307;

Michael E. $ Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, pl. 76;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1872;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag.121;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 616;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1966, pag. 97, Iconografia n. 97;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 397, pl. 16/4;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 76, fig. 146;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, pl. 113/C;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 461, foto n. 677;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 122, fig. 89;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. : Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pl. 150;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, pl. 233/B;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 212;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 50, fig. 45;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 191;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 492;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 93;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 94;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 658 , ill. 71 e 72;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 116;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Ed agricole, Bologna,1982, pag. 304;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 226, tav. 197;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1984, collez. 3, pl. 122;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 60;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 104;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, scheda 154;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 112;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 184;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 93;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 306, pl. 425;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, vol. 1, 1993, pag. 92, foto 101;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 161, foto 92;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 527 , pl. 167/D;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 227;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 156, fig. 189;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 134;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 195;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pagg. 152 e 153, tav. 14/13;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 168,

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, foto 110;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 104;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 604, pl. 322;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, pag. 10;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 149;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, foto 85;

Gruppo Micologico Bresaola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 114;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 136;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 336;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag.194;
La Chiusa
L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 215;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 106 n.233;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G.
: I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag.75 ;
Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 107.
Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 248;
Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 1, pag. 106, n. 63;
Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 97;
Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 470.


(Sandro Ascarelli)