Scheda n. 488       -        Giugno 2014        -        Riferimento Pag. 61



HYDNELLUM AURANTIACUM (Batsch) Karsten 1879



hydnum aurantiacum 20141007 1004382190
Foto di Sandro Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere



Sinonimi

Hydnum suberosum var. aurantiacum Batsch (1789), Hydnum aurantiacum (Batsch) Albertini & Schweinitz (1825), Hydnum stohlii Rabenhorst (1872), Hydnellum aurantiacum var. aurantiacum (Batsch) P. Karsten (1879), Calodon aurantiacus (Batsch) P. Karsten (1881), Phaeodon aurantiacus (Batsch) j. Schröter (1888), Hydnellum complectipes D. Hall (1972), Hydnellum complectipes var, complectipes D. Hall (1972), Hydnellum complectipes var, disjunctipes D. Hall (1972), Hydnellum aurantiacum var. bulbipodium D.Hall & D.E.Stuntz (1972), Hydnellum aurantiacum var. colliculosum D.Hall & D.E.Stuntz (1972), Hydnellum aurantiacum var. macrosporum G.Y.Zheng & Z.S.Bi (1986).
Volg. : Dentino aranciato


Etimologia

Hydnellum = piccolo Hydnum (dal greco hùdnon = tartufo)
aurantiacum = aranciato, attinente alle arance (dal latino malum aurantium = arancia)


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Thelephorales, Famiglia: Thelephoraceae, Genere: Hydnellum, Specie: aurantiacum.


Commestibilità

Non commestibile per la sua carne dura e coriacea.


Descrizione

Del genere Hydnellum o Calodon si conoscono in Europa una dozzina di specie con ricettacoli terricoli o lignicoli, la cui carne è sugherosa e tenace, più o meno zonata e con l'imenoforo costituito normalmente da aculei.
Dei basidiomi che compongono il genere, quello che più facilmente si può identificare è .Hydnellum aurantiacum per il colore vistosamente aranciato che, soprattutto all'inizio, appare in ogni sua parte, anche nella carne all'interno del carpoforo.
Il cappello ha un diametro che di norma non supera i 7 centimetri, irregolarmente turbinato o depresso al centro e con margine ampiamente lobato. Superficie inizialmente feltrata, di colore aranciato (giallo-arancio fino a arancio-bruno), che schiarisce verso l'orlo fino ad assumere tonalità biancastre, debolmente e concentricamente zonato.
L'imenio è formato da aculei decorrenti, dapprima biancastri poi da rosso-arancio fino a color ruggine, ma sempre con le punte per lungo tempo biancastre.
Il gambo è corto e tozzo, spesso eccentrico, rastremato verso l'estremità inferiore, liscio, pieno, feltrato, arancione chiaro nell'esemplare giovane, arancio-brynastro in quello maturo.
Carne marcatamente suberosa e fibrosa, all'inizio biancastra o giallina, poi aranciata e via via più scura verso la parte inferiore del gambo. Odore debole, aromatico, sapore farinoso.
Spore gibbose, ellissoidali, verrucose, 4,5 / 6,5 x 4 / 5 micron. Sporata giallo-ocra.
E' una specie terricola che dall'estate all'autunno può rinvenirsi soprattutto nei boschi montani di aghifoglie, talora in più esemplari anche confluenti. Poco comune.


Possibilità di scambio.

Hydnellum ferrugineum /Fr.) Karsten (vedi scheda n.264) ha colori brunastri, privi di toni aranciati: Molto spesso ha il cappello decorato da essudazioni formanti gocciole rosso vivo e ragisce al viola a contatto con KOH. La corretta determinazione delle 16 specie del genere Hydnellum richiede una approfondita indagine microscopica.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 403;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 438 n. 6644;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 442;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 1051;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 634 n. 2150;
.Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1827;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 604;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 160, n. 1378, tav. 48;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.286, fig. 98;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 58 n. 97;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 597, foto n. 763;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag.148, tav. 289;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 195;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 94;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 431, foto 479;.
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 84;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 461;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 384, foto 332;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 227;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 204;
Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 255;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 105;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 188;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 186, foto247b;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 606 n. 472;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 61;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 69;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 241;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 925;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 220, foto 257;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 266;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 568;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.526 n. 1467;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 241;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 7, pag. 138, n. 728;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 998 in nota;.
Bellù F. & Veroi G. : Per non confondere i funghi, Casa Editrice Panorama, Trento, 2014, pag. 188.




(Sandro Ascarelli)