Scheda n. 060 - Maggio 2009 - Riferimento n. 208


HYGROCYBE COCCINEA
(Sch. : Fr.) Kummer


hygrocybe_coccinea-4001_20120314_1438358874.jpg






clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus coccineus, Hygrophorus coccineus,
Volg. : Igroforo scarlatto.

Etimologia

Hygrocybe = con la testa umida (dal greco “Hydros”, umido, e “Kybe”, testa, cappello),
coccinea = di colore scarlatto (dal latino “còccinus” = scarlatto)

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homo-basidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Genere: Hygrocybe, Subgenere: Pseudohygrocybe, Sezione; Pseudo-hygrocybe, Sottosezione: Coccineinae, Specie: coccinea.

 

Commestibilità.

Commestibile mediocre e di scarsa resa perché poco carnoso.

Descrizione

Questo grazioso funghetto, appariscente per il colore rosso acceso del suo cappello, appartiene alla sezione Pseudohygrocybe del più ampio genere Hygrocybe (funghi che nascono sul terreno come simbionti di essenze erbacee, omogenei, dalle lamelle grandi, spaziate e cerose e caratterizzati dai colori molto vivaci della superficie pileica) ed ha un cappello piatto e lamelle adnate o appena lievemente uncinate.

Spicca tra l’erba per il colore smagliante del cappello, di un bel rosso ciliegia tendente ad assumere, con l’età, tonalità aranciate e comunque un po’ giallina verso l’orlo. Inizialmente il cappello è subsferico o convesso ma presto tende a distendersi e ad appiattirsi. La cuticola, asportabile per buona parte, è glabra e lucida, brillante e asciutta con il tempo secco.

Le lamelle larghe, mediamente spaziate, dall’aspetto come di cera, sono ineguali e intervallate da lamellule; hanno dapprima una colorazione rosso aranciata volgente poi al giallo, soprattutto sul tagliente.

Il gambo, cilindrico, può raggiungere un’altezza di 6 o 7 centimetri ed è abbastanza sottile. I suoi colori sono uguali a quelli dal cappello ma tendono a sfumare nel giallo procedendo verso la base dove acquista una colorazione biancastra. In maturità il gambo da farcito diviene cavo.

Carne acquosa, giallo-arancio, priva di odori significativi e dal leggero sapore dolciastro.

 

Spore ellittiche di 7 / 9 x 4,5 / 5 micron, lisce, portate da basidi tetrasporici. La sporata è bianca.

Cresce tra l’erba delle praterie, dei pascoli o nelle radure aperte e soleggiate dei boschi, in estate e in autunno. E’ abbastanza comune e frequente in montagna fino ad altezze superiori ai 1000 m, dove cresce gregario.

Possibilità di scambio.

L’ H. coccinea somiglia a molte altre Igrocibi con il cappello rosso. Si citano, ad esempio, le Igrocibi della sezione Puniceae (H. punicea, H. splendidissima, H. aurantiosplendens) che però hanno una taglia maggiore ed il cappello campanulato, la H. Reae, distinguibile per il cappello un po’ vischioso, l’orlo striato e la carne amarognola, la H. insipida, morfologicamente simile alla precedente ma con la carne insipida piuttosto che amara, la H. miniata, riconoscibile per il cappello ornamentato da fitte squamulosità e per l’odore come di miele.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, tav. 10;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 412;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 253;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 344;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 21, pag. 76;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 304;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1872;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 121;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 617;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 49, tav. 15 n. 397;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 399, fig. 176B;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 226, fig. 593;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 264B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 670;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 122, tav. 88;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2,pag. 151;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 232B;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 215;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 51;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 63;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 492;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 96;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 119;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 96;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 658, foto 65;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 111;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 232, foto 203;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 147,

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 63;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 4, pag. 435, tav. 383;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 47;

 

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 55;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 156, foto 200;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 108;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1988, collez. 7, tav. 322;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 155;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 112;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 187;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 94;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 311, tav. 432;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 160, foto 91;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 160 n. 208;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 528, tav. 168G;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 233;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 134;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 95, Iconografia n. 90;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 195;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 169;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 105:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 378;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 596, foto 306;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 14;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 149;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 104, foto 83;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 298;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 53;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 75;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 226;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 335;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 110.

Monografie

Galli R. Gli igrofori delle nostre regioni, LaTipotecnica snc, S.Vittore Olona (Mi), 1984, pag. 42;

Bon M. : Les Hygrophores, Flore mycologique d’Europe, mèmoire hors sèrie n. 1, CRDP, Amoens, 1990, pag. 46;

Foiera F., Lazzaroni E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Idrofori, Ed. Ed agricole, Bologna, 1998, pag. 132.


(Sandro Ascarelli)