Scheda n. 179 - Ottobre 2010 - Riferimento 902




ENTOLOMA LIVIDUM
(Fr. : Bull.) Quèlet

 

179. Entoloma lividum
foto di S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Agaricus lividus Bulliard, Rhodophyllus lividus Quèlet, Hyporhodius lividus Schroeter, Agaricus sinuatus Bulliard, Agaricus sinuatus var. cavipes Lasch, Entoloma sinuatun Kummer, Agaricus fertilis Berkeley, Entoloma fertile Gillet, Entoloma eulividum Noordeloos.
Volg. : Entoloma livido, Entoloma perfido.


Etimologia

Entoloma
= con l’orlo arrotolato verso l’interno (dal greco: entòs = interno, dentro, loma = orlo),
lividum = livido, smorto, grigiastro, per il suo colore..


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomy- cetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Entolomatales, Famiglia: Entolomataceae, Genere: Entoloma, Subgenere: Entoloma, Sezione: Entoloma, Specie: lividum.


Commestibilità

Specie velenosa, responsabile della sindrome gastroenterica oppure della sindrome parafalloidea, a seconda del grado di coinvolgimento della ghiandola epatica.


Descrizione

È un fungo ingannevole a causa del suo bell’aspetto e del suo buon profumo di farina fresca, per il quale i francesi hanno coniato l’appellativo di “le perfide”. I raccoglitori dei Castelli Romani ne sono spesso vittime perché lo scambiano con il commestibile Entoloma livido-album, un fungo da essi molto ricercato e che chiamano “stracciarolo”, forse a causa della sua deperibilità.

Di dimensione medio-grande con il cappello di 5-22 cm di diametro, conico-convesso all’inizio, poi convesso ed alla fine appianato oppure con un largo e basso umbone al centro; nei vecchi esemplari può avere il margine ondulato, a volte lobato ed assumere una forma concava; la cuticola, di aspetto sericeo e vergata in senso radiale da fibrillature innate, non è separabile ed è secca a tempo asciutto e viscida a tempo umido. Il colore va dal grigiastro livido al grigio-ocraceo-crema,

Le lamelle non molto fitte, con lamellule al margine, adnate prima e poi da profondamente smarginate a quasi libere, larghe e con il profilo irregolarmente ondulato, di colore crema giallastre per lungo tempo alla fine giallo-rosa-salmone con tonalità rossastre, gialline persistenti verso il margine del cappello.

Il gambo misura 05-18 x 0,5-4 cm., é abbastanza robusto, cilindrico, rigonfio in basso o più raramente attenuato, presto midolloso; il colore è prima bianco, bianco-crema o subconcolore alla superficie pileica, fibrillato, poi fioccoso e grigio-giallastro.

La carne é soda e compatta, leggermente fibrosa nello stipite, prima con odore grato di farina fresca, poi di odore nauseante di farina rancida, il sapore é dolciastro-nauseoso.

Le spore sono subglobuloso-poligonali e misurano 8-11 x 7-9,5 micron; sono rosa salmone carico in massa.

Vive nei boschi di latifoglia, sotto Fagus sylvatica e Quercus sp., su terreno argilloso, in estate ed in autunno dalla pianura alla montagna fino a quote superiori ai 1600 m.


Possibilità di scambio

Fungo pericoloso per la sua somiglianza con alcune specie eduli come il suaccennato E. livo-album o non commestibili come Clitocybe nebularis, sospetto di tossicità in quanto non da tutti tollerata anche dopo una adeguata prebollitura, che ha lamelle bianche e non rosa, decorrenti dal gambo e non libere, più fitte e regolari e con odore caratteristico non di farina.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. I, pag. 197 n. 9;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 680;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 179;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 110;

Dufour L. : Les Mauvais et les Bons Champignons, Ed. E. Orlhac, Paris, pag. 31, tav. 5/2;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 255 n. 843, tav. 72/2;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 243;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, n. 167 ;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 41 tav. 77;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1889;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 150, ill. 23;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 158, tav. Pag. 162;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 114;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 629;

G. Bresadola: Funghi mangerecci e velenosi, Ed. G.B. Monauni, Trento1965, pag. 168, tav. 39;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 123, tav.77;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 75, tav. 23, n. 631;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 479, tav. 37;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 176 n, 450;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 76;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 93;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 34 n. 126;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 63;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag.70 n. 26;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 144;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 303;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, pag. 66;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 197;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 144, tav. 14;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 586 ;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 2

Kalmár-Huller: Gombák, Búvar Zsebkönyvek Móra Könyvkiado, Budapest, 1978, pag.14, fig. 4;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 173;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 209;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 645;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 226

Phillips R,: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 114;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 232;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 146;

Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983, pag. 169.

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1983, collez. 2, tav. 69;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 128;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 163;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 114;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 223;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 126;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 191;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 225;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 104;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 153;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 117;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 71;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 669, n. 926;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 207, foto 136;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 20, n. 902;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 125, tav. 74;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 176;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 145;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 197;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 159, Iconografia n. 229;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 191;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 134, tav. 5/12 ;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 259;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 163;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 68;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 45;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 617;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 560, foto 589;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 142;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 203;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 80 , foto 48;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 230;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 123;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 226;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 138;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 252 n. 196, foto a pag. 57;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 58;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 230;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 239;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 235;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 380 ;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 125;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 212;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 248;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 153;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 227:

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 4, pag. 81.


Monografie:

Noordeloos M.E. : Entoloma, Fungi Europei Vol. 5, Ed. Libreria Editrice G. Basso, Saronno, 1992, pag. 111, tav. 2;

(Gianfranco Sperati)