Scheda n. 440      -       Novembre 2013       -        Riferimento 111





CANTHARELLUS ALBORUFESCENS Malençon 1975





cantharellus alborufescens gs3 20140115 1988482845Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere


Sinonimi

Cantharellus alborufescens
(Malencon)Papetti & Albe
Volg. Galletto bianco-arrossante


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Aphyllophoromicetideae, Ordine: Cantharellales, Genere: Cantharellus, Specie:cibarius var. alborufescens.


Etimologia

Cantharellus = piccola coppa (dal diminutivo latino del vocabolo greco kàntharos = coppa);
cibarius = attinente al cibo, commestibile (dall'aggettivo latino);
alborufescens = bianco ma che diviene rossiccio (dagli aggettivi latini albus = bianco e rufescens = tendente al rossastro).


Commestibilità

È un fungo eccellente come il Cantharellus cibarius.


Descrizione

I Cantharellus attribuiti inizialmente alla varietà alborufescens e che in seguito hanno acquistato validità autonoma sono dei galletti che si incontrano assiduamente soprattutto nei boschi termofili dei litorali. Sono all'inizio completamente bianchi, per poi tendere ad un giallo pallido ed, infine virare ad un rosso-brunastro.
Il cappello è carnoso e misura 2-10 cm di diametro, dapprima convesso, poi appiattito un po' depresso al centro con margine arrotolato, sinuoso e irregolare; cuticola asciutta, leggermente vellutata, liscia, di colore biancastro da giovane, poi giallo pallido, infine rosso-brunastro.
Pliche lamellari formate da pieghe radiali, spesse, più o meno forcute, anastomosate e decorrenti, di colore tuorlo d'uovo giallo o, a volte, giallo aranciato come la cuticola.
Gambo corto, sodo, cilindrico attenuato verso la base, a volte curvato, pieno, appare come un prolungamento del cappello ed è dello stesso colore del cappello.
Carne spessa, di consistenza fragile, bianco giallastra, sapore dolce e gradevole, profumo leggermente fruttato.
Cresce in boschi termofili preferibilmente di Leccio ma è stato ritrovato anche associato ad altre latifoglie, come Quercus, Castanea edanche Pinus.


Possibilità di scambio

Può essere confuso con Cantharellus cibarius, (vedi scheda n. 22), che è di colore uniformemente giallo.


Bibliografia

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 519 n. 841;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1982, pag. 387;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2003, collez. 22, tav. 1056;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 38, foto 515;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 144, n.111 in nota;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 378 in nota;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 927;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 299;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 535;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 173 n. 34 in nota;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 5, pag. 46, n. 441;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 590.





(Gianfranco Sperati)