Scheda n. 190 - Dicembre 2010 - Riferimento n. 510




MICROMPHALE BRASSICOLENS (Romagnesi) Orton

 

 

190. Micromphale brassicolens
foto di G. Sperati

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Marasmius brassicolens Romagnesi, Marasmiellus brassicolens Romagnesi, Gymnopus brassicolens (Romagnesi) Antonin & Noordel.

Etimologia

Micromphale = leggermente depresso al centro (dal greco: mikròs = piccolo e omfalòs = ombelico);

brassicolens = con odore di cavolo (dal latino brassica = cavolo, e olens = che odora di…)


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomy- cetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Collybieae, Genere: Micromphale, specie: brassicolens..



Commestibilità

Da rifiutare soprattutto per il suo cattivo odore.

 

Descrizione

Ci è già capitato più volte di evidenziare l’importanza dell’odore nella determinazione dei funghi. L’appellativo di specie (brassicolens) caratterizza questa specie (e quella di una specie prossima , Micromphale foetidum), che emette un odore persistente e disgustoso di cavolo marcio.

Il carpoforo è minuscolo, con un cappello che difficilmente supera i 4 centimetri di diametro e che all’inizio è convesso per poi appianarsi e con una sporadica, lieve depressione al centro. Il margine è sottile, ondulato,più o meno striato. La superficie pileica è igrofana e quindi lucente e brillante col tempo umido, di colore fulvo o bruno rossastro, più scuro al centro e talvolta impallidente verso l’orlo.

Le lamelle sono sublibere, smarginate, non molto fitte, biancastre ma tendenti ad assumere tonalità rosate con l’età.

Gambo molto sottile, alto 5 o 6 centimetri, cilindrico, a volte compresso longitudinalmente, liscio o pruinoso e finemente vellutato, dello stesso colore del cappello in alto, poi progressivamente più scuro fino ad essere bruno-nerastro in basso.

Carne esigua, biancastra, con odore intenso e sgradevole di cavolo marcio o di verdure andate a male.

Spore ellissoidali, 6 / 7 x 3 / 4 μm, . Sporata color crema.

In estate e in autunno cresce isolato o gregario su aghi di pino o su detriti legnosi e fogliame di latifoglie (di preferenza faggio).

 

Possibilità di scambio

Molto simile è Micromphale foetidum i cui carpofori sono solitamente più piccoli, hanno il cappello plissettato o fortemente striato e un odore, anch’esso repellente, di pesce o di muffa con componente agliacea. Le spore hanno dimensioni maggiori. Cresce soltanto su frustuli caduti e marcescenti di latifoglie.

Bibliografia

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 552;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 87;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 350;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 157;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 162;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 778, fig. 28;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 125;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 68;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 66;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 176

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 234;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 76;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 719, foto 986;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 134, foto 163;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 157, foto 89;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 216, n. 510;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 169;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, tav. 27B;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 116, Iconografia n. 133;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 29 in nota;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 486;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 633;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 254, foto 308;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2001, collez. 20, tav. 981;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 208;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 342;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 3, pag. 74, n. 260.

(Sandro Ascarelli)