Scheda n. 477          -       Maggio 2014          -       Riferimento n. 599

 

 

 

MYCENA CROCATA (Schrad. : Fr.) Kummer 1871

 

mycena crocata 2 20141002 1462148452

Foto Sandro Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere

 

 

Sinonimi

 

Agaricus crocatus Schrader (1794), Agaricus crocatus var. crocatus Schrader (1794), Agaricus croceus var. crocatus (Schrad.) Persoon (1828), Mycena crocata var. crocata (Schrad.) P.Kummer (1871), Mycena crocata f. crocata (Schrad.) P.Kummer (1871), Mycena crocata var. vogesiana Quèlet (1886), Mycena crocata f. croceifolia Pèrez De Gregorio (2008).

 

Etimologia

 

Mycena = attinente al fungo (dal greco: mùkes = fungo o micete);

crocata = color zafferano (dal latino crocum = zafferano)

 

 

Sistematica

 

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Genere: Mycena, Sezione: Lactipedes, specie: galopus.

 

 

Commestibilità

 

Non commestibile.

 

 

Descrizione

 

Alla sezione lactipedes appartengono alcune Mycenae aventiil gambo che alla frattura o alla pressione secernono un copioso latice biancastro o variamente colorato (rosso vinoso o aranciato).

E’ facile quindi distinguere la Mycena crocata il cui latice è di un bel colore giallo-arancio o rosso aranciato.

I carpofori di questa specie sono piuttosto esili. Il cappello permane a lungo conico-campanulato ed è dotato di un umbone arrotondato, evidente. Può raggiungere a maturità una diametro di circa 2 centimetri. Il rivestimento pileico è liscio, opaco, sericeo da grigio chiaro al grigio bruno più scuro al centro, striato per trasparenza e di solito con macchie rosso-aranciate soprattutto al disco e verso il margine.

Le lamelle, smarginate o adnate, non sono molto fitte e possono essere intervallate da qualche lamellula. Sono bianche, biancastre o giallastre ma con il filo bianco; possono macchiarsi di rosso arancio.

In rapporto alle dimensioni del cappello, il gambo appare alto, sottile e slanciato. E’ cilindrico, a volte un po’ dilatato alla base. Lucente, liscio, più o meno elastico, grigio giallastro in alto poi da grigio ocra a bruno rossiccio verso l’estremità inferiore, cavo all’interno dove contiene un latice abbondante giallo-arancio o arancio vivo. La base è ricoperta da peluria biancastra.

La carne è sottile, acquosa, di una certa consistenza sola nella zona discale, con la caratteristica di secernere il latice giallo-rossastro o aranciato ovunque venga fratturata. E’ priva di odori o di sapori particolari.

Spore ellissoidali, lisce, amiloidi, ialine, 4,5 / 6 x 7,5 / 10 µm., talvolta guttulate. Sporata crema chiaro.

Si rinviene, isolata o in gruppi poco numerosi, all’estate all’autunno, su suolo calcareo e ricco di humus, generalmente nei boschi di faggio.

 

 

Possibilità di scambio

 

Alla sezione Lactipedes, cioè in grado di secernere del liquido variamente colorato, appartengono anche la Mycena galopus (Pers. : Fr.) Kummer (v. scheda n. 119) a latice bianco, la Mycena sanguinolenta (Alb. & Schw. : Fr.) Kummer a latice acquoso bruno rosso che colora anche il filo delle lamelle e la Mycena haematopus (Pers. : Fr.) Kummer, specie lignicola di color bruno rosato e con latice bruno-rossastro.

 

 

Bibliografia

 

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag.148;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 292 n. 1101;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 214;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 375 n. 1271;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 395 n. 1259;

Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 156 n. 505 tav. 65/6;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 34 n. 265 tav. 10;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 523, ;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 108 n. 239;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 254C;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 5, pag. 297, foto n.1888;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 110;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag.175;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 182;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2000, collez. 9, tav. 427;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 129;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 70;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 3, tav. 226/2;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 51;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 180;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 248;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 80;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 685, n. 943;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1 pag. 130 n. 63;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 228 n. 599;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 89, tav.55;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 122;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 176;4

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 119;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 509 in nota;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 684, foto 426;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 650;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 266, foto 326;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 72;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 204;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.170;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 281 n. 64 in nota;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 238 n. 631;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 143, n. 196.

Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 398;

Bellù F. & Veroi G. : Per non confondere i funghi, Casa Editrice Panorama, Trento, 2014, pag. 311.

Monografie:

 

Robich G: : Mycena d’Europa, Centro Studi Micologici dell’Associazione G. Bresadola, Trento, 2003, pag. 434.

 

 

(Sandro Ascarelli)