Scheda n. 123 - Febbraio 2010 - Riferimento n. 461



LEUCOPAXILLUS AMARUS
(Alb. & Schw. : Fr.) Kuhener

 

123. Leucopaxillus amarus

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Leucopaxillus gentianeus, Clitocybe amara.
Volg.

Etimologia

Leucopaxillus = bastoncino bianco (dal greco leukos = bianco e paxillus = bastoncino),
amarus = amaro.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomy-cetideae, Ordine: Agaricales,, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Leucopaxilloideae, Tribù: Leucopaxilleae, Genere: Leucopaxillus, Sottogenere: Leucopaxillus, Sezione: Mirabiles, Specie: amarus.

Commestibilità

Non commestibile perché amarissimo

Descrizione

E’ sicuramente molto facile identificare questo fungo: à sufficiente masticare qualche pezzetto della sua carne ed avvertirne subito il sapore amarissimo, tanto che dovremo trascorrere i dieci minuti successivi a sputacchiare per toglierci dalla bocca quello sgradevole gusto.

Il cappello bruno chiaro, marrone o bruno-fulvo è inizialmente convesso ma ben presto si distende fino a raggiungere un diametro di 8 o 10 centimetri. La cuticola è vellutata, tomentosa. L’orlo, sottile, tende ad essere più chiaro e ad avere delle linee scure, appena disegnate sulla cuticola (elemento che riteniamo costante ma non sempre messo in evidenza dagli Autori).

Le lamelle sono piuttosto fitte, adnate, uncinate e decorrenti lungo il gambo, biancastre ma tendenti ad un tenue color crema.

Gambo bianco e tendente ad imbrunire al tocco, sodo, cilindrico ma ingrossantesi alla base, verticalmente percorso da striature che sembrano la prosecuzione della decorrenza delle lamelle.

Carne bianca e soda. Odore lieve di farina. Sapore ingrato, molto amaro.

Spore da ellissoidali a sub sferiche (5 / 7 x 4,5 / 6 micron) ornamentale da verruche poco fitte, bianche in massa.

L. amarus si può trovare frequentemente, in colonie anche numerose, in autunno, sotto pini e sotto quercie.

Possibilità di scambio

Le specie più prossime sembrano essere Leucopaxillus mirabilis che ha colori pileici più marcati, stipite guarnito da una zona anulare e, soprattutto, sapore anisato, dolciastro, e Leucopaxillus phaeopus, riconoscibile per il colore brunastro del gambo

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 87;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 149;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.283;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 65, tav. 49,

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.221;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 14, tav. 4, n. 96;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.454, fig. 213;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 605;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 1, tav. 135;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 9, pag. 52, tav. 823;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 272;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 145, fig. 206;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 124;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 146;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 150;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 768, foto 277;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 160;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 173;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 137;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, tav. 283;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 162;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 225;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 800, foto 1114;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 122, foto 147;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 151, foto 83;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 296, n. 461;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 42, tav. 24;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 137, Iconografia n.180;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. ;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 455;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 76;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 71, pag. 197, foto 82;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 218 e in nota a foto 253;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 225;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 463;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 101;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 176, n. 447.

Monografie:

Bon. M. : Les Tricholomes, Mèmoire Hors Sèrie n. 2, C.R.D.P., Amiens, 1991, pag. 110, tav. 4E.

(Sandro Ascarelli)