Scheda n. 193 - Dicembre 2010 - Riferimento pag. 60

PIPTOPORUS BETULINUS (Bull. : Fr.) Karsten

 

193. Piptoporus betulinus foto di Sandro Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Boletus betulinus Bulliard, Polyporus betulinus Bull. : Fr., Ungulina betulina (L. : Fr.) Patouillard.

Etimologia

Piptoporus = con i pori che si staccano facilmente (dal greco pipto = mi stacco, cado, e poros = poro)betulinus = della betulla (dal latino bètula = betulla).

 

Sistematica

Regno : Fungi, Divisione : Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasi-diomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Polyporales, Famiglia: Polyporaceae, Genere: Piptoporus, Specie: betulinus.

Commestibilità

Non commestibile.

 

Descrizione

Nel genere Piptoporus si comprendono corpi fruttiferi annuali, sessili, dimidiati, provvisti di cappello con superficie liscia, bianca, bianco crema o brunastra, e talvolta di un piccolo pseudo gambo laterale che unisce il carpoforo al substrato. Sono funghi parassiti che attaccano il legno di alcune latifoglie produ-cendo una carie bruna.

Il cappello a mensola, ha una forma simile a quella di un cuscino, con la superficie superiore globosa, convessa, un po’ appiattita soltanto negli esemplari maturi, e quella inferiore inizialmente convessa per divenire successivamente concava. Il margine è regolare, arrotondato, ottuso. La cuticola è separabile, liscia, glabra, di consistenza papiracea e tendente a screpolarsi, biancastra, grigio-bruna o beige. Il diametro del cappello può variare da 8 a 20 centimetri.

La parete imeniale, al di sotto del cappello, è composta da tubuli minuti, appressati, facilmente separabili dalla carne quando il carpoforo è maturo, biancastri; terminano con pori piccoli e rotondi, bianchi.

Il gambo di P. betulinus è molto spesso inesistente. Quando è presente trattasi di un peduncolo appena accennato, non più lungo di 15 millimetri, eccentrico, così da unire un lato del cappello al substrato legnoso, dello stesso colore della superficie pileica.

Carne bianchiccia, più o meno succosa nell’esemplare giovane per indurire via via fino a raggiungere una consistenza suberosa. Odore nullo, sapore acidulo.

Le basidiospore sono cilindico-allantoidi (a forma di salsiccia), ialine, lisce, con pareti sottili, 5 / 6 x 1,5 μm. Sporata bianca.

Parassita e poi saprotrofo, aggredisce in maniera esclusiva i tronchi e i rami di betulla (Betula pendula), sia quando la pianta è ancora viva (ma malata o deteriorata) sia quando la stessa è ormai caduta in terra. In quest’ ultimo caso i carpofori si produrranno disponendosi sui rami caduti in modo tale da far sì che i pori siano sempre disposti in maniera verticale al terreno (fenomeno del geotropismo, vedi scheda n. 164). E’ un micete abbastanza frequente dalla tarda primavera all’autunno.

 

Possibilità di scambio

Al Genere Piptoporus si ascrivono le seguenti ulteriori specie, tutte abbastanza rare in Europa: Piptoporus quercinus (= Buglossoporus pulvinus), parassita tipico della quercia, dalla forma allungata e irregolare e dalla cuticola ocracea, pubescente e granulosa, Piptoporus soloniensis, parassita del castagno, dal colore crema arancio tendente al bruno fulvo, e Piptoporus pseudobetulinus che aggredisce il legno di pioppo tremulo ed i cui carpofori semicircolari hanno colori che variano dal giallo paglierino al bruno giallastro.

 

Bibliografia

Fries E. : Observationes mycologicae, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag.104;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 139;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 396;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav. 523;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 584 n. 1931;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, n. 301;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1840;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 136;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 606;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 146, tav. 43, n. 1274;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 440, fig. 204;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag.64 n. 113;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 207A;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 314;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, fig. 269;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 184;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 3, pag. 136, foto 265;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 291;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 109;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 82;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 96;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 477, foto 491;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 253;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 424;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag.354, foto 306 ;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 210;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 277;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 243;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 200

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 316;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 75;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 311;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 267;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 181;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 218, foto 286;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 59 e 60;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 374;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 102;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 295;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 155;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag.93;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 379;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 297;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 212;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 81;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 290;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 354, foto 136;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 403;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 110;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 1, pag. 254 , foto vol. 2 pag. 404 ;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 290;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 44;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 265;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 201;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 73;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 201;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 558.

Monografie:

Bernicchia A. : Polyporaceae s.l. in Italia, Ist. di Patologia Vegetale Università di Bologna, 1990, pag. 448.

 

(Sandro Ascarelli)