Scheda n. 152        -        Giugno 2010      -       Riferimento n. 120

CLAVARIADELPHUS PISTILLARIS (L. : Fr.) Donk

Clavariadelphus pistillaris-1_edited.jpg






clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Clavaria pistillaris Fries;
Volg. : Mazza d’Ercole, pocciolo di vacca.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Aphyllophoromi-cetideae, Ordine: Clavariales, Famiglia : Clavariadelphaceae, Genere: Clavariadelphus, Specie: pistillaris.

Etimologia

Clavariadelphus = fratello della Clavaria (dal greco adelphòs =  fratello),
pistillaris = simile a un pestello (dal latino pistillum = pestello da mortaio).

Commestibilità

Commestibile discreto anche se un po’ amarognolo; è preferibile passarlo per una breve bollitura e consumarlo insieme ad altri funghi.

Descrizione

I basidiomi appartenenti all’ordine delle Clavariales hanno una forma del tutto simile a quello di una clava di solito non ramificata. Clavariadelphus pistillaris non fa eccezione ed assomiglia al pestello da mortaio usato tempo fa per frantumare i granuli di sale, o, come vuole la denominazione popolare, ad una mazza (Mazza d’Ercole).

Il carpoforo può raggiungere può raggiungere anche i 30 centimetri d’altezza. Inizialmente ha una forma quasi cilindrica ma poi la parte superiore si rigonfia fino ad assumere un diametro variante da 1,5 / 3 centimetri mentre la parte inferiore appare rastremata. L’apice è sempre arrotondato, a guscio d’uovo.

La superficie del ricettacolo è inizialmente liscia ma diviene poi rugosa e scanalata. La colorazione varia dal giallo ocra chiaro al giallo brunastro o giallo grigiastro con sfumature color ciclamino più evidenti verso il basso.

La carne è dura, soda  e bianca finchè il fungo è giovane per divenire poi stoppacciosa e spugnosa in maturità ed infine, scurendo progressivamente, cedevole e molliccia in vecchiaia. Alla sezione può virare al viola scuro. Odore gradevole, sapore amarognolo. Con solfato ferroso (FeSO4) la carne vira al grigio verde, al giallo e poi al rosso con fenolo (C6H5OH), all’azzurro con tintura di Guaiaco.

Spore non amiloidi, ellittiche allungate, lisce, 9 / 14 x 6  9,5 micron: sporata bianco giallina.
Terricolo, cresce molto lentamente durante l’estate, isolato o in piccoli gruppi, su terreno calcareo, nei boschi di latifoglie e soprattutto di faggio.

Possibilità di scambio.

Gli è molto simile Clavariadelphus  truncatus che ha sommità non arrotondata ma appiattita o tronca e che si sviluppa principalmente nei boschi di aghifoglie. Assomiglia molto a C. pistillaris anche Clavariadelphus flavoimmaturus che però è più slanciato e minuto e cresce nelle quercete di media montagna.


Bibliografia

Micheli P.A. : Nova Plantarum Genera, Firenze, 1728, tav. 87, fig. 1;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 722

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 459;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 145;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  1,  tav. 1102;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 142;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 717 n. 2441;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, n. 329;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1832, fig. 253, vpl. 1, pag. 601;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 253, tav. pag. 230;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 151;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 603;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 174, n. 1495;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 323, tav. 6,  fig.  n. 130;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag.52, n. 75;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 145;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 772;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 149, tav. 296;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav.201/1;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 327;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav.316;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 119;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 100;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag.  403,  foto  688;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 476;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 400, foto  345;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 217;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 257;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 95;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 36;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag.  195;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 308;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  60;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 80 ;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 192;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 114;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 163;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 455;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 57;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol.1, pag, 134, foto 152;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 631, foto 497;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè,  Paris, 1994, pag. 146 , n. 120;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 109;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 126;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 81;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, foto 32;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 287;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 63;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 145;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, ill. pag. 209;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag.  364;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 338;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  241:

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto  pag. 68;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 332;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 372, foto 164;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 435;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 64;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol.  2, pag. 350, foto  453;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 304;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 47;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 284;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 576;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 547;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 104;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 180;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 217;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 166;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 530;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 232;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 475;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 7, pag. 164, n.  743.

(Sandro Ascarelli)