Scheda n. 102      -     Novembre 2009      -      Riferimento n. 1341

PANAEOLUS SPHINCTRINUS (Fries) Quèlet



102, Panaeolus sphinctrinus









clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus sphinctrinus Fries, Panaeolus campanulatus var. sphinctrinus Quèlet.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales,, Famiglia: Bolbitiaceae, Tribù: Panaeoleae, Genere: Panaeolus, Specie: sphinctrinus.

Etimologia

Panaeolus =   smagliante (dal greco  panaiolos)
sphinctrinus = stretto, fasciato, strozzato (dal greco sfinktèr = fascia, laccio)

Commestibilità

Specie velenosa. La sua ingestione provoca sindrome narcotica-psicotropa, con sintomatologia prevalentemente allucinogena (agitazione psicomotoria, depressioni, allucinazioni sensoriali e cenestetiche). Principali responsabili potrebbero essere la psilocibina e la psilocina, sostanze analoghe alla messalina e all’ LSD.

Descrizione

Le specie ascritte al genere Panaeolus sono costituite da funghi prevalentemente fimicoli, cioè da funghi che crescono su escrementi animali (soprattutto letame equino e bovino). Hanno lamelle deliquescenti tanto che molti Autori vi scorgono notevoli analogie con i basidiomiceti del genere Coprinus.
P. sphinctrinus (che da alcuni studiosi viene tenuto distinto da P. campanulatus) ha un cappello del diametro fino a 3 cm., di forma ovoide e poi campanulato, mai completamente disteso, leggermente igrofano col tempo umido ma asciutto, satinato e a volte screpolato col tempo secco. La cuticola è sottile, di colore variabile dal grigio ocraceo al nerastro qualche volta con sfumature olivastre. L’orlo del cappello è tipicamente frangiato per residui del bianco velo parziale che, non appena il cappello tende ad aprirsi, rimane aderente al margine festonandolo con fugaci dentelli triangolari.
Le lamelle, deliquescenti, sono mediamente fitte, ventricose, adnate, da grigio a nerastro, marmorizzate per la presenza di minuscole macchie bianche o leggermente rosate. Il tagliente è chiaro.
Il gambo  più alto del diametro del cappello, cilindrico, sottile, fistoloso o cavo, grigio alla sommità dove appare anche coperto da una finissima pruina, bruno-rosato alla base.
Carne esigua, grigio-bruna, con odore e sapore insignificanti.
Sporata nera. Le spore quasi ellittiche o citriformi, di  14 / 18 x  8 / 10,5 micron. Nere, dotate di marcato poro germinativo.
I ricettacoli possono crescere in colonie più o meno numerose, dalla primavera all’autunno, in pianura o in montagna, in terreni adibiti a pascolo animale.

Possibilità di scambio

Il genere Panaeolus annovera una ventina di specie non sempre facilmente identificabili. Secondo alcuni Autori P. campanulatus non sarebbe sinonimo di P. sphinctrinus ma specie a sé stante, caratterizzata dalle minori dimensioni del gambo. Citiamo il P. ater i cui esemplari appaiono di un colore uniformemente grigio-nerastro che schiarisce con l’essicazione, jl  P. papilionaceus col cappello biancastro sfumato di rosso e con le lamelle punteggiate, il P. acuminatus con un cappello fornito di un umbone a punta.

Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 1121;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 54;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 5,  tav. 894;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 241;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 371;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 155, tav. 38, n. 1086;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 601, fig. 314A;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 47;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 35;

Balletto C. : Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 424;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 350, fig. 457;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 133, fig. 11 ;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 300 ;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 268;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 282;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 186;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 272;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 62, foto  48;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, pag. 744;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 100;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 172;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag.182;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985,  pag.  94. tav. 50I;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 264;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  272;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 255;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 157;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 347, tav. 147;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 552, foto  796;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 224, foto  299;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 590, foto 456;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 366, n. 1341;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol.  2, pag. 491, tav.  150;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 337;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 239;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 231;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 193, Iconografia n. 302;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 231;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag.  316;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  107:

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999,  pag. 52;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 744;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 424, foto 450;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.  254;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  257;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 260, nota a foto  316;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pagg. 197 e 198;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pagg. 13 e 105;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 184, n. 128;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 255;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 282.


(Sandro Ascarelli)