Scheda n. 166 - Agosto 2010 - Riferimento n. 899

Volvariella hypopithys (Fr.) Moser



166. Volvariella hypopithys
foto di S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi


Volvariella pubescentipes (Peck) Sing., Volvariella plumulosa ss. Quél., Agaricus plumulosus Lasch, Agaricus pubescentipes Peck, Volvaria hypopithys (Fr.) P. Karst., Volvaria media var. biloba (Massee) A. Pearson & Dennis, Volvaria parvula var. biloba Massee.
Volg. : Volvaria piumosa


Etimologia

Volvariella = piccola volva che avvolge la base del piede (diminutivo di Volvarius);
hypopithys = parola greca composta da due parole: hypo = sotto e pitys = pino


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Pluteales,, Famiglia: Pluteaceae, Genere: Volvariella, Specie: hypopithys.


Commestibilità

È una piccola specie senza valore alimentare.


Descrizione

Cappello 15-25 mm di diametro, emisferico poi convesso, infine più espanso con basso umbone centrale; cuticola di aspetto feltrato, poi radialmente fibrilloso-feltrato; margine leggermente eccedente, plissettato e spesso frangiato; di colore bianco o biancastro, leggermente grigio-ocra al disco.

Lamelle libere, larghe, intervallate da lamellule, dapprima bianche, poi crema-rosate, rosa-salmone, infine rosa-brunastre; filo lamellare concolore, finemente fioccoso se osservato con la lente. Lamellule presenti.

Gambo 20-25 x 3-4 mm, bianco, cilindrico, cavo, leggermente allargato in basso, diritto, con superficie opaca, totalmente ricoperta da fine peluria.

Volva membranacea di colore beige, non viscosa, libera, inguainante per 1/3 della lunghezza del gambo, irregolarmente divisa in 2/4 lobi.

Carne biancastra, odore e sapore erbacei. Senza valore.

Spore, rose in massa, da ellissoidali ad oblunghe, lisce con parete spessa, di 5,9-8,5x3,5-6 µm.

Cresce su terra nuda in boschi di conifere, di latifoglie, ma anche fuori del bosco, fra l’erba, in estate-autunno. Poco comune.


Possibilità di scambio

Può essere confusa con V. pusilla var. pusilla che, a maturazione, presenta uno stipite completamente glabro o al limite con peli presenti solo nella parte apicale, mentre, come si è visto, V. hypopithys si riconosce per avere il gambo fortemente pubescente, particolarità che rimane costante durante tutto il suo ciclo biologico. Anche V. murinella, in individui con tonalità chiare, è molto simile a V. hypopithys, in quanto anche quest'ultima presenta peli sul gambo, ma più radi e meno evidenti.

Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 658;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 1, tav. 527/2;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 247, tav. 813;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 94;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 72, tav. 22 n. 604;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.589, fig. 309;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 4, foto n. 1271;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 426;

Malencon G. & Bertault R.
: Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 109;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 217;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 228;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 1, pag. 52, tav. 17/1;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. ;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 198;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 339;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 1009 n. 1375;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 288 , n. 899;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 114, tav. 68D;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 210, Iconografia n. 333;

R. Mazza: I funghi, Sonzogno, Milano, 1997, pag. 67, fig. 4;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 731, foto 678;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag.675;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 214;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 136, foto 131;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 252.

(Gianfranco Sperati)