Scheda n. 473       -         Aprile 2014        -        Riferimento n. 222

 

 

HYGROCYBE CANTHARELLUS (Schw.) Murrill 1911

HYGROCYBE LEPIDA Arnolds 1931

 

hygrocybe cantharellus 20140713 1680729264  
 Foto di Gianfranco Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere
 

 

Sinonimi

Agaricus cantharellus Schweinitz (1822), Craterellus cantharellus (Schwein.) Fries (1838), Hygrophorus cantharellus (Schwein.) Fries (1838), Hygrophorus cantharellus var. cantharellus (Schwein.) Fries (1838), Hygrophorus cantharellus f. cantharellus (Schwein.) Fries (1838), Hygrophorus cantharellus var. roseus Peck (1870), Hygrophorus cantharellus var flava Peck (1890), Hygrophorus cantharellus var. flavipes Peck (1890), Hygrophorus cantharellus var. flaviceps Peck (1890), Trombetta cantharella (Schwein.) Kuntze (1891), Hygrophorus turundus var. lepidus Boudier (1897), Hygrocybe cantharellus (Schwein.) Murril (1911), Camarophyllus cantharellus (Schw. : Fr.) Murril (1916), Hygrophoruscantharellus f. sphagnicola Hongo (1958), Hygrocybe cantharellus f. sphagnicola (Hongo) Hongo (1982), Hygrocybe lepida Arnolds (1986), Pseudohygrocybe cantharella (Schw. : Fr.) Kovalenko (1988).

 

Etimologia

Hygrocybe = cappello umido, (dal greco Hygros = umido e Kybe = testa, cappello),
cantharellus = piccola coppa (per la somiglianza ad un Cantharellus);
lepida = graziosa, amabile (dall'aggettivo latino lèpidus = grazioso).

 

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomy-cetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Gene-re: Hygrocybe, Sottogenere: Pseudohygrocybe, Sezione: Squamulosae, Sottosezione : Squamulosi- neae, Specie: punicea.

 

Commestibilità

Specie priva di qualsiasi interesse gastronomico.

 

Descrizione

Si tratta di una Hygrocybe di modeste dimensioni alla quale le lamelle rade, accentuate e decorrenti sul gambo conferiscono un aspetto simile a quello dei carpofori del Genere Omphalia (aspetto omphaloide). A rendere semplice la determinazione di questa specie contribuisce inoltre la superficie vellutata (non glabra), del cappello e il suo colore variabile dal rosso all'arancione, al giallo ma decorato da squamette poco più scure. Il cappello è all'inizio convesso, poi piano, depresso al centro e talora ombelicato, con il margine frastagliato, crenulato non striato. Può avere un diametro variabile da 1 a 4 centimetri. La superficie si presenta asciutta, feltrata, igrofana, ricoperta da finissime squamette, dai colori che variano, soprattutto in funzione del grado di umidità atmosferica, dal rosso acceso, al rosso arancio, arancio giallastra e infine giallo in maturità, con toni più chiari verso l'orlo. Le lamelle sono rade e spaziate, arcuate o quasi dritte, a lungo decorrenti sul gambo, di consistenza ceracea, dapprima di colore crema-giallastro, poi aranciate.
Il gambo è esile e sottile, cilindrico, con la superficie glabra, asciutta e opaca, concolore al cappello ma con tonalità giallastre verso la base. Carne esigua, un po' fibrosa nel gambo, acquosa verso l'orlo del cappello, concolore. Odore e sapore non rilevanti. Spore ellittiche, a forma di fagiolo, lisce, con grosso apicolo; misurano 7,5 / 10 x 5 / 6,5 µm., Sporata giallo-arancio. Solitaria o in gruppi di pochi esemplari, cresce in estate e in autunno, negli spazi erbosi o muscosi dei boschi, nei prati e nei pascoli, sia a livello del mare, sia in collina, sia in montagna.

 

Possibilità di scambio

Della sezione Squamulosae si ricordano alcune specie affini come H. coccineocrenata (P.D.Orton) Moser e H. turunda (Fr. : Fr.) P. Karsten che si distinguono per le squamette annerenti che decorano la superficie pileica.

 

Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 414 n. 1644;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 399, fig. n 176C;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 265B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pag. 405, foto n. 1112;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 216;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 52, fig. 99;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 487 n. 809;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 96;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 98;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 66 foto 56;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 147;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 63;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 110;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 188;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 94;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol.1, pag, 309, foto 436;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag.162, n. 222;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 529, tav. 167;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 233 in nota;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 133;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 96;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 30;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag.599, foto 303;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 516;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 108, foto 90;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 74;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 102 n. 216;

Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag.480 in nota..

 

Monografie:

Galli R. : Gli igrofori delle nostre regioni, LaTipotecnica snc, S.Vittore Olona (Mi), 1984, pag. 50.

Candusso M. : Hygrophorus, Fungi europei n. 6, Ed. Candusso, Alassio, 1997, pag. 552, tav. pag. 754.

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M., Tani O. : Funghi Igrofori, Edagricole, Bologna 1998, pag. 156 n. 39.

 

(Sandro Ascarelli)