Scheda n. 156 - Luglio 2010 - Riferimento n. 37


GEOPORA ARENOSA (Fuckel) Kers


156. Geopora arenosa

Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Geopora arenicola (Lév.) Kers, Humaria arenosa Fuckel, Lachnea arenosa (Fuckel) Sacc, Peziza arenosa (Fuckel) Cooke, Sepultaria arenosa (Fuckel) Boud. (1907), Peziza arenicola Lév., Geopora sepulta (Fr.) Korf & Burds.
Volg. : Geopora delle sabbie.


Etimologia

Geopora
: deriva dal greco geo e dal latino porus (plurale pora) = pori colore della terra;
arenosa: dal latino arenosa = sabbiosa


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Ascomycota, Classe: Hymenoascomycetes, Subclasse: Pezizomycetideae, Ordine: Pezizales, Famiglia: Pyrenomataceae, Genere: Geopora, Specie: arenosa.


Commestibilità

Senza alcun valore per l’esiguità della carne e per l’impossibilità di rimuovere i granelli di sabbia trattenuti dai peli della parte esterna del carpoforo.


Descrizione

Questo raro Ascomicete è conosciuto anche con il nome di Sepultaria arenosa proprio per la caratteristica di prodursi in gruppi infossati, quasi completamente sepolti nel terreno sabbioso dei boschi di latifoglie o di conifere.

Il fungo all’inizio è quasi globoso, semiipogeo poi affiorante, successivamente si apre a maturazione formando una serie di lobi. L’imenio é liscio oppure leggermente rugoloso, di colore bianco perlaceo, poi bianco-grigiastro, infine crema. La superficie esterna è ocra-bruna rivestita di peli concolori che trattengono granelli di sabbia. Il margine delle lobature, dello stesso colore della superficie esterna, è crenulato e di frequente anche notevolmente inciso.

Carne sottile, biancastra, cassante, inodore e insapore.

Spore 24-28 x 14-16 micron, ellissoidali, lisce, guttulate, ialine, racchiusi in serie di 8 spore per ciascun asco cilindrico misurante 250 x 15 / 20 μm.

Specie strettamente sabulicola e tipicamente invernale, abbastanza diffusa lungo le dune mobili dei litorali dal tardo autunno alla primavera.


Possibilità di scambio

Si tratta di una piccola specie che alcuni micologi separano da Geopora arenicola (Lév.) Kers. Ma le modeste differenze macroscopiche e microscopiche non autorizzano quanto detto, pertanto le due specie sono qui sinonimizzate. Inoltre è molto simile alla più conosciuta Geopora sumneriana, (v. scheda n. 42) specie tipicamente primaverile, più grande (larga fino a 75 mm) e non associata alla sabbia bensì a Cedrus sp.


Bibliografia

Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 5, foto n. 2101 e vol. 7 foto n. 2923;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 4, pag. 182 in nota;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 518 in nota;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1997, collez. 16, tav. 462;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 273;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 311;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 340, foto 474 ;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 672, foto 536 ;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 118, n. 37;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 37;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag . 291;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 267;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 118;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 293, foto 44;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 3, pag. CCXXIII;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 47;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 1, pag. 88, foto 67

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 79;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 8, pag. 126, n. 842.


Monografie

Montecchi A. & G. Lazzari: Atlante fotografico di Funghi Ipogei, A.M.B., Trento, 1993, pag. 94-95;

Montecchi A: & Sarasini M: Funghi ipogei d’Europa, A.M.B., Trento, 2000, pag. 171;

G. Monti, M. Marchetti, L. Gorreri, P. Franchi: Funghi di ambienti dunali, Univ. Di Pisa, Parco Migliarino, S. Rossore, Massaciuccoli, Pisa, 2001, pag. 44;

Medardi G. : Atlante fotografico degli Ascomiceti d’Italia, Associazione Micologica Bresadola, Trento 2006, pag. 62.

 

(Gianfranco Sperati)