Scheda n. 091 - Settembre 2009 - Riferimento n. 228

 

 

HYGROCYBE PSITTACINA (Sch. : Fr.) Kummel

 


clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Agaricus psittacinus, Hygrophorus psittacinus,Gliophorus psittacinus;
Volg. : Igroforo pappagallo.

Etimologia

Hygrocybe =
con la testa umida (dal greco “Hydros”, umido, e “Kybe”, testa, cappello).
psittacinus = attinente ai pappagalli (per i vari colori del carpoforo).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Genere: Hygrocybe, Subgenere: Gliophorus, Sezione; Psittacinae, Specie: psittacina.

Commestibilità.

Privo di qualsiasi interesse gastronomico.

Descrizione

L’ Hygrocybe psittacina che nella sua denominazione di specie richiama la variabilità cromatica del pappagallo, sorprende proprio per i diversi colori di cui è tinta la sua livrea.

Il cappello (da 1 a 4 cm. di diametro) da emisferico o campanulato si distende fino a divenire piano-convesso o addirittura depresso, munito di un largo umbone, e presenta una superficie viscida, igrofana, liscia e talvolta finemente fibrillosa, di colore variegato e variante dal verde al giallo, al rosa o all’ azzurro, con tutte le tonalità e le gradazioni intermedie. Essiccando assume una colorazione quasi uniforme, giallo oro. L’orlo irregolare, sottile e a volte eccedente, è striato per trasparenza.

Le lamelle sono molto spaziate e cerose; si uniscono al gambo liberamente o con un piccolo dentino, e a volte vi decorrono un poco. Il loro colore dominante è il verde o il giallo ma se ne incontrano esemplari con lamelle biancastre o con sfumature azzurre o rosate.

Anche il gambo denota la medesima variabile aromaticità, con bande traslucide più verdi verso l’apice e più gialle nella parte mediana. Può raggiungere un’altezza approssimativa di 5 / 6 cm. ed è slanciato, cilindrico, fistoloso.

Carne biancastra o concolore al resto del carpoforo, esternamente ceracea,e fragile, fistolosa all’esterno. Odore e sapore insignificanti.

Le spore (7,5 / 9 x 5 / 6,5 micron) sono ellittiche, ovoidali, amagdaliformi, monoguttulate, con superficie liscia. Sporata bianca.

Non molto frequente, H. psittacina prolifera talvolta gregaria, in estate fino al termine dell’autunno, a varie altezza, tra l’erba o il muschio dei prati o dei pascoli, talvolta anche lungo i sentieri.

Possibilità di scambio.

La H. psittacina var. abetina cresce in primavera e in estate nel sottobosco delle abetaie e pare che abbia una colorazione verde più scura sfumante all’azzurro intenso.

Soltanto un altro fungo ha una variabilità cromatica così accentuata ed è l’ Entoloma incanum (vedi scheda n. 16, nov. 2008) che tuttavia differisce notevolmente dalla H. psittacina perché tende ad assumere, nelle lamelle, una colorazione rosata.

Specie morfologicamente vicine possono considerarsi l’H. laeta, che, però, ha colorazioni tendenti al rosa-arancio o rosa-salmone e lamelle molto decorrenti sul gambo, l’H. laeta forma pseudopsittacina della quale i colori del cappello e delle lamelle versano, in maniera uniforme, al grigio-olivastro, l’H. perplexa o sciophana che possiede lamelle color rosso mattone, l’H. vitellina caratterizzata dal predominante colore giallo oro.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 102;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 420;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 255;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 346/1 ;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 21, tav. 8/6;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 308;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, n. 244;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1872, fig. 1175/B;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 122, ill. pag. 100;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 617;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 47, tav. 14, n. 394;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 416, tav. 16;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 76;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 228;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 122, fig. 92;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 151;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 216;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 52;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 512;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 91;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 120;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 92;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 665, foto 103;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 116;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 106;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 228, foto 199;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 147;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 65;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 228;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 112;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 153;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 114;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 186;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 92;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 305, foto 420;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 162, n. 228;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 769, tav. 168/D;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 232;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 138;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 97, Iconografia n. 96;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 196;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 150, tav. 14/11;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 165;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, foto 108;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 105:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 379;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 601, foto 317;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 16;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 146;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 118, foto 98;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 54;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 138;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 338;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 109.

Monografie:

Galli R. : Gli igrofori delle nostre regioni, LaTipotecnica snc, S.Vittore Olona (Mi), 1984, pag. 170;

Candusso M. : Hygrophorus, Fungi europei n. 6, Ed. Candusso, Alassio, 1997, pag. 611, tav. pag. 762.

 

(Sandro Ascarelli)