Scheda n. 210 - Febbraio 2011 - Riferimento n. 629


Oudemansiella radicata (Relhan ex Fr.) Singer


Foto S, Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Agaricus macrorhizus Persoon, Agaricus longipes Bulliard. Agaricus radicatus Relhan, Collybia longipes Quélet; Collybia radicans P. Kumm.er; Collybia radicata (Relhan) Quélet; Marasmius longipes (P. Kumm.) Maire, Gymnopus radicatus (Relhan) Gray, Mucidula lon- gipes (Quélet) Boursier, Mucidula radicata (Relhan) Boursier, Collybia radicata var. longipes (Quélet) Rick, Mucidula radicata f. marginata Konrad & Maublanc, Oudemansiella ra-dicata var. marginata (Konrad & Maubl.) Bon & Dennis, Oudemansiella longipes (Quélet) Moser, Xerula longipes (Quélet) Maire.
Volg. : Collibia radicata, Agarico radicato.

Etimologia

Il nome del genere Oudemansiella deriva da quello del micologo olandese Corneille Oudemans (1825-1906);

il nome della specie radicata fa riferimento al gambo molto lungo e radicato.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Dermolomataceae, Genere: Oude-mansiella, specie: radicata.

Commestibilità

Specie commestibile anche se quasi privo di odore e sapore.

Descrizione

Fungo lignicolo che cresce su ceppaie morte o su radici, profondamente interrate, per cui il gambo risulta fortemente e lungamente radicante, tanto che difficilmente può essere estratto per intero dal substrato di crescita, in quanto spesso si rompe, con uno scatto udibile, a causa della sua fragilità.

È una specie che si incontra anche quando non si trovano altri funghi e quando il tempo è secco per cui, anche se sa di poco, siamo indotti a raccoglierlo e mangiarlo, in mancanza di meglio, magari scartando il lungo gambo!.

Il cappello misura 40-100 mm di diametro, inizialmente campanulato poi convesso-appianato con un basso umbone al centro; la cuticola, liscia negli esemplari immaturi, diviene radialmente grinzosa negli esemplari maturi; glabra ed opaca a tempo secco, vischioso-glutinosa a tempo umido, colorata di un ocra-beige poi brunastro chiara, infine bruno più scura, specialmente al centro.

Le lamelle sono mediamente fitte, arrotondato-adnate al gambo o decorrenti per un dentino, con numerose lamellule ventricose, bianche con il filo leggermente imbrunente negli esemplari adulti.

Il gambo misura 70-120(180)x5-12 mm, è cilindrico, rigido, solcato longitudinalmente, talvolta tortile, quasi pieno nel giovane, alla fine più o meno cavo, ingrossato alla base, ma proseguente con un fittone nel substrato, spesso più lungo della parte epigea. Quest’ultima è bianca verso la sommità, mentre per il resto è dello stesso colore del cappello ed è cosparsa di fini fioccosità.

La carne è abbastanza tenera nel cappello, fibrosa nel gambo, biancastra e, come già detto, senza odore e sapore definiti.

Spore 14,5/16,5 x 9,5/11 micron, ellissoidali, bianche in massa.

È un fungo molto diffuso nelle faggete, è possibile rinvenirlo anche a quote superiori ai 1700 m. Cresce generalmente a gruppi di alcuni individui, su ceppaie o radici, dall’estate all’autunno inoltrato.

Possibilità di scambio

Potrebbe essere anche confusa con la vicina specie Oudemanisella pudens, anch’essa lignicola, con una struttura simile per dimensioni e lunghezza del gambo, ma ha un capello feltrato ed uno stipite fine-mente vellutato. Anche Oudemansiella mediterranea è una specie radicante, ma vive esclusivamente sulle sabbie litoranee insieme alla graminacea Ammophila arenaria.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 118;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 200;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.228

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 189;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 362 n. 1222, tav. 106/1 ;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.326 n. 1018;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol.2, n. 149;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 136;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 22, tav. 6, n. 156 bis;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 445, tav. 36;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 104 n. 228;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 105;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n.114;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 129 n. 79;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav.73A;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 154;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 2, pag. 58, tav. 124;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 202;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 255;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 95, fig. 52;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 38;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 342;

A. Dermek: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 147, pag. 222;

Kalmár-Huller: Gombák, Búvar Zsebkönyvek Móra Könyvkiado, Budapest, 1978, pag 34, fig. 4;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 162;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 167;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 148;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 788, foto 268;

Phillips R,: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 33;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 93;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 229;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 127;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 33;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 238, tav. 199;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 239;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 21;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 72;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 170 ;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.209;

Romano Bozak : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 104; pag. 184

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 142;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 124;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 78;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 731, foto 1009;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 234, n.629 ;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 65, tav. 41;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 325;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 184;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 185;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 120, Iconografia n.10764;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 230;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 245;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 38;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 117;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 520;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 704, foto 460;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 115;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 190;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 348 foto 450;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 149;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 130;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 73;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 49;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 116;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 224;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 156;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 290;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 116;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 226;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 106;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag.359;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 135 n.192.

(Gianfranco Sperati)