Scheda n. 484       -       Giugno 2014      -       Riferimento n. 913




ENTOLOMA SORDIDULUM
(Khün. & Rom.) Moser 1960



entoloma sordidulum gs2 20141007 1346096744Foto: Gianfranco Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere



Sinonimi

Rhodophyllus sordidulus Kühner & Romagn. 1955
Volg.: Entoloma sporchetto


Etimologia

Entoloma = con l'orlo arrotolato verso l'interno (dal greco entòs= interno e loma);
sordidulum = sporchetto, un po' sporco (diminutivo dell'aggettivo latino sordidum = sporco) per il colore sordido del cappello..

 


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Entolomatales, Famiglia: Entolomataceae, Genere: Entoloma, Subgenere: Entoloma,Sezione: Rhodopolia, Specie: sordidulum.

 


Commestibilità

Specie non commestibile.


Descrizione

Si tratta di uno dei più comuni piccoli funghi bruno-grigiastri che si incontrano nei boschi, nei parchi e nei giardini da luglio a dicembre.
Cappello di 5-50 mm di larghezza, conico o emisferico in un primo momento poi convesso, infine appiattito o addirittura concavo con basso umbone e margine deflesso, moderatamente grigio-marrone scuro, a volte con sfumatura rossastra (sono stati osservati esemplari bianco puro), opaco, poco striato al margine, igrofano, più scuro da umido, pallidescente quando asciutto.
Lamelle, moderatamente lontano, adnate, spesso smarginate o con decorrenti, un poco ventricose, pallido grigio rosate e poi marrone-grigio scure, con margine irregolarmente seghettato, bordo concolore.
Gambo di 20-60 x 2-4 (-6) mm, cilindrico, spesso leggermente allargato verso la base, bianco sporco, grigio-marrone pallido, pruinoso all'apice, liscio e quasi lucido sotto, mai distintamente argenteo striato.
Odore e sapore fortemente farinaceo-rancido.
Spore poligonali con 5-6 angoli, di 8,0-11,5 x 7,0-8,5 micron rosate in massa.
Cresce, spesso in grandi gruppi, su terreno nudo o in humus, in boschi misti di latifoglie, parchi ecc, da luglio a dicembre; diffusa e comune in gran parte o Europa nord-occidentale e centrale.


Possibilità di scambio

Si può confondere con Entoloma subradiatus Kühner & Romagnesi che cresce nel medesimo ambiente ma presenta una distinta striatura per trasparenza sul cappello.


Bibliografia

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 6, pag. 291, foto n. 2320;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav.145 in nota;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag.82 in nota;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 194;
Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 150;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 202;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 210;
Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. - Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 150;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 163;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 148, foto 679 ;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 298 n. 913;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 565, foto 462;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 232;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 4, pag.90, n. 366.
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 642 in nota..


Monografie:

Noordeloos M. E. : Entoloma s.l., Fungi europaei n. 5, Ed. Libreria Basso, Saronno, 1992, pag.180, fig. 79, tavv. 15a e 85b.





Gianfranco Sperati