Scheda n. 176 - Ottobre 2010 - Riferimento 818



PSATHYRELLA MULTIPEDATA
(Peck) Smith

 

Psathyrella multipedata
foto di S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Psathyra stipatissima J.E.Lange, Psathyrella fasciculata Bertrand.


Etimologia

Psathyrella = piccolo fungo fragile (dal latino psathyrus = soffice, fragile),
multipedata = con molti gambi (dal latino pes, pedis = piede, gambo)


Sistematica

Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidio-mycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Agaricales, Famiglia: Coprinaceae, Genere: Psathyrella , specie : multipedata.


Commestibilità

Senza valore, anche per l’esiguità della sua carne.


Descrizione

Tra i funghi fascicolati, che nascono cioè da una base comune (pseudorhiza) radicante, in gruppi di numerosi individui uniti alla base del gambo, Psathirella multipedata è sicuramente una delle specie più rappresentative. Il corpo fruttifero, cespitoso, può essere costituito anche da una settantina di individui appressati.

Il cappello, conico campanulato, igrofano, ha dimensioni ridotte (da 1 a 3 cm. di diametro); è privo di cortina e debolmente striato al margine. La superficie è liscia e di colore che varia dal bruno al grigiastro con il centro bruno rosato che diviene ocra giallastro essiccando.

Lamelle adnate, larghe, ascendenti, inizialmente ocra chiaro per passare poi al bruno e infine bruno violetto scuro.

Il gambo può raggiungere un’altezza di una decina di centimetri; è cilindrico o lievemente ingrossato alla base, sottile, cavo e fragile, bianco ma ingrigente e ornato di fini fibrille radiali in maturità. La base del piede è unita a quella degli altri esemplari, talora con qualche feltrosità bianca.

Carne biancastra, bruno aranciata quando imbevuta di acqua. Odore nullo, sapore lievemente dolciastro.

Basidiospore ellittiche, lisce, di dimensioni 6,5 / 9 x 3,5 / 4,5 micron, con notevole, evidente poro germinativo. Sporata bruna.

Specie terricola, è’ relativamente comune in estate e in autunno nei boschi di latifoglie, lungo i sentieri e nei parchi. In gruppi cespitosi di molti individui.


Possibilità di scambio

Tra gli altri funghi cespitosi, va ricordata la P. piluliformis che tuttavia cresce soltanto su legno o alla base di tronchi (o radici interrate) ed ha i cappelli di dimensioni notevolmente maggiori (fino a 6 cm.) mentre le spore hanno dimensioni ridotte. Molte altre specie possono presentarsi variamente fascicolate; tra le Psathyrelle ulteriori differenziazioni possono rilevarsi soltanto microscopicamente.


Bibliografia

Micheli P.A. : Nova Plantarum Genera, Firenze, 1728, pag. 195, tav.79/5;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 140 n. 334;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, foto n. 895;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 360;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 278;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 294;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 174;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 266;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 159;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 270, n. 818;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 498, tav. 153E;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 244;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 108;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 274, foto 337;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 366;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 182;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 398.

(Sandro Ascarelli)