Scheda n. 444       -        Dicembre 2013        -         Riferimento pag. 1299




AGROCYBE PRAECOX (Pers. ex Fr.) Fayod 1889





agrocybe praecox gs2 20140211 1661640766Foto di Gianfranco Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere


Sinonimi

Agaricus toqularis Bulliard (1793), Agaricus praecox Persoon (1800), Agaricus praecox var. sphaleromorpha (Bull. : Pers.) Fries (1821), Agaricus gibberosus Fries (1838), Pholiota praecox (Pers.) P. Kummer (1871), Pholiota toqularis (Bull.) P.Kummer (1871), Pholiota sphaleromorpha (Bull.) Quèlet (1874), Pholiota togularis sensu Gillet (1874), Agaricus toqularis var. dunensis J. Kickx (1876), Agaricus britzelmayrii Schulzer (1882), Pholiota gibberosa (Fr.) Saccardo (1887), Hylophila toqularis (Bull.) Quèlet (1894), Pholiotina toqularis (Bull.) Fayod (1889), Agrocybe sphaleromorpha (Bull.) Fayod (1889), Agrocybe gibberosa (Fr.) Fayod (1889), Agrocybe praecox var, praecox (Pers.) Fayod (1889), Pholiota praecox var. silvestris Peck (1897), Toqaria praecox (Pers.) W.G.Smith (1908), Toqaria toqularis (Bull.) W.G.Smith (1908), Toqaria sphaleromorpha (Bull.) W.G.Smith (1908), Pholiota praecox var. cutefracta J.E.Lange (1921), Conocybe toqularis (Bull.) Kühner (1935), Pholiotella gibberosa (Fr.) Ricken (1938), Agrocybe praecox var, cutefracta (J.E.Lange) Singer (1953), Agrocybe praecox var. britzelmayrii (Schutzer) Watling (1985), Agrocybe praecox f. sphaleromormpha (Bull.) Migliozzi & Coccia (1993).
Volg.: Foliota primaverile


Etimologia

Agrocybe = testa del campo o cappello del campo (dal greco agròs = campo e cybe = testa, nel senso di cappello);
praecox = precoce (dall'aggettivo latino) perché si trova sin dall'inizio della primavera.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales,, Famiglia: Bolbitiaceae, Tribù: Bolbitieae, Genere: Agrocybe, Specie: praecox.


Commestibilità

Commestibile ma non da tutti gradita a causa del sapore un po' amarognolo.


Descrizione

È una specie che, a prima vista, fa pensare ad Agrocybe aegerita, (vedi scheda n. 72), perché le è abbastanza simile come colore e dimensioni; tuttavia ad un esame più attento ci si accorge che, oltre a vivere abbastanza isolata, non è cespitosa e, soprattutto non è una specie lignicola ma terricola.
Il cappello misura da 30 a 75 mm di diametro ed è prima emisferico poi convesso, infine anche piano con accenno ad un leggero umbone; la superficie è liscia, viscida a tempo umido, screpolata con il secco. Il colore è grigiastro, bruno-ocra, sempre più scuro al centro, nell'adulto tende a decolorarsi al beige-giallognolo.
Le lamelle sono mediamente fitte, intercalate da lamellule, larghe e smarginate al gambo, di un colore crema-chiaro, per divenire bruno-ocra a maturità; il filo lamellare rimane più chiaro ed è fioccoso.
Il gambo 40-80x 60-100 mm, di forma cilindrica abbastanza regolare, pieno, poi farcito è percorso esternamente da fibrille longitudinali; il colore è bianco-crema, ma tende ad imbrunire a partire dalla base. L'anello è supero, bianco e caduco.
La carne è abbastanza dura, specialmente quella del cappello, fibrosetta quella del gambo, di colore biancastro, con odore farinoso e sapore analogo ma un po' amarognolo.
Le spore sono di forma ellissoidale od ovale, misurano 8,2-9,6 x 5,0-6,5 micron e sono di colore bruno-tabacco in massa.
Si tratta di funghi terricoli molto comuni sia all'interno dei boschi che nei prati già dalla primavera.


Possibilità di scambio.

Si può scambiare, oltre che con Agrocybe aegerita, di cui si è già detto all'inizio della descrizione, anche con Agrocybe molesta, di colore molto più chiaro e che si riconosce perché il velo parziale non sempre si stacca in modo netto dal bordo del cappello che, fra l'altro, risulta molto più screpolato. È anch'essa commestibile (vedi scheda n. 387).


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 282;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 738, n. 3055;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 97;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, voll. 1 e 4 tav. 692;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 172 n. 589, tav. 55/4;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.114 n. 271;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 105 n. 319, tav. 47/12;
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 168;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 630;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 87 n. 730, tav. 27;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 530;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 150, n. 368;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 53;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 193, foto n. 56;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 125 n. 130;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 38;
Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 244;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 98;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 367;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 64;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 341, figg. 291 e 444;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 260;
Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 59;
Dermek A.: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 199, pag. 274;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 290;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 194;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 307;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 558, foto 225;
Phillips R. : Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 168;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 186;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 262;
Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 133;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 146, foto 125;
Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983 pag.207;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 168;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 168;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 113;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 60;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 262;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 80;
Bozak R. : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 61; pag. 141.
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 71;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 142;
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 351, tav. 159;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag,984, tav. 1345;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 242, foto 327;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1 pag. 225 n. 153;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 360 n. 1299;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 408, tav. 106;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 354;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 236;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 184;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 248;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 165;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 136, tav. 6/12;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 300;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1998, collez. 17, tav. 802;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 85;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 728;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 417 e 488;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 249;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 266;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 294, foto 368;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 207;
Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 93;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 103 in nota;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 194;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 320;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 311;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 281;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 431 n. 151 in nota;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 127;
La Chiusa L.: Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 65;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 274 n. 740;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 176;.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 117;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 6, pag. 71, n. 558;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 836.



(Gianfranco Sperati)