Scheda n. 130        -        Marzo 2010      -     Riferimento n. 1609

HYGROPHOROPSIS AURANTIACA (Wulf. : Fr.) Maire


Hygrophoropsis aurantiaca
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Clitocybe aurantiaca Studer, Cantharellus aurantiacus Fries, Agaricus cantharelloides Bulliard.
Volg. Cantarello aranciato, falso galletto, falso gallinaccio

Etimologia

Hygrophoropsis = simile a un Hygrophorus (da Hygrophorus = portatore di umidità e òpsis = sembianza);
aurantiacus = attinente alle arancie, aranciato, color arancio.

Sistematica

Regno: Fungi; Divisione: Eumycota; Sottodivisione: Basidiomycota; Classe: Homobasidiomycetes; Sottoclasse: Agaricomycetidae; Ordine: Boletales; Famiglia: Hygrophoropsidaceae; Genere: Hygrophoropsis; Specie: aurantiaca..

Commestibilità

Sospetto.  Probabilmente leggermente tossico.

Descrizione

E’ considerato uno dei “sosia” del galletto o finferlo (Cantharellus cibarius, vedi scheda n. 22). Tuttavia ha carne più morbida ed elastica, colori molto più aranciati e soprattutto ha delle vere e proprie lamelle che si piegano sotto la pressione dei polpastrelli mentre nel C. cibarius la superficie imeniale è costituita da nervature rigide, non flessibili.

Si presenta con un cappello convesso, poi piano ed infine depresso, spesso imbutiforme e umbonato, con un diametro di circa 10 cm., di un vistoso colore da giallo uovo a arancione. Il margine è inizialmente revoluto, poi diritto e sottile, di poco più chiaro del centro del cappello.

La cuticola, asportabile, è asciutta o finemente vellutata.

Lamelle da giallo chiaro a giallo arancio, imbrunenti con l’età, sono spesse, mediamente serrate, arcuate, decorrenti, intercalate da lamellule e da biforcazioni, facilmente staccabili dalla polpa della carne.

Il gambo è spesso eccentrico, svasato sotto le lamelle ed attenuato alla base, pieno, concolore al cappello ma tendente ad imbrunire verso l’estremità inferiore.

Carne fiocconosa, acquosa, elastica, di un pallido color giallo arancio ma bruna e quasi nerastra in maturità all’estremità del gambo. Odore impercettibile, sapore amarognolo ed astringente.

Spore ialine al microscopio, ellissoidali o ovate, lisce, 5 / 7,5 x  3 / 5 micron. Sporata gialla, molto chiara, quasi biancastra.

E’ una specie non molto comune che cresce dalla primavera all’autunno, a varie altezze, nei boschi sia di aghifoglie che di latifoglie, su residui vegetali in decomposizione anche interrati. Isolato o in piccoli gruppi.

Possibilità di scambio

Come abbiamo già accennato nella descrizione, potrebbe essere scambiato per un “galletto” o per un “finferlo” (Cantharellus cibarius) ma ne differisce per il colore più aranciato, per la carne più morbida e spugnosa e per l’imenio costituito da vere e proprie lamelle, cedevoli sotto la pressione dei polpastrelli. E’ relativamente simile, in particolar modo per il colore, a Omphalotus olearius (scheda n. 65) che tuttavia ha dimensioni maggiori, lamelle molto decorrenti e che cresce, cespitoso,  su ceppaie o alla base di latifoglie (più raramente di aghifoglie).

Bibliografia

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 273, n. 825;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 33 tav. 61;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 105;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 104;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 624;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 101,  tav. 61;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 326;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 182 n. 463;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 93;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 152;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. fig. 134, tav. 183;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 105/1;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 166, tav. 74;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav.183;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 263;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 130;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 162;

Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 33, foto 19;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 80;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 143;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 80;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 669,  foto  311;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol.  2, tav. 287;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 166;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pagg. 162 e 218;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag.  29;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 134;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 66;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag.  339;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 23;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 229;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol.  3, pag. 122 ;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag.  50;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 123;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 110;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 189;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 87;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 488, foto 732 ;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 66, foto 557;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.  1, pag. 148, foto 80;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 418, n. 1609;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 217;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 334;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 132;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 197;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 345;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  29:

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 808;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 713, foto 299;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 343;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  335;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 90, foto 61;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. ;282, foto pag. 283;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 119

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 82;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 218 n. 162;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 172;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 192;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 351;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag.  85;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 514;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 105;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 6, pag.  202 n. 625.

(Sandro Ascarelli)