Scheda n. 208      -      Febbraio 2011      -      Riferimento n. 368

TRICHOLOMA ALBUM (Schaeffer ex Fries) Kummer

 

208. Tricholoma album Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus albus Schaeffer, Gyrophila alba (Schaeff.) Quélet, Tricholoma raphanicum P. Karsten, Tricholoma album f. gracilis Bresadola, Tricholoma thaliophilum Rob. Henry, Trjcholoma album var. thaliophilum (Rob. Henry) Bon.                                                        Volg.: Tricoloma bianco.

Etimologia

Tricholoma
,  = con l’orlo peloso (dal greco thrix, thrikhòs = pelo, capello e lòma = orlo); 
album, = bianco, per il colore del fungo (dal latino albus).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Tribù: Tricho-lomateae. Genere: Tricholoma,   Sezione: Lascivae, Specie: album.

Commestibilità

Specie   abbastanza  comune  caratterizzata  da  un   intenso  odore  sgradevole, forse una combina-zione di sapone da bucato misto a ravanelli ed un sapore ugualmente sgradevole. Consumato da taluni è risultato quantomeno indigesto. Alcuni studi condotti da Ohtsuka et al. nel 1973 in  G.B. hanno por-tato ad isolare un polisaccaride da una cultura miceliare  di questa specie che, iniettata nel peritoneo di topolini bianchi, hanno bloccato la proliferazione di cellule tumorali.

 

Descrizione

Cappello di 40-90 mm di diametro, inizialmente emisferico poi convesso, infine appianato con il margine involuto-arrotonadato, poi incurvato verso il basso ed irregolarmente ondulato-lobato negli individui a-dulti; cuticola sericea e parzialmente separabile dal bordo; dal colore bianco iniziale  tende a macchiarsi con chiazze ocracee a maturità.

Le lamelle sono adnate o debolmente smarginate, alte, un po’ elastiche, sottili e frammiste a poche corte lamellule; inizialmente bianche poi crema chiare.

Il gambo misura 50-100 x 8-12 mm; più o meno cilindrico, solo debolmente attenuato in alto, spesso ricurvo dalla parte mediana verso la base, pieno anche nel maturo ma poco consistente; interamente bianco e spesso con  resti di micelio alla base.

La carne è scarsa e molliccia nel cappello, compatta e successivamente fibrosa nel gambo; bianca, con tendenza ad ingiallire alla sezione dopo prolungata esposizione; l’odore è farinoso quando si taglia la car-ne che diviene presto erbaceo-terroso o come di zolfo, mentre il sapore della carne è acre ed amaro al tempo stesso.

Le spore misurano 5,2-6,5 x 3,2-4 micron e sono ellissoidali, singolarmente ialine, bianche in massa.

Cresce dall’estate piena al medio autunno, in piccole colonie con esemplari ravvicinati e sovente disposti in file o in cerchi nei boschi di latifoglia, frequente sotto Fagus sylvatica, Quercus sp. etc., con netta predilezione per i terreni degradati di media acidità.

 

Possibilità di scambio

Tra i Tricholoma bianchi confondibili,  ricordiamo: il commestibile T. columbetta [con cappello a fibrille innate più o meno radiali; gambo spesso con macchie rosa nella parte superiore e verde-bluastre verso la base; odore e sapore gradevoli, farinosi]; T. sulphurascens con cappello ingiallente alla manipolazione ed odore fruttato o di gas, non commestibile;  T. inamoenum con lamelle distanti, odore di gas ed habitat di conifere, non commestibile;  T. stiparophyllum o T. pseudoalbum con margine distintamente costolato, odore rancido ed associato soprattutto a Betula.



Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 53;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 12;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 270;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  3, tav.  108;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 36;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 311 n. 1037;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 235 n. 689;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 81;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 627;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 11 , tav. 5, n. 78;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.470, tav. 30. ;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav.83A;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, foto n.1014;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 114  n. 31;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 9, pag. 841;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 175;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 293;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 157;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 86;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 127;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 130;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 138;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 77;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag.187 in nota;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 139;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 312 tav. 266;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 44;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 150;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 184;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 159;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 325;

Romano Bozak : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 131; pag. 211.

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 69;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 752, foto  1043;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè,  Paris, 1994, pag. 188, n. 368;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 40, tav.  27;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 187;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 168;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 144, Iconografia n.204;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 140,  tav. 141/9 ;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 222;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 56;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 419;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 879, foto 585;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.  52;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  161;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pagg. 330 e 338, foto  423 e 435;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 123;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 59;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 106, foto 50;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2004, collez. 23, tav. 1147;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 78;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 433;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.139;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 128;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 419.

Monografie:

Riva A. : Tricholoma, Ed. Biella G., Saronno, 1988, pag. 179, tav. n. 8;

Bon. M. : Les Tricholomes, Mèmoire Hors Sèrie n. 2, C.R.D.P., Amiens, 1991, pag. 48.

(Gianfranco Sperati)