Scheda n. 151 - Giugno 2010 - Riferimento n. 517

 

COLLYBIA BUTYRACEA (Bull. : Fr.) Kummer

 

151. Collybia butyracea
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

 

Sinonimi

Agaricus butyraceus Bulliard, Rhodocollybia butyracea Lennox, Agaricus leiopus Persoon, Collybia asema Gillet.
Volg. Agarico butirraceo, Collybia burrosa


Etimologia

Collybia = piccola moneta spicciola (dal greco kollubòs = monetina, spicciolo);
butyracea = burroso, attinente al burro (dal latino butyrum = burro).


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomyce- tes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Collybieae, Genere: Marasmius, Sottogenere : Rhodocollybia, specie: butyracea.


Commestibilità

Commestibile di scarso pregio perché insipido e poco carnoso.


Descrizione

Specie diffusa e comune, facilmente determinabile per l’untuosità percepibile sulla superficie del cappello e sul gambo che appare inferiormente ingrossato e percorso da striature, e per l’odore caratteristico di burro rancido.

Il cappello (dai 3 ai 10 centimetri di diametro) è inizialmente convesso per distendersi poi diventando anche un po’ concavo e fornito di un basso umbone ottuso; il margine è ondulato. La cuticola è liscia, traslucida e lardacea al tatto, di colore variabile dal giallo ocra al bruno rossastro, più scuro nella zona discale e più chiaro al margine soprattutto col tempo secco. Talvolta si notano anche sfumature olivacee.

Gambo dello stesso colore della superficie pileica, poco carnoso e cavo in maturità, assume una forma clavata con la base ingrossata e ricoperta da una feltrosità biancastra. Longitudinalmente il gambo appare striato soprattutto verso la base.

Lamelle non molto fitte, intervallate da lamellule, completamente libere al gambo, con il tagliente più o meno dentellato, biancastre, a tratti con qualche sfumatura debolmente rosata.

La carne è acquosa nel cappello, più consistente nello stipite, bianco rosata a tempo umido, molto più pallida col tempo asciutto. Odore poco intenso e gradevole all’inizio, poi marcatamente di burro rancido; sapore dolciastro.

Basidiospore lisce, ellissoidali, misurano 6 / 7,5 x 3 / 4,5 micron. Sporata bianca.

Reazioni macrochimiche: la cuticola del cappello diviene bruna con idrato di potassio (KOH); le lamelle si tingono di viola-bruno a contatto col fenolo.

Specie comune che cresce gregaria dalla fascia costiera alla montagna, prevalentemente nei boschi di aghifoglie, dall’estate al tardo autunno.


Possibilità di scambio

Una specie molto simile, da alcuni Autori considerata una varietà di C. butyracea, da altri una entità autonoma è la Collybia asema che differisce soltanto per una differente colorazione del cappello che si presenta con la zona discale scura e con la residua parte pileica grigio olivastra o grigio alutacea chiara. Le due diverse, concentriche bande di colore possono variare a seconda del grado di umidità dell’aria (carattere dell’ igrofaneità). Collybia filamentosa ha il cappello ricoperto da fibrille bruno rossastre e Collybia rufovinosa si distingue per la colorazione rosso vinoso del pileo, dello stipite e delle lamelle.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 121;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 209;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.230;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 1, tav. 200;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 363 n. 1228, tav. 107/2;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 331 n. 1033;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, n. 40;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 36, tav. 67;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 109, tav. 67;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 19, tav. n. 138;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 439, tav. 35, fig. 85 n. 4;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 98 n. 208;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 103B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n.109;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 119, tav. 73;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav.72/1;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 153;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 197;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 253;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 91;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 399;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 154;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag.132;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 159;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 776, foto 755;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 144;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 91;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 221;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 164, foto 138;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1985, collez. 4, tav. 160;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 127;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 57;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 243;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag.70 ;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 178;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 200;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 93;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 123;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 75;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 742, foto 1026;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 130, foto 158;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 123, foto 57;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 218, n. 517;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 67, tav. 41;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 123;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 151;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 180;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 118, Iconografia n. 140;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 180;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 140, tav. 8, ill. pag. 180;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 239;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 43;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 112:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 490

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 652, foto 458;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 93;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 71, pag. 85;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 182;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 172, foto 185 e 186;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 147, foto pag. 148;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 67;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 217;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 164;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 276;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 117;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 87;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 206;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 93;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 199;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 99, n. 165.

(Sandro Ascarelli)