Scheda n. 485      -      Giugno 2014      -      Riferimento n. 597




MYCENA HAEMATOPUS (Pers. : Fr.) Kummer 1871



mycena haematopus 2 20141007 1693434429Foto Sandro Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere



Sinonimi

Agaricus haematopus Persoon (1800), Agaricus haematopus var. haematopus Persoon (1800), Agaricus haematopus var. umbelicatus Montagne (1856), Mycena haematopus var. haematopus (Pers.) P. Kummer (1871), Mycena haematopus var. ombelicata (Mont.) Saccardo (1887), Mycena haematopus var. marginata J.E.Lange (1914), Galactopus haematopus (Pers.) Earle : Murrill (1916), Mycena haematopus var. chilensis Singer (1969), Mycena haematopus var. cuspidate Mitchel & A.H.Smith (1978), Mycena sanguinolenta var. cuspidate (Mitchel & A.H.Sm.) Maas Geesteranus (1988).


Etimologia

Mycena = attinente al fungo (dal greco: mùkes = fungo o micete);
crocata = color zafferano (dal latino crocum = zafferano)


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Genere: Mycena, Sezione: Lactipedes, specie: galopus.


Commestibilità

Non commestibile.


Descrizione

Tra le Mycenae la Sezione Lactipedes comprende poche specie caratterizzate dal latice bianco o variamente colorato che esse secernono alla frattura. Ne abbiamo già esaminate alcune come Mycena galopus (Pers. : Fr.) Kummer (scheda n. 119) e Mycena crocata (Schrad. : Fr.) Kummer (scheda n. 447). Del medesimo gruppo fanno ancora parte Mycena erubescens Höhnel, Mycena sanguinolenta (Alb. & Schw. : Fr.) Kummer e Mycena haematopus (Pers. : Fr.) Kummer che esaminiamo in questa scheda.
I carpofori ,fragili ed eleganti, sono di media grandezza con un cappello campanulato all'inizio poi emisferico, generalmente con umbone centrale più marcato nell'esemplare giovane, che a maturità può raggiungere un diametro di circa 3 centimetri. La superficie è liscia, pruinosa, igrofana di colore bruno-rossastro, bruno-rosato, bruno sporco, con la parte centrale più scura e con tonalità vinose attenuantesi verso il margine che si presenta marcatamente striato per trasparenza.
Le lamelle sono mediamente fitte, alquanto ventricose, adnate o decorrenti per un dentino, bianche o biancastre, soffuse di un pallido colore rosato in maturità ma con il tagliente biancastro e solo in qualche caso punteggiato di rosso vinoso.
Il gambo è cilindrico, cavo, flessuoso e talvolta ricurvo, ricoperto da una fitta pruina bianca ed ornato alla base da una evidente peluria bianca. Il colore di fondo è uguale a quello del cappello. Alla frattura secerne un latice rossastro vinoso o rosso-porpora.
La carne è esigua e piuttosto fragile, inizialmente bianca o biancastra ma tendente al grigio-vinoso. Odore non significativo o rafanoide quando percepibile; sapore debole talvolta amarognolo.
Spore ellissoidali o cilindriche, ialine al microscopio, color crema in massa, lisce, amiloidi, 5 / 6,5 x 8 / 10,5 micron.
I numerosi esemplari cespitosi crescono insieme in estate e in autunno su tronchi e rami in decomposizione generalmente nei boschi di conifere, più raramente su resti di latifoglie


Possibilità di scambio

Mycena sanguinolenta (Alb. & Schwein. : Fr.) Kummer assomiglia molto a M. haematopus ma ha una taglia molto più piccola con un cappello il cui diametro ben difficilmente supera il centimetro e con lamelle il cui orlo è rosso scuro, rosso bruno o bruno violetto..


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 149;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 291 n. 1097;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 214;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 247;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 375, n. 1272;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.394 n. 1256;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 156 n. 506, tav. 65/7;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 622;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 34 n. 266, tav. 10;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 423, ;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 108 n. 240 ;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 254B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 4, pag. 291, foto n.1445;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 240;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag.93;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 110 ;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 266 n. 663;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 176;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 182;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 781, foto 76;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 225 in nota;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 129;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 70 ;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 3, tav. 226;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 51;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 139 n.in nota;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 180;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 140;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 248;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 81;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol.2, pag, 685, n. 941;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 142, foto 177;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 228 n. 597;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 83, tav. 50;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 328 in nota;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 121, Iconografia n. 148;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 176;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1996, collez. 5, tav. 237;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 226;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 136;
Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 45;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 509;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 682 n. 429;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol.2, pag. 651;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 197 n. 160;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 276, foto 340;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 72;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 91;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 206;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.171;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag.280 n. 84;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 238 n.629;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 128;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 352;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 388.
Bellù F. & Veroi G. : Per non confondere i funghi, Casa Editrice Panorama, Trento, 2014, pag.335.


Monografie:

Robich G: : Mycena d'Europa, Centro Studi Micologici dell'Associazione G. Bresadola, Trento, 2003, pag. 457.





(Sandro Ascarelli)