Scheda n. 455       -       Gennaio 2014       -       Riferimento n. 43




TUBER MELANOSPORUM
Vittadini 1831



  tuber melanosporum gs4 20140314 1550285824Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere




Synonimi

Tuber melanosporum var. melanosporum Vittadini (1831), Tuber melanosporum var. moschatum Ferry & H. Bonnet (1893).
Volg. : Tartufo nero di Norcia e Spoleto


Etimologia

Tuber= tubero, (dal latino) a causa della somiglianza con una patata;
melanosporum = dalle spore nere a causa del colore nero delle spore (dal greco mèlas = nero e sporà = semenza, seme, spora).


Sistematica

Regno: Fungi,Divisione: Ascomycota,Classe: Hymenoascomycetes,Subclasse: Pezizomycetideae,Ordine: Tuberales,Famiglia: Tuberaceae,Genere: Tuber,Specie: melanosporum.


Commestibilità

Commestibile eccellente.


Descrizione

Questo tartufo è il più pregiato fra i tartufi neri.
L' ascocarpo misura 20-30-80 mm di diametro ed è globuloso-subsferoidale, talora irregolarmente appiattito con delle gibbosità ottuse disseminate sulla superficie del peridio.
Il peridio è rossastro negli esemplari immaturi poi brunastro più o meno scuro, alla fine bruno-nero, strettamente aderente alla gleba sottostante e percorso da escrescenze verrucose larghe da 3 a 6 mm abbastanza regolari, con la base tipicamente esagonale e la sommità appiattita.
La gleba è soda e compatta, inizialmente bianca poi brunastro-nocciola, a maturazione prende tonalità grigio-bruno scuro; le venature sterili sono abbastanza sottili, si diramano in più direzioni con anse strette e tortuose, fino a raggiungere la superficie del peridio, inizialmente bianche poi biancastre e tendenti ad imbrunire leggermente negli esemplari maturi, con leggero arrossamento a contatto con l'aria; le vene fertili sono bruno-porporine, che è poi il colore predominante di tutta la gleba; l'odore è molto delicato e gradevole, il sapore è definito squisito e caratteristico.
Le spore misurano 30-40 x 20-25 micron, sono ellissoidali, raramente sub globose, aculeate, dapprima gialline poi sempre più scure fino a raggiungere tonalità brunastro-marroncine.
Predilige nettamente i suoli calcarei, fruttifica da 5 a 30-35 cm di profondità associato a svariate essenze, sia di latifoglia che di aghifoglia, soprattutto Quercus pubescens, ma anche Quercus ilex, Pinus nigra, Quercus cerris, Pinus laricio.
Apparently, A.Concerning A.Drawing: Dr. C. Bas ( 1969 ) (reproduced by courtesy of Persoonia , Leiden, the Netherlands)Possibilità di scambio
Per le tonalità cromatiche è molto simile a Tuber brumale Vittadini dal quale si differenzia soprattutto per l'odore che nel Tuber melanosporum è più delicato e gradevole. Nelle pinete si può confondere con i gasteromiceti del genere Rhizopogon.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 8, pag. 894 n. 3558;
Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 171;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, voll. 2 e 5, tav. 1246/2;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, n. 113a;.
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 266;
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 186;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 483;
Bresadola G.: Funghi mangerecci e velenosi, Ed. G.B. Monauni, Trento1965, pag. 79;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 215, tav. 59;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 231, fig. 75B;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav.153B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pag. 575, foto n.1234;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav.244II*;
Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 26;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag.218, tav. 100;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 345b;
Dermek A.: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, pag. 41;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 249;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 36;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 545;
Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 209;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, tav. 50;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 247;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 278;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 334;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 34;
Bozak Romano: Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 298; pag. 378.
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 201 in nota;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 334;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 219;
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 433, tav. 216;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 40, tav. 2a;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 340, foto 968;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 134, n.43;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag.490;
Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, tav. 16C;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 68;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag.307, Iconografia n. 519;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 128;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 170, tav. 23/14;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 389;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 258;
Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 109;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 131;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 486;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 10;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 1, pag. 126 in nota;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 330;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 142;
A. Testi : Funghi d'Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 376;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 662;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 56;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 127 n. 12 in nota;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 345;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 281;.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 548;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 8, pag. 174, n.882;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 213 n. 120;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 1058.


Monografie:

Medardi G. : Atlante fotografico degli Ascomiceti d'Italia, Associazione Micologica Bresadola, Trento, 2006, pag. 399;
Mazzei T. : I tartufi in Toscana, A.R.S.I.A. Regione Toscana, Ed. Compagnia delle Foreste, Arezzo, 1998, pag. 38;
AA.VV.: Funghi ipogei, Società micologica "Carlo Benzoni", Chiasso, 1991, pag. 243.