Scheda n. 482         -          Maggio 2014         -         Riferimento n. 1272



STROPHARIA CORONILLA (Bull. : Fr.) Quèlet 1872



stropharia coronilla gs1 20141002 1250741734Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere


Sinonimi

Agaricus coronilla Bulliard (1793), Agaricus obturatus Krombholtz (1843), Agaricus phaeosporus Fries (1857), Stropharia coronilla W.Saunders & W.G.Smith (1870), Stropharia coronilla var. coronilla (Bull.) Quèlet (1872), Stropharia coronilla f. coronilla (Bull.) Quèlet (1872), Stropharia obturata (Fr.) Quèlet (1872), Agaricus melaspermus Fries (1874), Geophila coronilla (Bull. : DC.) Quèlet (1886), Stropharia coronilla var. virgata Patouillard (1897), Fungus coronillus (Bull. : DC.) Kuntze (1898), Stropharia coronilla f. sub coronilla Hruby (1930), Psilocybe coronilla (Bull. : DC.) Noordeloos (1995).


Etimologia

Stropharia = attinente le fasce pettorali(lat. "strophium", collare, fascia pettorale),
coronilla = coroncina, piccola corona (dal latino diminutivo di corona) per l'anello striato che la caratterizza.
Volg. : Strofaria a corona


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione : Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomicetideae, Ordine: Cortinariales, Fami-glia: Strophariaceae, Genere: Stropharia, Specie: coronilla..


Commestibilità

Privo di qualsiasi interesse gastronomico.


Descrizione

Il Genere Stropharia, comprendente una quindicina di specie, si caratterizza per i basidiomi di dimensioni variabili, più o meno carnosi, con il cappello liscio, squamuloso, viscido a tempo umido, con gambo slanciato e fragile munito di un anello persistente e per le lamelle di colore violetto o bruno-porpora. Non sono specie commestibili, anzi qualcuna di esse è considerata allucinogena.
Stropharia coronilla ha un cappello semisferico, poi a lungo convesso ed alla fine disteso con un diametro che non supera i 5 o i 6 centimetri di diametro, con la cuticola glabra e asciutta, solo occasionalmente, a tempo umido, appena un po' vischiosa. Caratteristico è il suo colore giallo o ocra-rosato (tuorlo d'uovo molto chiaro) che contrasta con il colore delle lamelle; l'orlo è più chiaro e festonato da residui del velo biancastro.
Le lamelle sono strette e mediamente appressate, intervallate da lamellule, da danate a uncinate-decorrenti, di un bel colore che da lilla chiaro diviene con la maturità bruno-porpora nerastro ma con l'orlo che permane biancastro.
Il gambo può raggiungere un'altezza di 4 / 6 centimetri ed è cilindrico, leggermente ingrossato alla base, dapprima pieno poi farcito e infine cavo, liscio sopra l'anello, fibrilloso e striato al di sotto. Tale anello ha la forma di una corona dentata ed è superiormente striato, bianco ma presto colorato di violetto per la sovrapposizione delle spore. Alla base dello stipite possono individuarsi delle ife radiciformi.
La carne è poco consistente, biancastra, con un vago odore di terriccio o rafanoide e privo di alcun sapore. . Reagisce al guaiaco macchiandosi di blù.
Spore ellissoidali allungate, lisce; quasi impercettibile il poro germinativo, grigio giallastre al microscopio ma con sporata bruno-violacea. Dimensioni: 7,5 / 10 x 3,5 / 6 micron.
Generalmente solitaria, cresce dalla primavera all'autunno, nei terreni concimati, lungo il bordo dei sentieri, nei prati, nei pascoli e talvolta anche nei vasi di fiori.


Possibilità di scambio

Assomiglia a Agrocybe vervacti (Fr. : Fr.) Singer, che cresce nei medesimi ambienti ma che è priva di anello ed ha lamelle nelle quali la colorazione violetta è assente. La Stropharia semiglobata (Batsch : Fr.) Quèlet che ha cappello più piccolo e più emisferico, vischioso e di colore che va dal giallo paglierino al giallo-ocra, ha un gambo sottile che si eleva per un'altezza di dimensioni più che doppie rispetto al diametro del cappello.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 282;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 68;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 836 ;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 217 n. 727, tav. 63/5;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 127 n. 313;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 39 n. 84 tav. 21/4;
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag.190, tav. Pag. 184;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 632;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 120 n. 1034, tav. 36;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 594;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 142 n. 341;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 3, tav. 208A;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 95 foto n. 440;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 132, tav. 170;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 41;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 101a;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 417;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 336, figg. 293 e 434;
Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 139;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 229 n. 243;
Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 69;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 292;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 227;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 309;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 727, foto 215;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 272;
Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 159;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 68, foto 53;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 174;
Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 173;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, tav. 298;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 294;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.279;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 158;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 318;
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 426, tav. 196;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 958 n. 1317;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 246 n. 331;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1, pag. 259 n. 186;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 354 n. 1272;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 476, tav. 141;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 452 in nota;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 196, Iconografia n. 309;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 227;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 136, tav. 6/17;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 301;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 212;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 89;
Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 125;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 715;
Thieme R: : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 255 n. 111;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 838, foto 490;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 242;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 267 n. 357;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 352, foto 456;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 206 in nota;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 101;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 328;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 491;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 270;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 425 n. 148 in nota;
La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 234;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 286 n. 779;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 219;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 190;.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 416;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 4, pag. 127, n. 390.
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 818.



(Sandro Ascarelli)