Scheda n. 487       -        Giugno 2014        -        Riferimento n. 289




CLITOCYBE ALEXANDRI (Gillet) Konrad1884





clitocybe alexandri gs1 20141007 1165814181Foto di G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere




Sinonimi

Paxillus griseotomentosus Secretan, Paxillus alexandri Fries (1871), Lepista alexandri (Fr.) Gillet (1876), Clitocybe alexandri var. alexandri (Fr.) Gillet (1884), Clitocybe alexandri var. alutacea P.-A.Moreau (2009).
Volg: Nocciolino


Etimologia

Clitocybe = con la testa inclinata ( dal greco klitùs = pendio e kùbe = testa), per la forma del cappello, alexandri = dal nome di Alexandre, micologo francese.



Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Tribù:Clitocybeae, Genere: Clitocybe, Subgenere: Disciformes, Sezione: Disciformes, Specie: alexandri.


Commestibilità


Specie commestibile


Descrizione

La Sezione Disciformis comprende Clitocibi più o meno carnose, con spore non fusiformi
Clitocybe alexandri ha un cappello 4-10 cm, carnoso, soffice, inizialmente convesso poi appianato con leggero umbone, talvolta un po' depresso, color argilla più o meno ocraceo, ornato solitamente da macchie di colore più intenso con margine lungamente involuto, poi dritto, sottile, liscio, un po' involuto.
Lamelle piuttosto fitte, basse, appena decorrenti o uncinato-adnate, anastomosate sul gambo, di colore argillaceo un po' più chiaro del cappello.
Gambo di 5-10 cm, tozzo e spesso, carnoso e fibroso, pieno, cilindrico, corticato, corto, clavato verso la base, ove sono spesso presenti detriti e residui cotonosi; concolore al cappello o appena più chiaro.
Carne soffice, talvolta appena fibrosa, colore caffelatte chiaro, sapore mite; odore aromatico intenso un po' pungente Le spore sono ovali ellittiche, misurano 5,5-6,5 x 3,5-4,5 micron e sono di colore bianco in massa.

Vive in terreni erbosi in boschi misti sia di latifoglie che di aghifoglie, in estate-autunno.



Possibilità di scambio.

Si confonde con Clitocybe geotropa (Bull. ex Fr.) Quélet per il cappello con un piccolo umbone, per le lamelle più chiare e per il gambo non corticato.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 984 n. 4001;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 679;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 549 n. 1814;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.442 fig. 208;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 371, foto n.619;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 2, pag. 58, tav. 125;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 260;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 137;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 136 n. 577;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 107;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 144;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 109;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 150;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 3,. tav. 291;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, tav. 261;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 136;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 120;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 812 n. 1129;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 100, foto 114;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1, pag. 129 n. 71;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 174, n. 289;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 51, tav. 33D;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 132, Iconografia n. 167;
Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 55, scheda n. 15 in nota;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 64;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 397;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 37;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 152 n. 49;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 162, foto 172 in nota;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, pag. 139;
Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag.
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 204;
La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag.80;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 148, n. 350;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 112;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag.186;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 3, pag. 10, n. 211.
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag.570.


Monografie:

Bon M. : LesClitocybes, Omphales et ressemblantes, Documents mycologiques Mèmoire Hors Sèrie n. 4, CRDP de l'Academie de Amiens, Amiens 1997, pag.54.







(Gianfranco Sperati)