Scheda n. 180 - Ottobre 2010 - Riferimento 1704




LECCINUM DURIUSCULUM
(Schulzer) Singer

 

 

180. Leccinum duriusculum
foto di S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Gyroporus scaber var. duriusculus Quèlet, Trachypus scaber var, duriusculus Bataille, Trachypus scaber var. grisesu Bataille. Krombholzia duriuscula, Gilbert, Krombholzia aurantiaca subsp. duriuscula Maire, Gyroporus griseus Quèlet, Boletus griseus Saccardo, Boletus duriusculus Schulzer , Boletus decipiens Pilàt & Dermek. Boletus duriusculus Schulzer & Kalchbr., Krombholzia aurantiaca f. duruiscula (Schulzer) Vassilkov, Leccinum aurantiacum subsp. duriusculum (Kalchbr. & Schulzer) Hlaváček.
Volg.: Leccino, Porcino giallo invernale


Etimologia


Leccinum =
attinente al leccio (Quercus ilex)
duriusculum = piccolo e duro (diminutivo dal latino durus = duro), per la forma del carpoforo.


Sistematica

Regno: Fungi; Divisione: Eumycota, Sottodivisione: Basidiomycota, Classe: Hymenomycetes, Sottoclasse: Homobasidiomycetidae, Ordine: Boletales, Famiglia: Boletaceae, Genere: Leccinum, Sezione: Leccinum, Sottosezione: Fumosa, Specie: duriusculum.


Commestibilità

Commestibile buono; privano del gambo, duro e coriaceo, è di certo il fungo migliore nel genere Leccinum.


Descrizione

Il cappello misura 5-20 cm di diametro ed é sodo e alquanto carnoso, più tenero e cedevole a maturazione, da globoso a convesso, convesso-pulvinato, quasi mai spianato; con margine ripiegato negli esemplari giovani; la cuticola, finemente vellutata nel giovane é screpolata, soprattutto verso il margine degli esemplari maturi. Il colore varia dal bruno grigiastro chiaro al caffè e latte rossastro.

I tubuli sono lunghi, nettamente arrotondati al gambo, mentre i pori sono molto piccoli: ambedue, tubuli e pori, sono di colore crema grigiastro con sfumature rosate poi cioccolato, soprattutto alla pressione.

Il gambo misura 6-18 x 2-5 cm ed é sodo, duro e robusto, spesso rigonfio al centro, rastremato in alto e bulboso alla base. Il colore varia dal biancastro al bruno-grigio scuro ed é decorato su tutta la lunghezza da scagliosità puntiformi, inizialmente biancastre, poi grigiastre infine grigio scure; la base inoltre può essere interessata da macchie verdi azzurre.

La carne è soda e compatta, più molle negli esemplari maturi, di colore bianco, virante prima al rosato e poi al viola grigiastro; l’odore è quasi nullo ed il sapore è dolciastro; annerisce con la cottura.

Le spore misurano 12-20 x 4,5-6 micron e sono fusiformi, di colore bruno in massa.

Cresce in estate ed autunno esclusivamente sotto Populus alba e Populus tremula.


Possibilità di scambio

L. duriusculum ha l'aspetto simile a molti altri boleti del genere Leccinum. Il boleto più vicino è forse L. crocipodium, ma è in tutte le parti più chiaro di colore, con prevalenza del colore giallo e cresce sotto querce. Può inoltre confondersi con L. carpini, che però è più scuro di colore e cresce sotto carpini. Tutte le specie sopra menzionate sono commestibili.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 40;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 425;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 46;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 572;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1860;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 199;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, pag. 109;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 57, tav. 26;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 150, tav. 45 n. 1915;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 346;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 4, foto n. 1565;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 165;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 162, tav. 72;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 139;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 39;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 78;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 78;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 246;

Roger Phillips: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 212;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 196;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 30;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 202;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 212;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 461;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 195;

Hennig/Kreisel: Taschenbuch für Pilzfreunde, Gustav Fischer Verl., Jena, 1987, pag. 160;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1988, collez. 7, tav. 329;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 40;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 98;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 48;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 189, tav. 27;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 292 , foto 401;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 86, foto 91;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 286, foto 211;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 438 , n. 1704;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 50;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 129;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 79, Iconografia n. 53;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 41;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 95;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 151;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 451, foto 898;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 389;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 352;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag.70, foto 32;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 270;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 381;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 127;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 166;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 338;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 572 ;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 504;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 220;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 173;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 6, pag. 156 .


Monografie:


Blum J.
: Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1962, pag. 58, 61, tav. 9/2;

Leclair A. et Essette H. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1969, tav. 66;

Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi: I Boleti, SAGEP, Genova, 1980, pag. 107;

Galli R. I Boleti delle nostre regioni, La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1980, pag. 140;

Alessio C. L. : Boletus, Ed. Biella G., Saronno, 1985, pag. 448, tav. 75;

Lemoine C. & Clausure G: : Connaitre et reconnaitre les Bolets, Ed. Secalib, Ouest France, Rennes, 1988, pag. 90;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Boleti, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 78;

Galli R. : I Boleti, Edinatura, Milano, 1998, pag. 267;

(Gianfranco Sperati)