Scheda n. 189 - Novembre 2010 - Riferimento n. 140

 

NEOLENTINUS LEPIDEUS (Buxb. : Fr.) Redhad & Ginns

 

189. Neolentinus lepideus Foto S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Agaricus lepideus Fries, Lentinus lepideus Fries, Agaricus jugis Fries, Lentinus jugis Fries, Agaricus squamosus Shaeffer, Lentinus squamosus Karsten, Agaricus compressus Scopoli, Agaricus odorus Villars, Lentinus odorus Quèlet.

Etimologia

Neolentinus = nuovo lentino, dal greco nèos = nuovo e lentinus = alquanto tenace e pieghevole (dal latino lentus = flessibile, persistente, tenace),

lepideus = squamoso (dal greco lepis = squama o scaglia).

 

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Pleurotaceae, Genere: Neolentinus, Specie: lepideus.

 

Commestibilità.

Non usufruibile per la carne coriacea e per il profumo eccessivamente intenso.

 

Descrizione

Nelle abetaie e nei lariceti di montagna non è difficile reperire questa specie fungina che ingentilisce i tronchi degli alberi tagliati.

Ha un cappello all’inizio convesso, poi appianato, raramente depresso, con un diametro variabile dai 6 ai 12 centimetri, biancastro o giallognolo decorato da squame rilevate, più appressate al centro, di color ocra che tende a divenire via via più scuro con l’età.

Le lamelle sono arcuate, abbastanza rade, tanto più decorrenti lungo il gambo quanto più vecchi sono gli esemplari, con il tagliente seghettato, bianche tendenti poi ad assumere una colorazione giallina o ocracea soprattutto verso il margine.

Il gambo è duro, consistente, spesso eccentrico, quasi cilindrico ma assottigli antesi alla base lì dove il carpoforo si conficca nelle fessure del legno, concolore al cappello è ugualmente rivestito di squame più scure, nerastre nella parte inferiore. E’ ornato da un anello veliforme ed effimero, fioccoso, situato verso il terzo superiore dello stipite.

Carne compatta, dura, bianca, con forte profumo di anice e sapore amarognolo.

Le spore sono cilindriche o strettamente ellissoidali, ialine, non amiloidi e misurano 10 / 15 x 4 / 5 micron.

E’ specie eliofila (amante di luoghi soleggiati) che cresce, isolata o gregaria, in estate e in autunno, su ceppaie di aghifoglie, prevalentemente in montagna.

 

Possibilità di scambio

Si riconosce facilmente per il suo habitat e per l’odore intenso che promana. La specie più prossima è il Lentinus tigrinus (v. scheda n. 110) che ha dimensioni ridotte, odore di muschio o di latte bollito e che cresce in ambienti umidi associato a latifoglie come salici e pioppi.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag.176;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 581;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav. 510;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 76 n. 276;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 537 n. 1774;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, n. 163;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 70, tav. 22, n. 587;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 164, fig. 65, tav. 13£1 ;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag.104 n. 225;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 254;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 229;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 228;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 71;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 64;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 63;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 106;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 766, foto 222;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 273;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 284;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 222, foto 194;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1994, collez. 13, tav. 621;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag. 123 ;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 380, tav. 313;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 222;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 122;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 211;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 111;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 480, foto 721;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 68, foto 66;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 148, n. 140;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 569, tav. 197;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 267;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 329;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 312;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 111;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 214;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 107;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 35:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 349;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 208, foto 238;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 216;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 63;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 63.

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.198;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 147.

(Sandro Ascarelli)