Scheda n. 217      -      Marzo 2011      -      Riferimento 111

CANTHARELLUS FRIESII Quèlet 

Cantharellus Friesii.jpg





Foto S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Merulius friesii (Quèlet) Kuntze

Volg. Cantarello di Fries, Gallinaccio aranciato.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Aphyllophoromicetideae, Ordine: Cantharellales, Genere: Cantharellus, Specie: friesii.

Etimologia

Cantharellus = piccola coppa (dal latino cantharus = coppa);

friesii = di Fries, in onore del micologo svedese Elias Fries

Commestibilità

È un fungo eccellente come il Chantarellus cibarius ma è anche una specie molto rara, forse anche in via di scomparsa, per cui vi prego di non raccoglierlo!

Descrizione

Il suo cappello è molto più irregolare rispetto a Cantharellus cibarius, è più carnoso, lobato quasi frastagliato a gobbe, di colore aranciato roseo, superficie con fibrille minutissime.

Le pliche lamellari sono spesse, grossolane e decorrenti, anastomosate, concolori al cappello.

Il gambo di 1-3 x 0,4-1 cm, è solido, generalmente attenuato e tomentoso, concolore al cappello.

La carne è esigua, elastica e fibrosetta;  di colore biancastro o arancio pallido; odore simile a quello di Cantharellus cibarius e sapore leggermente acidulo.

Spore ellittiche di 8-10 x 4-5 micron, giallastre in massa.

Cresce  sotto latifoglie (castagno e faggio), più raramente sotto conifere, in estate-autunno.

Possibilità di scambio

Può essere confuso con Cantharellus cibarius, ma quest’ultimo è più grande, di colore giallo e vive gregario in numerosissimi esemplari.

Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 482;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 38;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav. 472 ;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 2, n. 3;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 542 n. 1790;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 153;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 51, tav. 15, n. 425;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 91C;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 237;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 124;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 48;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1999, collez. 18, tav. 853;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 214;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 205;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 342;

Romano Bozak : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989; pag. 288 (nota).

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 70;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 161;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 299, foto  413;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 305, foto 230;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè,  Paris, 1994, pag. 144, n.111;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 96;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 65;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 49;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 353;

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto  pag. 18;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 324 in nota;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag.378;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 427;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 61;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 370, foto 482;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 298;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 156;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 218 n. 161;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 93;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 524;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 228;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 5, pag.  48 n. 443.

(Gianfranco Sperati)