Scheda n. 116 - Gennaio 2010 - Riferimento n. 73



SARCODON IMBRICATUS
(L. : Fr.) Karsten

 

116. Sarcodon imbricatum
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Hydnum imbricatum Quèlet,
Volg. Steccherino bruno.



Etimologia

Sarcodon = con i denti di carne (dal greco sarkòs = carne e odòn = dente),
imbricatus = ricoperto di embrici sovrapposti, come le tegole di un tetto.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Aphyllopho-rales, Famiglia: Hydnaceae, Genere: Sarcodon, Specie: imbricatus.


Commestibilità

E’ un fungo commestibile ma la carne è elastica e tenace. Può quindi essere utilizza-to, da giovane, nella preparazione dei misti sott’olio. Essiccato e poi polverizzato conferisce un gradevole aroma nelle preparazioni a base di funghi (ad es. nei risotti).


Descrizione

Dall’inizio dell’estate, se ne trova in abbondanza nelle abetaie di montagna dove normalmente non viene raccolto. Tuttavia essiccato e polverizzato può essere conservato ed utilizzato come ottimo condimento nei risotti o negli intingoli. Si riconosce con facilità anche perché cresce in colonie numerose con carpofori che tendono a disporsi in linee o in circoli.

Il cappello può raggiungere grandi dimensioni (anche 25 cm. di diametro) ed è circolare, asciutto e carnoso, di colore brunastro, con il margine sottile. Caratteristiche sono le numerose squame grossolane, più scure e talora nerastre, erette e sovrapposte che come tegole di un tetto ricoprono la superficie pileica.

Sotto il cappello si nota la superficie imeniale costituita da aculei (detti idni) bianchi, fragili, mollicci e che si allungano e ingrigiscono durante la crescita del carpoforo; decorrono un pochino sul gambo e possono essere facilmente staccati dalla carne.

Il gambo non è mai alto, di dimensioni certamente inferiori al diametro del cappello, talvolta eccentrico, abbastanza grosso ed arrotondato alla base. La sua colorazione va dal bianco sporco al bruno grigio, annerente in maturità.

Carne soda e compatta, elastica e fibrosa, biancastra o grigiastra, diviene in maturità molle ed acquosa. Odore caratteristico più o meno iodato, Sapore amarescente.

Spore (6 / 7,5 x 5,5 / 7 micron) subglobose, irregolarmente angolate, centralmente guttulate, brune in massa.

Dalla seconda metà di agosto S. imbricatum cresce in colonie numerose nelle radure soleggiate dei boschi di aghifoglie, con prevalenza per le abetaie di montagna.


Possibilità di scambio

Altre specie appartenenti allo stesso Genere sono: Sarcodon leucopus (o laevigatus) con il cappello liscio e privo di squame sovrapposte, talvolta screpolato, e con la carne amara e odore pronunciato di cicoria tostata; Sarcodon cyrneus, anch’esso con la cuticola del cappello liscia, bruno vinosa e brillante e con la carne amarissima; Sarcodon joeides, di color rosa-bruno o rosso vinoso in ogni sua parte, superficie pileica uniformemente liscia, idni rosati ma con le punte biancastre e con la carne virante al viola. Sono tutte specie non commestibili.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 398;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 430;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 141, tav. 34;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 5, tav. 1035;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 136;

Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor’iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 28;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 631;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, tav. 11;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1835, fig. 1142;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 201, ill. 60;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 224, ill. pag. 229;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 145;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 40, tav. 11;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag.160, tav. 47, n. 1373;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 285, tav. 8;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag.56;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav.295;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 326;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 148, fig. 285;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 194;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 322;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 4, pag. 100, foto 348;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 302;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 90;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 2, pag. 70;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 82;

Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 79. foto 65;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 36;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 324;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 457;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 382, foto 329;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 203;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 242;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 41;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 208, foto 171;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 310;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 51;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 257;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 184;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 329;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 174;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 494;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 275, tav. 97;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 195, foto 253;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 138, n. 73;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 214;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 124;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 285;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag.68, Iconografia n. 20;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 88 e 89;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 226;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 168, tav. 22/2 ;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 367;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 270;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 237;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 246;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 340, foto 117;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 421;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 71, pag. 55, scheda 11;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 72;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 232, foto 275;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pagg. 294 e 295;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 436;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 41;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 269;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 162, n. 105;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 306;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 562;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 534;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 142;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 212;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 179;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 526, n. 1469.

(Sandro Ascarelli)