Scheda n. 466        -         Marzo 2014         -        Riferimento n. 1529



LACTARIUS ZONARIUS
Bulliard : Fries 1838

 

 

 

 

 lactarius zonarius gs1 20140706 1034334118
 Foto Gianfranco Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere


Sinonimi

Agaricus zonarius Bulliard (1783), Agaricus flexuosus var. zonarius (Bull.) Persoon (1801), Agaricus insulsus 1821), Lactarius insulsus (Fr.) Fries (1838), Lactarius zonarius var. zonarius (Bull.) Fries (1838), Lactarius zonarius f. zonarius (Bull.) Fries (1838), Lactarius insulsus f. insulsus (Fr.) Fries (1838), Galorrheus insulsus (Fr.) P. Kummer (1871), Galorrheus zonarius (Bull.) P. Kummer (1871), Lactarius zonarius var.lividus F. Lambotte (1887), Lactaria zonaria Schröter (1889), Lactifluus zonarius (Bull.) Kuntze (1891), Lactifluus insulsus (Fr.) Kuntze (1891), Lactarius lividus (Lambotte) Massee (1902), Lactarius zonarius var. insulsus (Fr.) Bataille (1908), Gleocybe insulsa (Fr.) Earle (1909), Lactarius insulsus f. scrobiculatus Killerman (1933), Lactarius zonarius var. scrobipes Kühner & Romagnesi (1953), Lactarius scrobipes Kühner & Romagnesi (1954), Lactarius zonarius var. scrobipes (Kühner & Romagnesi) Bon (1979), Lactarius zonarius var. riparius Hesler & A.H.Smith (1979), Lactarius zonarius f. scrobipes (Kühner & Romagnesi) Quadraccia (1985), Lactarius zonarius f. glaucocaulis Battistin & Macchione (2005).

Etimologia

 

Lactarius = attinente il latte (dall'aggettivo latino) per il latice che le lamelle secernono;
zonarius = con delle zone (dall'aggettivo latino) per le zone concentriche evidenti sulla super-ficie del cappello

 


Sistematica


Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Russulales, Famiglia: Russulaceae, Genere: Lactarius, Sottogenere: Lactarius, Sezione: Zonarii, Specie: zonarius.


Commestibilità


Non commestibile.


Descrizione

La Sezione Zonarii comprende Lattari il cui cappello, usualmente viscido, appare più o meno zonato, con bande concentriche di colore variamente sfumato gialle, aranciate o rossastre. Margine glabro. Il latice è bianco immutabileo grigio verdastro quando essicca sulle lamelle. Una delle specie più rappresentative di questa sezione è Lactarius zonarius del quale forniamo la seguente descrizione:
Carpoforo di medie dimensioni, con cappello, carnoso e sodo, il cui diametro può raggiungere e superare i dieci centimetri di diametro. Convesso all'inizio, diviene poi piano e a maturità profondamente depresso fino a imbutiforme; margine ricurvo, ondulato, involuto, non striato, talora leggermente pubescente. La cuticola è di medio spessore, asciutta o un po' vischiosa col tempo umido, di colore giallo con sfumature aranciate-rugginose: le colorazioni assumono tonalità più o meno intense disponendosi in forma di zonature concentriche dal centro alla periferia.
Lamelle mediamente fitte,con numerose lamellule e biforcazioni in prossimità del gambo. Da lievemente adnate a decorrenti, sottili, di colore variante dal bianco-crema, al crema giallastro, fino a crema-ocraceo, con riflessi carnicini, . Tagliente dello stesso colore, unito, regolare. Alla rottura o al taglio secernono un latice biancastro, immutabile, da prima mite poi acre
Gambo cilindrico, inizialmente robusto e duro, poi farcito ed infine cavo, con superficie liscia o occasionalmente ornata da scrobicoli giallastri più o meno fitti ed infossati (nella varietà scrobipes). Colore crema-biancastro macchiato sovente di giallastro o di brunastro.
Carne soda e compatta nel cappello e all'esterno del gambo, cotonosa all'interno; il colore è bianchiccio ma tendente ad assumere tonalità rosate al taglio e a divenire grigiastro con l'invecchiamento. Odore fruttato, sapore piccante ma non bruciante. Si tinge di blù/verde scuro von tintura di Guaiaco, grigio verde pallido con solfato ferroso (FeSO4).
Le spore, da sub globose a ellittiche sono ornate da verruche ed ornate da creste parzialmente amiloidi; hanno le seguenti misure: 8 / 10 x 6 / 8 micron.
Predilige terreno calcareo e cresce, dall'estate all'autunno, in più esemplari, sotto latifoglie, in particolare associato a querce, a carpini o a faggi..


Possibilità di scambio

Lactarius zonarioides Kühner & Romagnesi, cresce sotto aghifoglie e il suo cappello non è mai pubescente, neanche all'orlo, ha una colorazione piuttosto bruno-aranciata e spore di maggiori dimensioni.
Lactarius scrobipes (Kühner & Romagn.) Quadraccia è talvolta considerato una varietà o una forma di L. zonarius: avrebbe lo stipite ornato da un gran numero di scobicoli. Tra i numerosi Lattari della sezione Zonarii (L. acerrimus Britzelmayr, L. evosmus Kühner & Romagnesi, L. illyricus Piltaver) segnaliamo come specie somigliante a quella qui trattata il L. bresadolanus Singer che ha tuttavia un colore più scuro, un latice molto acre e che cresce esclusivamente sotto aghifoglie di montagna.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 68;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 427 n. 1693;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 357;
Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 95;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 363;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag.31, tav.111;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 481 n. 1572;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 227 n. 796 tav. 91/4;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 55 n. 447, tav. 16;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 359, fig. 153;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 3;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 5, pag. 369, foto n.1936;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 121;
Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 197;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1 n. 4;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 164;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 135;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 474;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 179;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 456;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 486;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 311;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 284, foto 246;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 152;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 80;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 4. tav. 329;
Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 254;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 82;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 128;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 205;
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag.340, tavv. 127, 128 e 129;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 420, tav. 615;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 304, foto 418;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1 pag. 187 n. 117;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 402 n. 1529;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 535;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 263 in nota;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag.25 8, Iconografia n. 435;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 212;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 778;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 795, foto 821;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.328;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 325 n. 523;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 6, pag. 122, foto 81;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag 253;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2001, collez. 10, tav. 477;
Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 210 n. 154;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 418;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 374;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 474 n. 171;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 406 n. 1126;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 276;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 4, pag. 72, n. 355.
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 140.


Monografie:

Blum J. : Les Lactaires, Ed. Lechevalier, Paris, 1976, pag. 211, fig. 40;
Foiera F., Lazzarini E., Snabl M., Tani O. : Funghi Lattari, Edagricole, Bologna, 1998, pag. 104, n. 19;
Basso M.T. : Lactarius Pers., Fungi Europaei Vol. 7, Ed. Mycoflora, Alassio, 1999, pag. 364, tav. pagg. 782 e 839.



(Sandro Ascarelli)