Marzo 2010   -    Scheda n. 129    -   Riferimento n. 1736

LYCOPERDON ECHINATUM Persoon : Persoon

 

Lycoperdon echinatum
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi
Lycoperdon hoylei Berk. & Broome
Volg. : Vescia spinosa, Vescia aculeata, Puzzola spinosa.

Etimologia

Lycoperdon = Loffa di lupo (dal greco: lùkos = lupo,  pèrdomai = emettere aria, scoreggiare)echinatum = irto di aculei, spinoso.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Suddivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes , Subclasse: Gasteromycetideae, Ordine: Lycoperdales, Famiglia: Lycoperdaceae, Genere: Lycoperdon, Specie: echinatum.

Commestibilità

Commestibile da giovane dopo aver tolto l’esoperidio.

Descrizione

La singolarità di questa “vescia” è di avere la superficie esterna (esoperiodo) ricoperto in gioventù da piccole spine brune di circa 5 o 6 mm. di altezza che si saldano a tre o a quattro, all’apice, assumendo una forma piramidale.

La forma del carpoforo è quella tipica di molti gasteromiceti: l’aspetto è quindi quello di una pallina di 5 o 6 centimetri di diametro, sorretta da una base sterile, attenuata e che si prolunga nel terreno tramite cordoni miceliari biancastri. L’esoperidio, biancastro ma poi imbrunente, è rivestito di aculei ripiegati e riuniti in piccoli gruppi nella parte superiore, brunastri. Gli aculei che fanno assumere al carpoforo le sembianze di un riccio di castagna, sono destinati a cadere non appena il carpoforo raggiunge la piena maturità: al loro posto rimangono delle areolature poligonali di color lilla o fulvastro.

Le spore sono frammiste alla carne bianca nella parte interna del fungo e si disperdono, assieme alla polvere bruna della gleba essiccata, attraverso un ostiolo apicale.

Spore sferiche, con un diametro di 4 o 5 micron, color cioccolata, rivestite da verruche e con brevi appendici (sterigmi per lo più spezzati).

Da giugno a ottobre prolifera su suoli calcarei, nelle lettiere di latifoglie come faggi e querce, solitario o in piccoli gruppi.

Possibilità di scambio.

Secondo qualche Autore, il carpoforo ancora giovane di L. echinatum potrebbe talvolta essere confuso con quello di L. foetidum che differisce dal primo sia per l’odore sgradevole, sia per i caratteri microscopici molto diversi. Riteniamo improbabile lo scambio con L. umbrinum e con il L. molle che hanno l’esoperidio privo di aculei.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 3, pag. 37;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 7, pag. 107;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pagg. 32 - 36;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1939 fig. 248;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. ill. ;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964,pag. 241, tav. 208;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag.197, n. 1727;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 631, fig. 337;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 216, n. 557;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 338;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 152, tav. 317;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav.207/2;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 4, tav. 366;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 443;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 2, pag. 94;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 237;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 824,  foto 649;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 226;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 358;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag.  502;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1983, collez. 2, tav. 81;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 225;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 247;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 115;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 304;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 378;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 471;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 229;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 195;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 176 , foto  212 ;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 363, foto 283;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 444, n. 1736;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 130;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 356;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 76;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 271, Iconografia n. 465;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 134;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 405;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 372;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 261;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 887;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 920, foto  911;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 454 ;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 387;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol.  2, pag. 390, foto  512;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 311;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 272;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 596;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 570;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag 357;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 594;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 229;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 536;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 262;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 456;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 8, pag.  32 n. 779.

Monografie:

Hennig M. e Pilat A. : Gastromiceti, traduzione a cura del Gruppo Micologico parmense “G. Passerini”, Parma, 1980, parte 2, pag. 79, tav. 17.

(Sandro Ascarelli)