Scheda n. 194 - Dicembre 2010 - Riferimento n. 656



CHAMAEMYCES FRACIDUS (Fr.) Donk

194. Chamaemyces fracidusfoto di Gianfranco Sperati

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Agaricus demisannulus Secr., Agaricus demisannulus Secr. : Fr., Agaricus fracidus Fr., Agaricus illinitus Secretan, Agaricus mucidus Secretan, Armillaria fracida (Fr.) Gillet , Armillaria irrorata (Quél.) Lange, Chamaemyces odoratus Battarra, Chamaemyces demisannulus (Secr. ex Fr.) Moser, Drosella fracida (Fr.) Singer, Drosella irrorata (Quél.) Kühner & Maire, Lepiota medullata var. secretani Martin, Lepiota demisannula (Secr. Ex Fr.) Sacc., Lepiota polystictus Quélet, Lepiota irrorata Quélet, Lepiotella irrorata (Quélet) Singer.

Volg. : Piccolo fungo fradicio

 

Etimologia

Chamaemyces = piccolo fungo, funghetto (dal greco Chamae = piccolo e myces = fungo);
fracidus = fradicio, inzuppato, per le goccioline che ricoprono il fungo (dal latino).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Dermolomataceae, Genere: Chamaemyces, Specie: fracidus..

Commestibilità

È senza alcun valore alimentare.

Descrizione

Si tratta di un piccolo fungo non molto comune, coperto di guttule vischiose di colore crema sia sul cappello che sul gambo al disotto della zona anulare che diventano ambrate con l’età.

Sembrerebbe una lepiotina, ma basta osservare la mancanza di squamette sul cappello e l’omogeneità della carne per escluderlo.

Presenta un cappello di 3-6 cm, dapprima appena convesso, poi covesso-pulvinato, alla fine disteso con orlo incurvato, sottile, sinuoso-lobato negli esemplari adulti, glabro, vischioso e brillante con l’umidità, opaco e rugoloso con l’asciutto, di colore avorio, biancastro crema, sfumato di ocraceo, qua e là maculato di ruggine per le guttule essiccate. Cuticola eccedente.

Le lamelle sono fitte da secedenti a libere, con filo regolare, finemente fioccose, biancastre, lacrimanti gocciole sierose prima incolori, poi color ambra.

Il gambo misura 3-5 x 0,8-1,2 cm ed è cilindraceo, calzato per ¾ da fioccosità granulose ricoperte di gocciole color ambra, glabro e bianco al di sopra di un anello stretto, infero, inguinante con la faccia inferiore simile alla superficie sottostante del gambo e la faccia superiore araneosa-fibrillosa biancastra, labile. Omogeneo con il cappello.

La carne è tenera nel cappello, più fibrosa nel gambo, biancastra o pallidamente rosata, di sapore mite e di odore acidulo-fruttato, ricordante quello di Lepiota cristata.

Le spore sono ellissoidali, lisce, a parete spessa e misurano 4,5-5,2 x 2,2-2,7. La sporata è color crema.

Cresce in autunno inoltrato nei prati, nei parchi, nelle radure erbose e lungo i sentieri dei boschi sia di latifoglie che di aghifoglie. Poco comune.

 

Possibilità di scambio

Potrebbe essere confusa con alcune specie del genere Limacella, come L. lenticularis, di colore simile ma di dimensioni maggiori e con anello membranoso o L. glioderma, anch’essa maggiore, ma con colori più bruno-rossastri e con anello lanoso, infine con L. vinoso-rubescens, poco più grande ma di colore rosato o purpureo e con gambo asciutto.

Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 70;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.294;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1888, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, tav. 16,

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 41;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.80 n. 176;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag.5, tav. 2, n. 26;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.554, fig. 282A;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 32;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 1, pag. 106;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 395, figg. 560 e 561;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 239;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 251;

Phillips R,: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 31;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 116;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 31;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 49, tav. 16/2;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 88;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 282;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 57;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 454;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 928, foto 1278 in nota;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 196, foto 256;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 240, n. 656;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 28, tav.15;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 280;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 214;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 583 in nota;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 710, foto 711;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 782;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 247;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, foto 200;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 48;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 92.

(Gianfranco Sperati)