Scheda n. 467       -       Marzo 2014       -      Riferimento n. 111 (nota)

 

 

 

 

CANTHARELLUS AMETHYSTEUS (Quèl.) Saccardo 1887

 

 

 cantharellus amethysteus gs1 20140706 1560427246
Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere 

 

 

Sinonimi

Cantharellus cibarius var. amethysteus Quèlet (1883), Cantharellus amethysteus var. amethysteus (Quèl.) Saccardo (1887), Craterellus amethysteus (Quèl.) Quèlet (1888), Merulius amethysteus (Quèl.) Kuntze (1891), Cantharellus amethysteus var. substypticus Bon (1969), Cantharellus cibarius var. amethysteus (Quèl.) Cetto (1987)
Volg. Galletto color ametista

 

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Aphyllophoromicetideae, Ordine: Cantharellales, Genere: Cantharellus, Specie: amethysteus.

 

Etimologia

Cantharellus = piccola coppa (diminutivo latino dal greco kàntharos = coppa),
amethysteus = attinente l'ametista (deriva dal greco e significa di color ametista e cioè violaceo chiaro.

 

Commestibilità

È un fungo eccellente come Cantharellus cibarius.

 

Descrizione

È un fungo raro che può passare inosservato perché il cappello rimane a lungo a raso del terreno, prima di emergere insieme al gambo e si confonde con altri elementi del suolo stesso. Cappello di 1-12 cm, grossolanamente carnoso, piano o depresso, con margine ricurvo, di colore giallo coperto da squamette aderenti viola-lilacine che conferiscono alla superficie un aspetto appena screpolato, che lo differenzia da Cantharellus cibarius di cui, secondo alcuni Autori, sarebbe soltanto una varietà. Imenoforo pliciforme (venature rilevate) simili a lamelle, anastomizzate, ramificate, decorrenti.
Gambo di 3-7 x 2-3 cm, pieno, sodo, nudo, più o meno conico o cilindrico a volte anche irregolare, concolore al cappello, talora ancora più ingiallente al tatto. Carne soda, bianca poi giallognola, con odore e sapore fruttato.
Spore ellittiche, bianche, 7,5 / 9 x 6 / 7 micron. Cresce in estate-autunno sotot latifoglie, in particolare faggi ed è specie piuttosto rara. Tuttavia è gregaria e cresce ogni anno negli stessi luoghi.

 

Possibilità di scambio

Può essere confuso con Cantharellus cibarius, (vedi scheda n. 22), che è di colore uniformemente giallo e senza le piccole scaglie adnate dai toni lilacino-violacei.

 

Bibliografia
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 482 n.1883;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 37;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 471;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 542 n. 1789;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 274 n. 978;
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 151;
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 153;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 326;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 91B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 463, foto n. 679;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 202 in nota;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav.178a in nota;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 224
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 48;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 352, foto 303 in nota;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 214;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 306;
Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 69;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 109;
Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 67;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 297, tav. 410;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 144, n. 111 in nota;
Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag.45, scheda 12 in nota;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 153;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 378, foto 190;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 928;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, pag. 298;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 156,
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 93;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 173 n. 34 in nota;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 524 foto n. 1458;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 590; Bellù F. & Veroi G. : Per non confondere i funghi, Casa Editrice Panorama, Trento, 2014, pag. 55.


(Gianfranco Sperati)