Scheda n. 486      -       Giugno 2014      -       Riferimento 23


HELVELLA ACETABULA (L. : Fr.) Quèlet 1874



helvella acetabula gs4 20141007 1894165006Foto di Sandro Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altre immagini dello stesso Genere.


Sinonimi

Peziza acetabulum Linneus (1753), Peziza acetabulum var. acetabulum Linneo (1753), Octospora acetabulum (L.) Timm (1788), Peziza sulcata Persoon (1801), Macroscyphus acetabuliforme Gray (1821), Peziza acetabula var. velutina Lèveillè (1846), Acetabula sulcata (Pers.) Fuckel (1870), Acetabula sulcata var. sulcata (Pers.) Fuckel (1870), Acetabula vulgaris Fuckel (1870), Acetabula vulgaris var. vulgaris Fuckel (1870), Acetabula vulgaris f. vulgaris Fuckel (1870), Paxina acetabulum (L.) Kuntze (1891), Paxina sulcata (Pers.) Kuntze, Phleboscyphus vulgaris (Fuckel) Clèments (1903), Acetabula barlae Boudier (1907), Acetabula sulcata var. pinetorum Maire (1917), Acetabula vulgaris f. barlae (Boud.) Keissler (1922), Acetabula vulgaris f. pallescens Keissler (1922), Paxina barlae (Boud.) Seaver (1928), Acetabula vulgaris var. alba Velenovsky (1939), Helvella dalgeri Donadini (1985).


Etimologia

Helvella = erbetta, ortaggio;
acetabula = .simile al recipiente per l'aceto


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Ascomycota, Classe: Hymenoascomycetes, Subclasse: Pezizomycetideae, Ordine: Pezizales, Famiglia: Helvellaceae, Genere: Helvella, Sottogenere: Helvella, Specie: acetabula


Commestibilità.

È stato considerato un fungo commestibile facendolo bollire a lungo e gettando poi l'acqua di cottura. Come tutte le elvelle, contenendo dosi più o meno elevate di "gyromitrina" anche questa specie è stata invece recentemente considerata velenosa.


Descrizione

Questo ascocarpo, abbastanza diffuso nelle regioni mediterranee, ha una denominazione di specie (Acetabula) che evidenzia la forma a coppa tipica dei piccoli recipienti che in tempi passati venivano usati per portare a tavola l'aceto.
L'apotecio ha di solito un diametro che può raggiungere i 6 o 7 centimetri, così come la sua altezza. Inizialmente irregolarmente emisferico, assume poi una forma a calice con superficie interna liscia, brunastra, marrone, talvolta con sfumature leggermente rossastre mentre la superficie esterna è pubescente, di colore crema o bruno chiaro, quasi biancastra o grigiastra soprattutto in prossimità dell'intersezione col gambo. Orlo eroso-lobato, abbastanza regolare.
Il gambo è corto, variando in altezza da 1 a 3 centimetri, biancastro o grigio-crema, tipicamente costolato con solcature e venature irregolari anche radiali che si diramano dalla superficie esterna della coppa fino alla base. Internamente è cavo, cavernoso.
Carne ceracea, elastico-gommosa, cassante, bruna nella trama pileare, biancastra o grigiastra nello stipite, priva di odori e sapori particolari.
L'imenoforo, costituito dalla parte interna della coppa, è formato da aschi ottosporici le cui spore, non amiloidi, lisce, ialine, con un'unica grossa guttula centrale, sono largamente ellissoidali e hanno questa dimensione: 17 / 19,5 x 11 / 12,5 micron. Sporata biancastra.
E' abbastanza frequente trovare questa specie ubiquitaria, singolarmente o in piccole colonie, dalla primavera all'autunno, soprattutto su terreno umido.


Possibilità di scambio

Può confondersi con Helvella leucomelaena (Pers.) Nannfeldt che cresce di preferenza presso conifere ed ha un apotecio cupolato, bruno-nerastro e le cui rade costolature difficilmente si estendono sulla parete esterna della coppa. L' Helvella costifera Nannfeldt, più piccola e con venature meno numerose ma più preminenti, ha una colorazione grigio-bruna


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 2, pag. 44;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 8, pag. 20 n. 48;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 1192;
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 261, tav. a pag. 252;
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 179;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. fig. 488;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 213;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 217, fig. 72, tav 4 /2;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 36, fig. 19;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav.309 A;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 627, foto n. 366;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 219;
Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 364;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 2, pag. 192, tav. 192;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 338;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 457;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 235;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 244;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 332, tav. 622;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 529 in nota;
Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 78;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1997, collez. 16, tav. 764;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 240;
Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 269;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 328;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988,n. 28 ;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 194;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 65;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 217;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 97 n. 97;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 330, foto 457;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 663, n. 527;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 132, n. 23;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag.347 in nota;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 288, Iconografia n. 492;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 52;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag 125;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 168, tav. 29/15;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 83;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 310 in nota;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 470;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris,
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 1, pag. 60, foto 25;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 326 in nota;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 35;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 636;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 592;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 46;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag.
2000, pag. 244 in nota;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 278;.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 531;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 8, pag. 114, n. 833;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 1066;
Bellù F. & Veroi G. : Per non confondere i funghi, Casa Editrice Panorama, Trento, 2014, pag. 176.


Monografie:

Medardi G. : Atlante fotografico degli Ascomiceti d'Italia, Associazione Micologica Bresadola, Trento, 2006, pag. 69;





(Sandro Ascarelli)