Scheda n. 451      -       Gennaio 2014       -        Riferimento 837 in nota



AMANITA MUSCARIA fo AUREOLA
(Kalchbr.) Vasely 1887





amanita musc aureola gs3 20140314 1539734832 Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere



Sinonimi

Amanita muscaria var. aureola Kalchbrenner (1873), Amanita muscaria var. aureola (Kalchbr.) Quelet (1886), Amanita aureola (Kalchbrenner) Saccardo (1887), Amanita muscaria fo. aureola (Kalchbr.) J.E.Lange (1915).
Volg. : Ovolaccio


Etimologia

Amanita = dal nome greco Amanos, monte situato tra la Cilicia e la Siria,
muscaria = attinente alle mosche (dal latino muscia = mosca) perché ritenuto capace di attirare le mosche.
aureola = delicatamente dorata (dal latino aureolus = fatta d'oro), per il suo colore aranciato o dorato.


Sistematica

Regno: Fungi,Divisione: Basidiomycota,Classe: Homobasidiomycetes,Subclasse: Agaricomycetideae,Ordine: Amanitales,Famiglia: Amanitaceae,Genere: Amanita,Subgenere: Amanita,Sezione: Amanita,Specie: muscaria.


Commestibilità

Specie velenosa, provoca sintomi a carico del sistema nervoso viscerale, agisce sia sul parasimpatico che sul simpatico, con coinvolgimento anche dell'apparato digerente (sindrome" muscario-panterinica a breve incubazione"), vedi Amanita muscaria (scheda n. 02).


Descrizione

Si tratta di una specie molto pericolosa perché viene confusa con la commestibile Amanita caesarea che spesso si presenta con il cappello uniformemente aranciato senza tracce di ornamentazioni.
Il cappello misura 3-7 cm di diametro, da principio emisferico, poi espanso, coperto da qualche raro frammento di volva, ma di solito totalmente liscio; negli individui adulti il margine si presenta leggermente striato; colore da rosso ad arancione a giallo, lucido, quasi brillante.
Le lamelle sono bianche, molto fitte, attenuato-libere al gambo, leggermente denticolate.
Il gambo misura 6-12 x 0,8-1,2 bianco, da pieno a leggermente cavo, liscio e con piccoli fiocchi, bulbilloso alla base. Anello molto alto, ricadente, bianco nella parte superiore, inferiormente un po' giallo e con margine fioccoso. Volva annessa e formante pseudo circoli anulari attorno al bulbo.
Le spore sono ellissoidali, misurano 9-11 x 6,5-7,5 micron e sono bianche in massa.
La carne è bianca, gialla sotto la cuticola del cappello. Odore e sapore insignificanti.
Cresce soprattutto nei boschi di conifere in estate-autunno. Abbastanza rara.


Possibilità di scambio

Può essere scambiata con la ugualmente velenosa Amanita muscaria, che ha residui di velo in forma di verruche bianche sul cappello ed il gambo circellato-perlinato e con la commestibile Amanita caesarea, ma che presenta le lamelle, il gambo e l'anello di colore giallo. Può essere confusa anche con Amanita crocea, specie commestibile termolabile, che ha cappello arancione, ma è provvista di una volva membranacea inguainante, è priva di anello e presenta un cappello convesso-campanulato con il margine lungamente striato.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 12 n. 15;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 305;
Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1896, pag. 14, tav. 3,
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, voll. 1 e 3, tav. 9;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 107 n. 233;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 3, nota (3);
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 580, fig. 301;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 26 in nota;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 107, foto n. 6;
Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 66;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag. 26, tav.4 in nota;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 405:
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 18;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 433 in nota;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 106, tav. 11;
Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 18;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol.
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 217;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 96 in nota;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 22, foto 10 ;
Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. - Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 94 in nota;
Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983, pag. 122;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 111;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 15;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 15;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 149 in nota, foto 86a;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 296;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 235 in nota;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 79;
BozakR. : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, pag. 82.
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 182, tav. 7;
Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 26;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 1073, tav. 1477;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 276 n. 837 in nota;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 9, tav. 3;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 5;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag.235 in nota;
Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 20, scheda n. 2 in nota;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 126, tav. 1/4;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 406 in nota;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 3, pag. 1137;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 224;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 150, foto 152 in nota;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, pagg 183 e 188;
Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 6 in nota;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 217 in nota;
Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 222 n. 166 in nota;
A. Testi : Funghi d'Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 46;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 24;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 212 in nota;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 351 n. 117 in nota;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 22 n. 2;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pagg. 45 e 51 in nota;.
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 294 in nota..


Monografie:

Gilbert E.J. : Iconographia Mycologica - Amanitaceae, Comitato Onoranze Bresadoliane, Milano 1940, vol. XXVII, suppl. I, pag. 256;
Merlo E.G. - Traverso M. : I nostri funghi: Le Amanite,SAGEP Editore, Genova, 1983, pag. 85;
Foiera F., Lazzaroni E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Amanite, Ed agricole, Bologna, 1993, pag. 104 n. 26 in nota;
Galli R.Le Amanite, Edinatura, Milano, 2001, pag. 120;
Neville P. - Poumarat S. : Amaniteae, Funghi Europei, vol. 9, Ed. Candusso, Alassio, 2004, pag. 310, figg. 50 e 51, foto 20 A e B, tav. 18 A e B.


(Gianfranco Sperati)