Scheda n. 103    -    Novembre 2009    -    Riferimento n. 1354


R
USSULA FOETENS Persoon : Fries


Russula foetens
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus foetens Persoon, Russula grata Britzelmayr, Agaricus incrassatus Sowerby, Agaricus fastidiosus Persoon.
Volg. Russula puzzolente..

Etimologia

Russula =  piccola rossa (dal latino, diminutivo di russus = rosso),
foetens = fetido, che emana cattivo odore.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomy-cetideae, Ordine: Russulales,, Famiglia: Russulaceae, Genere: Russula, Sottogenere: Ingratula, Sezione: Ingratae, Subsezione: Foetentinae, Specie: foetens.

Commestibilità

Non commestibile. Da rifiutare per il suo cattivo odore.

Descrizione

E’ una Russula comune in tutto il mondo e ben conosciuta per le sue grandi dimensioni ma soprattutto per l’odore peculiare, forte e sgradevole simile a quello della varechina.Il cappello può arrivare ad  avere  un diametro di oltre 20 cm. ed inizialmente è globoso per poi distendersi ed appianarsi irregolarmente. Il margine è acuto e molto striato, talora addirittura solcato. La cuticola, di colore giallo ocra o giallo brunastro, è più scura al centro ed è ricoperta da una sostanza mucosa o vischiosa percepibile al tatto e che sporca le dita della mano; si può asportare per circa un terzo del raggio.
Le lamelle sono abbastanza fitte, ineguali, arrotondate, piuttosto spesse, annesse al gambo, forcate e intervenate, biancastre e poi di color crema; in particolari condizioni di umidità possono secernere delle goccioline acquose e ialine che tendono poi a divenire brunastre e a chiazzare di bruno le lamelle stesse.
Il piede non è molto alto (di solito misura meno del diametro del cappello) ed è cilindrico o un po’ ingrossato alla base, liscio, in maturità farcito o cavo al suo interno, bianco all’apice e tendente a macchiarsi di bruno alla base.
La carne è fragile, cassante e gessosa, biancastra ma progressivamente imbrunente. L’odore è sgradevole, come di varechina. Il sapore è acre e piccante. Reazione nulla all’idrossido di sodio (KOH), positiva alla tintura di Guaiaco.
Spore bianche, subglobose, talvolta oblunghe, 8 / 10 x 7 / 8,5 micron, con parete ricoperta da aculei più o meno smussati; sporata crema.
R. foetens cresce gregario in estate e in autunno sia sotto latifoglie, sia sotto aghifoglie.

Possibilità di scambio

Russula subfoetens e Russula laurocerasi sono specie più piccole il cui cappello difficilmente riesce a superare i 10 cm. . La R. subfoetens ha inoltre una superficie pileica molto meno vischiosa e presto asciutta, carne bianca e spore di dimensioni inferiori. La R. laurocerasi ha un cappello brillante ma non viscoso e si riconosce soprattutto per il suo odore cianico, di mandorle amare.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 59;

Viviani D. : I Funghi d’Italia, Genova, 1834, pag. 47, tav. 41;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 467;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 345;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  4, tav. 426;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag.47, tav. 19/4;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 464;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, tav. 231  ;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1892, fig. 259;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag.73;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 62;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 63, tav. 19, n. 526;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 379, tav. 25;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 194;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 11/A;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 210;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 142, fig. 239;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 135;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 213;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 5, pag. 50, foto 420;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 24;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 180;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 467, fig. 660;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 179;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 60;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 432;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 102;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 461;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 35;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 347;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 344, foto  297;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, pag. 750;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 155;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 92;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 410;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 37;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 264;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol.  2, pag. 179, vol. 3 pag. 290;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. ;78

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  336;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag.  153;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 295;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 102;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 423, tav. 188;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 102;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 354, foto  501;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 195, foto 124;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 370, n. 1354;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 554, tav. 185;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 415;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 105;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 318;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 89;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 252, Iconografia foto  421

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 176;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 136;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  121:

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999,  pag. 29;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 750;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 738, foto 814;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.  292;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag.146, foto  147;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 160;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 140;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 63;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 86;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 106;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 461;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 134;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 232.

Monografie:

Blum J. : Les Russules, P. Lechevalier, Paris, 1962, pag. 68;

Romagnesi H. : Les Russules d’ Europe et d’Afrique du Nord, Bordas, France, 1967, pag. 246;

Foiera F., Lazzarini E:, Snabl M., Tani O. : Funghi Russule, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 78;

Galli R. : Le Russule, Edinatura s.r.l., Milano, 1996, pag. 88;

Sarnari M. : Monografia illustrata del Genere Russula in Europa, Ed. Gruppo Micologico Bresadola, Trento, 1998, vol. 1, pag. 375.

(Sandro Ascarelli)