Scheda n.  118        -        Gennaio 2010         -         Riferimento 288

CLITOCYBE NEBULARIS (Batsch. : Fr.) Kummer

Clitocybe nebularis001.jpg







clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus nebularis Batsch, Omphalia nebularis Quèlet, Lepista nebularis Harmaya, Agaricus pileolarius Bulliard;
Volg.  Agarico nebbioso, Fungo delle nebbie, Natalino, Nebbione, Ordinale..

Etimologia

Clitocybe = testa inclinata (dal greco klitus = pendio e kube = testa),
nebularis = attinente alla nebbia, grigio come la nebbia (dal latino nebula = nuvola).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Clitocybeae, Genere: Clitocybe, Sezione: Disciformes, Specie: nebularis.

Commestibilità

Benchè largamente consumato, sono stati segnalati non pochi casi di avvelenamento anche gravi (sindrome gastroenterica)

Descrizione

E’ un fungo abbastanza comune nei mesi autunnali più freddi, ancor’oggi raccolto e consumato nonostante numerose segnalazioni di intossicazioni anche gravi. Pare trattarsi di intolleranza soggettiva o di insufficiente prebollitura. Un micologo milanese ha tuttavia fatto presente di essersi inteso male (nausea, spossatezza, vomito, diarrea, dolori intestinali) semplicemente per aver inspirato, con la finestra della cucina chiusa, i vapori provenienti dalla pentola nella quale esemplari di C. nebularis erano stati messi a bollire. Pertanto continuiamo a sconsigliarne il consumo.

Il cappello è inizialmente convesso e col margine involuto; poi si appiana conservando al centro un basso umbone, talvolta con una leggera depressione al disco. Può raggiungere un diametro di circa 20 centimetri. Il colore è sempre grigiastro, più o meno scuro o talmente pallido da apparire quasi biancastro (forma alba). La superficie è asciutta, glabra, occasionalmente ricoperta da una pruina argentata.

La superficie imeniale è costituita da lamelle mediamente fitte, intercalate da lamellule, da adnate a poco decorrenti, crema paglierino, facilmente staccabili con l’unghia dalla carne del cappello.

Piede robusto, cilindrico, da giovane a forma di clava capovolta poi  leggermente svasato alle due estremità, inizialmente pieno poi fibroso e spugnoso, cotonoso alla base, di colore di poco più chiaro del colore del rappello, talvolta con qualche lieve sfumatura rosata-

Carne bianca, soda, igrofana, tende a farsi molliccia in maturità. Odore particolare, difficilmente definibile, molto simile a quello della Lepista nuda (v. scheda n. 045), Sapore dolciastro, non gradevole.

Spore lisce, ellissoidali (6,5 / 7,5 x 3,5 / 4,5 micron). Sporata bianca.

E’ un fungo abbastanza comune che può rinvenirsi nel tardo autunno (o in primavera) nei boschi di ogni tipo, soprattutto nelle lettiere di foglie. Gregario.

Possibilità di scambio.

E’ molto pericoloso confondere C. nebularis con l’ Entoloma lividum, specie sicuramente tossica che si presenta con la stessa taglia e gli stessi colori pileici: per questa somiglianza, i francesi hanno dato all’ Entoloma lividum l’ epiteto di “le pèrfide”. E’ quindi importante ricordare che E. lividum ha odore e sapore farinacei, completamente diversi da quelli percepibili in C. nebularis e che le lamelle, sempre bianche in C. nebularis, tendono a diventare rosate nell’ Entoloma lividum quando questo raggiunge il suo stato di maturità.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 86;

Viviani D. : I Funghi d’Italia, Genova, 1834, pag. 38, tav. 33;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 142;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 249;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 63, tav. 48,

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 85;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav.  133;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 334, tav. 103/1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 269;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, tav. n.144;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 34,  tav. 64;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag.138, ill. 14;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 102,  tav. pag. 77;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 68;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 104, tav. 64

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 26, tav.8, n. 195;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 448, tav. n. 34;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 90;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 99;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 158;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 118,  fig. 64;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 106;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 146;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 88,foto 35;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 188;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 259;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol  1, pag. 84;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 137, ,fig. 201;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pagg. 146 e 185;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag.48;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 118;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 141;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 120;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 749,  foto 354;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 122;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 83;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 160;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 191;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 174, foto  148;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag.  29;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1984, collez. 3, tav. 129;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 132;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 48;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 30;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 85;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 128, foto 76;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 136;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 167;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag.  91;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 119;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 65;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 61;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 813, foto 1130 ;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 106, foto  122;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 146, foto 78;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 174, n. 288;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 50, tav. 32 ;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 116;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 159;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 156;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 132, Iconografia n.171;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag.55;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. \79;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 142,  tav. 9/9;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 211;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 40;

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto  pagg. 37 e 38;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 396;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 863, foto 236;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.  36;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 157, scheda 62 ;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 152;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 162, foto 170;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pagg. 137 e 139;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 152;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 55;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 252 n. 195;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 119;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 108;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 210;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 129;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 216;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 98;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 84.


Monografie:

Bon M. : Les Clitocybes, Omphales et ressemblants, Documents mycologiques Mèmoire hors sèrie n. 4, CRDP de l’Academie d’Amiens, 1997, pag. 104.

 

(Sandro Ascarelli)