Scheda n. 211 - Marzo 2011 . Riferimento n. 204


HYGROCYBE PUNICEA (Fr. : Fr.) Kummer.

Foto di G- Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus puniceus Fries, Hygrophorus puniceus (Fr. : Fr.) Fries, Godfrinia punicea (Fr. : Fr.) Herink. Psudohygrocybe punicea (Fr.) Kovalenko.

Etimologia

Hygrocybe = cappello umido, dal greco Hygros = umido e Kybe = testa, cappello;

punicea = purpureo (dall’ aggettivo latino puniceus)

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasi-diomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Genere: Hygrocybe, Sottogenere : Pseudohygrocybe, Sezione: Puniceae, Specie: punicea.

Commestibilità

Commestibile con molta cautela.

Descrizione

E’ una specie appariscente per il suo colore rosso sgargiante che soltanto invecchiando tende a sbiadire, e per le sue dimensioni, maggiori rispetto a quelle delle altre Igrocibi rossastre; ha inoltre la particolarità di non annerire con l’età o alla manipolazione.

Da emisferico e conico il cappello tende a divenire più o meno appianato, irregolarmente gibboso e fornito di un largo umbone. Può raggiungere un diametro di una decina di centimetri. Il margine è più o meno ondulato, talvolta leggermente striato o fessurato, Il rivestimento pileico, liscio, è igrofano e cioè untuoso e viscido a tempo umido, opaco e asciutto a tempo secco. Ha una bellissima colorazione scarlatta, rosso vermiglio, con macchie giallo-aranciate che aumentano verso il margine.

Le lamelle sono larghe e ventricose, spaziate, piuttosto rade, a volte forcate e intervallate da lamellule. Si innestano direttamente al gambo o vi aderiscono con un dentino. La loro colorazione passa dal giallo iniziale al rosso, passando attraverso varie gradazioni aranciate; il tagliente rimane tuttavia sempre giallo o giallastro.

Il gambo è cilindrico o lievemente fusiforme, robusto, asciutto, rivestito, soprattutto nella parte alta, da fibrille verticali rossastre su fondo giallo. La parte inferiore è biancastra.

La carne è consistente in tutto il carpoforo, farcita tuttavia nello stipite, giallo rossastre nella parte corticale, bianca all’interno. Odore lieve, fungino. Sapore insignificante.

Spore cilindriche, subovali, allungate, con pareti lisce e poro germinativo finale. Misurano 8 / 10,5 x 5, 5 / 6,5 micron. Sporata bianca.

Poco comune ma diffusa in tutta Europa, cresce, in estate e in autunno, in piccoli gruppi, nei prati e nei pascoli di montagna.

Possibilità di scambio-

La sua colorazione rossa sgargiante ed il suo portamento non dovrebbero creare imbarazzo nel determinatore. Le specie congeneri più prossime come H. intermedia, H. splendidissima, H. aurantiosplendens, H. coccinea hanno tutte una taglia minore e colori pileici più tenui.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 104;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 416;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.254;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 345;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 19 n. 67, tav. 8/2;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 306 n. 949;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag. 75. ;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag.116, tav. Pag. 100 A;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 103;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 616;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 47, tav. 14, n. 395;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 397, figg. n. 84/9 e 175;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 76 n. 144;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 114;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 229;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 25 n. 87;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 150;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 175;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 233A;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 213;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol 1, pag. 102;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 51, fig. 98;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 63;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 506;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 94;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 118;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 95;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 658 in nota;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 616;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 234, foto 204 ;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1983, collez. 2, tav. 71;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 147;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 63;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 4, tav. 382;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 47;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 55;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 130;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 106;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 155;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 114;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 187;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 93;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 276, tav. 99;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol.1, pag, 310, foto 431;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 515, foto 381;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag.158, n. 204;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 435, tav. 382;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 233;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 138;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 143;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 95;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 197;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, ill. pag. 105 , pag. pag. 152 tav. 14/12 ;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 107;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 56;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag.594, foto 307;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 12;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 71, pag. 52;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 148;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 114, foto 99;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 115;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 308;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 224 n. 167;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 254;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 339;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 196, scheda n. 45;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 100;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 102;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 109;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 250;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 1, pag. 112 n. 68.

Monografie:

Galli R. : Gli igrofori delle nostre regioni, LaTipotecnica snc, S.Vittore Olona (Mi), 1984, pag. 34.

Candusso M. : Hygrophorus, Fungi europei n. 6, Ed. Candusso, Alassio, 1997, pag.514, tav. pag. 749.

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M., Tani O. : Funghi Igrofori, Edagricole, Bologna 1998, pag. 124 n. 27.

(Sandro Ascarelli)