Scheda n. 183 - Novembre 2010 - Riferimento n. 651





CYSTODERMA AMIANTHINUM Scop.

 


183. Cystoderma amianthinumFoto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Agaricus granulosus Pers., Agaricus ochraceus Bull., Agaricus amianthinum Scop., Agaricus flavo-floccosus Batsch., Agaricus croceus Bolt., Agaricus fimbriatus Schum., Agaricus granulosus var. amianthinus (Scop.) Fries, Lepiota granulosa var. amianthina (Scop.) P. Kummer, Lepiota amianthina (Scop.) P. Karst. Armillaria amianthina (Scop.) Kauffman.
Volg. : Ombrellino polveroso

 

Etimologia

Il nome di genere Cystoderma deriva dal greco Kústis = vescichetta e derma = pelle, cioè cuticola con vescichette;
il nome di specie amianthinum deriva dal latino e significa incorruttibile.

 

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Dermolomataceae, Genere: Cystoderma, Specie: amianthinum.


Commestibilità

Fungo non commestibile a causa del suo sgradevole odore di muffa. Inoltre è pericoloso perché facilmente confondibile con le piccole lepiote mortali.

Descrizione


È una delle specie fungine più diffuse nel mondo e gli anglofoni la chiamano saffron parasol, saffron powder-cap, earthy powder-cap, cioè rispettivamente: parasole di zafferano, cappello di polvere di zafferano e cappello di polvere di terra.
Si tratta di una bellissima specie che spesso passa inosservata a causa delle sue piccole dimensioni; per raccoglierlo interamente, occorre asportare parte del muschio su cui vegeta, diversamente, tirandolo, si rompe data la consistenza alquanto friabile e la esiguità della carne del gambo.
Il suo cappello non supera i 5 cm di diametro ed è convesso-campanulato, poi convesso con una umbonatura ottusa e stretta, alla fine disteso ed anche leggermente depresso appena fuori del disco. La superficie è opaca e minutamente granulosa, con delle rugolosità radiali non molto appariscenti, orlo sottile e frangiato; la colorazione è abbastanza uniforme e va dal giallo-ocraceo al giallo-fulvo.
Le lamelle sono fitte, adnate al gambo, quasi bianche all’inizio, poi volgenti al crema, infine crema-rosate.
Il gambo di 30-60 x 5-8 mm, è cilindraceo, slanciato, calzato da un velo costituito da una serie di armille, concolore al cappello, ma bianco all’apice, fittamente granuloso, con anello friabile ed effimero.
La carne é molto sottile, biancastra, appena giallina nelle superfici più esterne, l’odore è marcatamente di muffa, il sapore indefinito.
Le spore misurano 5,6-6x3,5-3,8 micron e sono subovoidali, debolmente amiloidi e bianche in massa.
Cresce gregario nei boschi di conifere, quasi sempre su suoli umidi ed acidi tra il muschio, dall’estate all’autunno inoltrato.


Possibilità di scambio

Simile è Cystoderma carcharias, il quale però non presenta tonalità gialle; un buon carattere distintivo é l’odore repellente di gas che emana. Anche Cystoderma granulosum ha le stesse caratteristiche ma presenta colorazioni bruno scure. Ambedue le specie non sono commestibili. Ma, come già detto in precedenza, è possibile scambiarlo con alcune specie pericolosissime di lepiotine, come Lepiota josserandii, Lepiota cristata, Lepiota helveola, Lepiota castanea, Lepiota subincarnata, per citare solo le più importanti, tutte specie mortali responsabili della “sindrome parafalloidea”. Per non confondersi basta osservare, nei funghi mortali, l’assenza di granulosità e la presenza di squamette sul cappello, la diversità nei colori e, soprattutto, l’eterogeneità della carne fra cappello e gambo, attestata dalle lamelle libere al gambo.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. I, pag. 24 n. 11;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 48;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 295;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1888, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 36, tav. 16,

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3,tav. 37;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 293 n. 972, tav. 81/4;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 75 n. 158;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, n. 123;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1898;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 69;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 639;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 296 n. 126;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 3, tav. 198B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 31;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 84;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 100;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 85;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 398;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, pag. 22;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 392, fig. 559;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 115;

A. Dermek: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 181, pag. 256.

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 253;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 266;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 180;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 510, foto 194;

Phillips R,: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 31;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 57;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 125;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 42, foto 29;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 112;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 31;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 298;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 20;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 172;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 265;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 103;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 145;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 57;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 918, foto 1264;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 212, foto 281;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 238, n. 651;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 26, tav. 15;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 165;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 214;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1995, collez. 14, tav. 666;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 226;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 227, Iconografia n. 368;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 190;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 298;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 18;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 97:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 523;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 708, foto 492;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 117;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 250;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 186, foto 202;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 161;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 74;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 116;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 156;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 294;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 188;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 61;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 222,

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 1, pag. 138 n. 91 .

(Gianfranco Sperati)