Scheda n. 446      -         Dicembre 2013        -        Riferimento n. 394




TRICHOLOMA MYOMYCES (Pers. : Fr.) Lange




tricholoma myomyces gs1 20140211 1272735944Foto di Gianfranco Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e per vedere altri funghi dello stesso Genere



Sinonimi

Agaricus terreus Schaeffer (1762), Agaricus pullus Batsch (1789), Agaricus madreporius Batsch (1789), Agaricus myomyces Persoon (1794), Agaricus myomyces var. madreporius (Batsch) Persoon (1801), Gymnoporus myomyces (Pers.) Gray (1821), Agaricus myomyces var. communis Albertini & Schweinitz (1805), Agaricus myomyces var. myomyces-alter Fries (1821), Agaricus myomyces subs. myosinus Persoon (1828), Agaricus myomyces var. albescens Persoon (1828), Agaricus myomyces var. albogriseus Persoon (1828), Agaricus myomyces var. rubroguttatus Lasch (1828), Agaricus terreus var. chrysites Fries (1838), Tricholoma terreum (Schaeff.) P. Kummer (1871), Tricholoma terreum var. fragrans Peck (1891), Tricholoma terreum var. gracilior Peck (1895), Tricholoma terreum var. aetnense Baccarini (1900), Tricholoma terreum var. bresadolae Saccardo (1915), Tricholoma bisporigenum J.E. Lange (1933), Tricholoma myomyces var. myomyces (Pers.) J.E.Lange (1933), Tricholoma myomyces f. bisporigerum (J.F.Lange) Bon (1975), Tricholoma myomyces f. argentatum Bon (1988), Tricholoma myomyces var. cystidiotum Schanks (1996).
Volg. : Agarico terreo, Moretta, Morella, Capinera.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomy-cetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Tribù: Tricholomateae, Sezione: Terrea, Sottosezione: Terreineae, Genere: Tricholoma, Specie: myomyces.


Etimologia

Tricholoma = con l'orlo peloso(dal greco thrix, trikhòs = pelo, treccia e lòma = orlo);
myomyces = fungo - topo (dal greco mûs, muòs = topo e mùkes = fungo)per il colore grigio della superficie pileica.


Commestibilità

Commestibile delicato come tutte le "morette".


Descrizione

T. myomyces appartiene alla sottosezione Terrineae nella quale sono compresi quei Tricholoma che hanno per lo più cappello grigiastro e carme dolce. Con T. atrosquamosus Saccardo, T. orirubens Quèlet (v. scheda n. 111), T. gausapatum (Fr. : Fr.) Quèlet, T. scalpturatum (Fr.) Quèlet, T. argyraceum (Bull. : Fr.) Gillet e T. cingulatum (Almf.) Jacobasch T. myomyces fa parte di quei Tricolomi ricercati, apprezzati e comunemente conosciuti col nome di morette. che ruotano attorno a Tricholoma terreum (Sch. : Fr.) Kummer (v. scheda n. 55) considerato loro capostipite comune per la relativa omogeneità dei caratteri strutturali ed organolettici.
Il cappello è inizialmente emisferico-campanulato, poi conico-campanulato ed infine disteso ed appianato con un diametro che può giungere ai 6 o ai 7 centimetri. Ha sempre un umbone moderato, ottuso ed un margine appena ondulato, sottile, incurvato, eccedente negli esemplari giovani e fissile in quelli più anziani, con tracce non sempre evidenti del velo generale. La cuticola è asciutta, fibrillosa, lanuginosa, un po' squamulosa al centro, grigiastra con tonalità che vanno dal grigio chiaro argentato al grigio scuro.
Le lamelle sono mediamente fitte, adnate e smarginate al gambo, larghe, talvolta con qualche lamellula, con filo intero o debolmente crenulato, bianche volgenti al glauco e crema un maturità.
Il gambo è pieno, cilindrico, a volte un po' ricurvo, forforaceo in alto poi sericeo, talora decorato da residui del velo biancastro, effimero. Il colore dell'intero stipite è bianco volgente ad una pallido giallino in maturità.
La carne è piuttosto acquosa fragile e poco consistente, poco più spessa soltanto nel cappello, bianca o biancastra. Odore debolmente farinoso, sapore dolce, a volte un po' astringente.
Basidiospore ellissoidali, lisce, ialine, munite di piccolo apicolo e talvolta guttulate. Misurano 6 / 7,5 x 4 / 5 μm. Sporata bianca.
E' un Tricoloma comune, diffuso sia sotto latifoglie sia sotto aghifoglie, su suolo calcareo, dal livello del mare fino a zone montane, isolato o in colonie non molto numerose, dalla primavera all'autunno inoltrato.


Possibilità di scambio

Di norma T. myomyces ha dimensioni ridotte rispetto a T. terreum e differisce da quest'ultimo che è privo di tracce del velo biancastro lungo il gambo ed ha un profumo di farina più intenso. Le maggiori differenze dei Tricolomi volgarmente definite "morette" sono già state descritte nella scheda n. 55 riguardante T. terreum.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 44;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 104 n. 373;
Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1896, pag. 49, tav. 36,
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 54;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 468;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 84, fig. 171;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 4, pag. 317, foto n. 1462;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 9, pag. 104, tav. 849;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 154;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 129;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 132;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 194, foto 164 in nota ;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 37;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 165, foto 167 in nota;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 154;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 766, tav. 1064;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 90, foto 591;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 114 n. 48;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 194 n. 394;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 37, tav. 21;
Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 94, scheda n. 32 in nota;
Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 38;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 428 in nota;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 885 in nota;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 601;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 162;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pagg. 326 e 340, foto 416 e 438 in nota;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 129;
Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 184;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 168 in nota;
A. Testi : Funghi d'Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 202;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 454 in nota;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 247 n. 69 in nota;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 132 n. 297;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 107 in nota;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 430;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 49, n. 107.


Monografie:

Bon M. : Les Tricholomes et ressemblants, Documents mycologiques mèmoire hors sèrie n. 2, CRDP. Amiens (France( 1991, pag. 60;
Riva A. : Tricholoma, Ed. Biella G., Saronno, 1988, pag. 217, tav. n. 18.
Galli R.: I Tricolomi Edinatura s.r.l., Milano 1999, pag. 114;



(Sandro Ascarelli)