Scheda n. 200 - Gennaio 2011 - Riferimento n. 1660

 


PHYLLOPORUS RHODOXANTHUS (Schw. : Fr) Bresadola


Foto S, Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 


Sinonimi

Agaricus rhodoxanthus Schweinitz, Gomphidius rhodoxanthus Saccardo, Flammula rhodoxantha Lloyd, Paxillus rhodoxanthus Ricken, Gymnocybe Tammii Karsten, Paxillus Tammii Patouillard, Flammula Tammii Saccardo, Agaricus Pelletieri Lèveillè, Phylloporus Pelletieri Quèlet, Paxillus Pelletieri Velenovsky, Paxillus paradoxus Cooke, Flammula vinosa Rea.

Etimologia

Phylloporus = con le lamelle come pori (dal greco fùllon = lamella e pòros = poro);

rhodoxanthus = rosso e giallo (dal greco rhòdon = rosso o rosa e xanthòs = giallo).

Sistematica

Regno: Fungi; Divisione: Eumycota; Sottodivisione: Basidiomycota; Classe: Hymenomycetes; Sottoclasse: Homobasidiomycetidae; Ordine: Boletales; Famiglia: Boletaceae; Genere: Phylloporus; Specie: rhodoxanthus.

Commestibilità

Commestibile mediocre ma comunque da proteggere data la sua rarità e quindi se ne sconsiglia la raccolta per puri fini gastronomici.

Descrizione

E’ questa una strana Boletacea, caratterizzata dal fatto di avere una superficie imeniale costituita non da tubuli e pori, ma da spesse lamelle anastomosate cioè congiunte da venature trasversali che alle lamelle conferiscono l’aspetto di grossolani pori allungati. Tale anomalia ha portato a ritenere Phylloporus rhodoxanthus come una specie di transizione tra i funghi a lamelle e quelli a tubuli e pori.

Il cappello, da convesso a piano, ha un diametro variabile dai 3 agli 8 centimetri ed un margine involuto da giovane e piuttosto irregolare; la superficie è opaca, asciutta, finemente vellutata, screpolata col tempo secco, di colore ocra scuro, bruno rossiccio o bruno giallastro, imbrunente con l’età.

Le lamelle, di un bel colore giallo vivo o giallo oro, sono adnate, spesse e rade, asportabili, di consistenza ceracea, tipicamente unite da setti trasversali detti anastomosi e con il tagliente irregolare.

Giallo è anche il gambo, talvolta eccentrico, quasi sempre contorto, più o meno cilindrico con qualche rigonfiamento nella parta mediana ad assottigliato alla base, liscio in alto ma poi verticalmente coperto da striature o costolature bruno rossastre.

La carne, soda e compatta, è giallastra, ocra – rosa vinosa appena sotto la cuticola e nel gambo, virante al rosso scuro al taglio o alla frattura. Con idrossido di ammoniaca si colora di blu-verde scuro, di bruno, invece, con idrato di potassio o altre basi forti. Odore molto lieve, sapore dolciastro.

Basidiospore giallo olivacee, guttulate, fusiformi, lisce, di dimensioni 10 / 14 x 3,5 / 5,5 μm. Sporata bruno-ocracea.

Cresce, isolato o in piccoli gruppi, in estate o in autunno, in zone collinari o alpine, sotto latifoglie o aghifoglie. E’ un fungo raro, ma rinvenibile in determinate stagioni favorevoli.

 

Possibilità di scambio.

La peculiarità della sua superficie imeniale rende facile la sua identificazione. In Europa è stata rinvenuta soltanto le specie sopra descritta (varietà æropæus) mentre il altri Paesi extraeuropei sono state recentemente individuate altre varietà.

Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 1189;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 409;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav. 768;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 87 n. 310, tav. 28/1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 551 n. 1821;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1862, fig. 1168;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 348, fig. 25;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 267C;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 260;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 2, pag. 140, tav. 166;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 155;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 45;

Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 55;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 70;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 69;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 230;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 672, foto 324 e 326;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 414;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 197;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1985, collez. 4, tav. 186;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 450, tav. 392;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 120;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 44;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 102;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 265;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 483 , foto 723;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 428, n. 1660;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 346;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 343;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 111;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 89, Iconografia n. 83;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 237;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 100;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 154;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 238;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 42:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag.842;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag.440, foto 618;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 368;

Hagara, L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 374;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 74, foto 39;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 269;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 335;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 490;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 179;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 6, pag. 185 n.618.

Monografie:

Leclair A. et Essette H. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1969, tav. 1 ;

Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi: I Boleti, SAGEP, Genova, 1980, pag. 118;

Galli R. I Boleti delle nostre regioni, La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1980, pag. 58;

Alessio C. L. : Boletus, Ed. Biella G., Saronno, 1985, pag. 493, tav. 84;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Boleti, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 58 n. 7;

Galli R. : I Boleti, Edinatura, Milano, 1998, pag. 92;

(Sandro Ascarelli)