Scheda n. 162         -        Agosto  2010      -       Riferimento n. 244




HYGROPHORUS RUSSULA
(Sch. : Fr.) Quèlet

 

162. Hygrophorus russula
foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia



Sinonimi

Agaricus russula Schaeffer, Tricholoma russula Gillet, Limacium russula Ricken.
Volg.: Igroforo russula.


Etimologia

Hygrophorus = portatore di umidità (dal greco Hugro = umido e dal latino  fero = porto)
russula = rosseggiante (aggettivo russulus, dal latino, diminutivo di russus = rosso).


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Genere: Hygrophorus, Subgenere: Neocamarophyllus, Sezione: Rubentes, Specie: russula.


Commestibilità.

Commestibile gradevole e redditizio.


Descrizione

E’ un fungo di dimensioni medie o medio-grandi,, carnoso, ed anche per questo gastronomicamente conosciuto ed apprezzato.

All’inizio il cappello si presenta  in forma emisferica, convessa per assumere poi un aspetto piano, irregolare, provvisto talvolta di un basso umbone e con il margine per lungo tempo involuto. La compattezza e la carnosità del carpoforo lo fanno assomigliare ad una Russula, anche per il colore della superficie pileica percorsa da fibrille rosso amaranto o rosso vinoso su fondo biancastro. Il cappello, completamente disteso, può raggiungere un diametro di 12 / 15 centimetri. La cuticola del cappello, quasi completamente asportabile, è liscia e asciutta, tendente tuttavia a divenire vischio- setta col tempo umido.

Lamelle larghe, adnate o subdecorrenti, sinuose, mediamente fitte, intercalate da lamellule e forcate in prossimità dell’orlo. Sono essenzialmente biancastre ma a maturità possono assumere sfumature rosso-vinose o gialline alla manipolazione.

Il gambo, molto simile anch’esso a quello delle Russule, è cilindrico o un poco panciuto, talvolta incurvato, robusto, carnoso, pieno, liscio (senza alcuna traccia di anello) o lievemente pruinoso nella parte alta, biancastro ma tendente, con l’età, ad assumere le stesse colorazioni del cappello.

Carne soda e compatta. Bianca, appena arrossante alla sezione; reagisce all’idrato di potassio virando immediatamente al giallo-verdastro, reazione nulla con fenolo o con tintura di Guaiaco. Odore gradevole, fungino, sapore dolciastro ma talvolta un pochino amarognolo.

Spore ellittiche o sub sferiche, lisce, monoguttulate, fornite di apicolo evidente. Sporata bianca.

Cresce in ambienti mediterranei, dalla collina alla montagna, associato a latifoglie, gregario, in autunno.


Possibilità di scambio.

Simile nel suo aspetto ad una Russula non può con quest’ultima essere confusa se soltanto si ricorda che le Russule hanno carne cassante, tale da spezzarsi in tutti i sensi, mentre H. russula ha carne costituita da cellule allungate e alla frattura tende a sfibrarsi.

Nei boschi di conifere di montagna si può trovare l’ Hygrophorus erubescens nelle sue due varietà: var. erubescens e var. persicolor. Hanno ambedue dimensioni inferiori e colori pileici sbiaditi, quasi rosati.. Il primo tende ad ingiallire in vecchiaia. Non sono tossici ma è bene evitarne il consumo perché hanno un sapore più o meni amaro.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 38;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 262;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  1, tav. 67;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 80;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 9 n.27, tav. 4/1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 293;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2,tav. 252  ;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 113;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, pag.  97;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 617;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 13, tav. 4 n. 80;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 391, fig. 170;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 226 n. 591;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 263C;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 129;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 144;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 131;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 130, tav. 56;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 229;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 209;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol.  2,  pag. 518;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 84;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 114;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 85;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag.  667,  foto  345;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 114;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav.  113;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 305;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, tav. 27;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 145;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag.  427;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 59;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 108, foto pag. 208;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 116;

 

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 143;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 115;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 186;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 89;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 278, tav. 106;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol.1, pag, 324, foto 453;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 171,  foto 102;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè,  Paris, 1994, pag. 166, n. 244;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 65;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 100, Iconografia n.106;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 199;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag.  152,  tav. 14/1 ;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag.  158;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 101;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 382;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 166, foto 244;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 22;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 71, pag. 133, foto 49;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 140;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 134, foto  129;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 112;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 285;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 81;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 230 n. 173;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 240;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 128;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 333;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 116;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 202 ;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 90;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 104;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 112;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 116;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag.  255;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 1, pag.100.


Monografie:

Galli R. : Gli igrofori delle nostre regioni, LaTipotecnica snc, S.Vittore Olona (Mi), 1984, pag. 98;

Candusso M. : Hygrophorus, Fungi europei n. 6, Ed. Candusso, Alassio, 1997, pag.207, tav. pag. 706.

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Igrofori, Edagricole, Bologna, 1998, pag. 214 n. 59.

 

(Sandro Ascarelli)